Le Cinque Terre, una delle zone più belle e ricche di scenari panoramici in Italia. Qui, nella Riviera ligure orientale, le strade sono tutte curve, e sapete cosa significa? Che fanno al caso nostro per un itinerario!

Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1997, le Cinque Terre sono una terra di colline e spiagge, borghi da fiaba e strade che si inerpicano dal livello del mare a quello della montagna, e che dunque rispondono in pieno alle "esigenze" del rider, che cerca curve e itinerari appassionanti. Che noi di TrueRiders vi proponiamo in questo itinerario.

 

1° tappa - Da Riomaggiore a Manarola

Il nostro viaggio comincia da Riomaggiore, la più meridionale delle Cinque Terre, e quella forse più curiosa: qui, infatti, tutte le case hanno due ingressi. Una misura nata nel Medioevo per proteggersi dagli attacchi dei pirati, e rimasta in tutti gli edifici. Da qui si parte per il Sentiero dell'Amore

Per arrivare a Manarola, si percorre la SP370, la Strada provinciale delle Cinque Terre, che sale dal livello del mare e permette, in circa sei chilometri, di raggiungere la nostra seconda tappa, situata più in alto rispetto a Riomaggiore.

 

2° tappa - Da Manarola a Corniglia

 

Arrivare a Manarola significa scoprire la bellezza della tradizione. Il nome della località, infatti, deriva da "Magna rota", una grande ruota di mulino che probabilmente contribuiva all'economia locale in epoca storica, e che adesso fa bella mostra di sé nel centro cittadino, protetto dal Parco Nazionale delle Cinque Terre.

Passando per Groppo e Volastra, sulla Strada provinciale 51, si raggiunge Corniglia in circa 11 chilometri, attraversando boschi e spazi panoramici del Parco, e scendendo, nella parte finale, nuovamente verso il mare.

 

3° tappa - Da Corniglia a Vernazza

Arroccata sul mare, Corniglia non ha spiagge sabbiose, ma solo scogli e spazi sassosi, collegati con il borgo da una scalinata di oltre 400 gradini, da percorrere con pazienza, ma ammirando un panorama spettacolare.

Ci spostiamo da Corniglia a Vernazza ripercorrendo il sentiero curvilineo e naturalistico della SP51, passando per i piccoli borghi di San Bernardino, Muro Inferiore e Vernazzola, per poi scendere a Vernazza, penultima tappa del nostro viaggio. Durata di questo breve tragitto: poco più di 6 chilometri.

 

4° tappa - Da Vernazza a Monterosso al Mare

Il nostro viaggio si conclude, dopo tante curve (quasi più curve che chilometri, diremmo) a Monterosso al Mare, il più settentrionale dei borghi delle Cinque Terre, dove Montale trascorreva le sue vacanze e dove è possibile visitare la bella Chiesa di San Giovanni Battista e la tranquilla spiaggia di Fegina.

Visitiamo prima Vernazza, l'antica roccaforte difensiva che la Repubblica di Genova costruì per fronteggiare gli attacchi dei Saraceni, con le sue case color pastello, la Chiesa di Santa Maria di Antiochia e il Castello Doria.

Per arrivare a Monterosso al Mare seguiamo due strade contigue: la SP51 e la SP38, per circa 17 chilometri. Questa parte del percorso sale e scende più volte, con tante curve e scenari unici, che ci faranno venir voglia di tornare nelle Cinque Terre quanto prima.

 

 

Altri Itinerari

Messaggio



 

Cerca nel sito

{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Le nostre proposte

All Travellers Hotel, gli hotel per veri riders

Chi viaggia spesso in moto, specie su percorsi e itinerari molto lunghi, sa bene quanto sia importante riuscire a trovare un luogo accogliente, ben fornito e dotato delle strutture più adatte alla nostra due ruote dove poter sostare la notte.

Motokinesi, il tour più ellenico del 2016

In diversi casi qui a Trueriders abbiamo la fortuna di venire a contatto con i protagonisti delle avventure su due ruote che tanto ci appassionano. Oggi andiamo alla scoperta del prossimo viaggio dei Motokinesi: destinazione Creta!