Ti sei mai chiesto quanti e quali tipi di motociclisti esistono? In realtà di categorie potremmo delinearne infinite, o almeno tante quanto sono i volti di questo appassionante mondo su due ruote che vi andiamo a proporre oggi.

Noi di True Riders, però, abbiamo voluto sceglierne solo cinque, tutti caratterizzati da un pizzico di ironia e tanta simpatia. E scommettiamo che anche tu riusciraii ad identificarsi con almeno una di queste categorie. Sicuramente con l’ultima.

 

Il 'Panoramista'

Uno dei vantaggi dell’andare in moto è quello di vedere il mondo. Ma di vederlo davvero, in tutti i suoi punti più belli. Pensa un momento a tutte le volte che ti sei ritrovato, ad esempio, in montagna: un rettilineo a tutta velocità, una curva e poi, all’improvviso, ecco che ti sei trovato di fronte a veri e propri angoli di paradiso. E allora ecco, il ‘panoramista’ è quel motociclista che davanti ad un bel panorama proprio non ce la fa a dare gas e a continuare la sua corsa. Deve fermarsi, rimanere fermo almeno dieci minuti a godersi la vista e almeno altri dieci a fare qualche scatto. Da inviare, ovviamente, ad altri panoramisti appassionati quanto lui.

 

Il Fashionista

Al fashionista si può chiedere tutto tranne che qualche dritta su motori e carburatori. Se la sua moto comincia a emettere qualche strano rumore la porta direttamente dal meccanico. Perché lui di meccanica e cinghie di trasmissione non è un esperto, ma è esperto sicuramente di tanti altri dettagli. Quali? Gli accessori. Quelle piccole cose che rendono la moto speciale e diversa da quella di tutti gli altri motociclisti. Spazio, allora, a specchietti, scarichi modificati e cromature lucidissime. Perché il fashionista vuole che, al suo arrivo, la sua moto si faccia sentire, vedere… e non si faccia dimenticare.

 

Lo Stuntman

Impennate da brivido, acrobazie a folle velocità, stoppie selvaggi. Senza queste cosette, per questo tipo di motociclista andare in moto non sarebbe la stessa cosa. Perché lo stuntman è quello che non riesce nemmeno a concepire un rettilineo a meno di 120 km/h o una curva fatta a meno di 45° di pendenza del corpo. E, soprattutto, è quello che in tutto ciò che fa ci mette sempre un pizzico di esibizionismo. Su ogni social network, da Facebook a Instagram, lo trovi immortalato in foto artistiche delle sue pazzesche performance.

 

Il Monomarca

Ducatisti o Harleysti, questo è il problema. Ma anche Guzzi o Yamaha. Qualsiasi sia la marca, l’importante è la marca. Perché per questa tipologia di motociclista la marca è davvero tutto; è quell’appassionato che la prima moto che ha comprato è stata una Ducati; è quel fedele che Ducati sono state anche tutte le altre quindici moto che ha comprato nel corso della sua vita. Quando gli viene chiesto di cambiare marchio ha prima di tutto una reazione di sdegno, e poi qualche patriottica uscita del tipo ‘Solo la Ducati ha quel rombo di motore che cerco io’.

 

L'Innamorato: la categoria trasversale

Quando all’inizio vi parlavamo dell’ultima categoria, quella in cui sicuramente ti saresti riconosciuto, era di questo che stavamo parlando. L’innamorato. Quel tipo di motociclista che vive, respira ed esiste solo ed unicamente in funzione della sua moto. Chi più, chi meno, ma se sei qui a leggere quest’articolo è perché con le moto un rapporto profondo ce l’hai un po’ anche tu. L’innamorato è quello che tratta la sua moto come tratterebbe la donna della sua vita: l’accarezza, l’accudisce, la ama. Se la sera, dopo una lunga giornata, non la porta a letto con sé è solo per questioni logistiche.

 

E tu in quale categoria ti riconosci di più?

Altre news

Messaggio



 

Cerca nel sito

{{#image}}
{{/image}}
{{text}} {{subtext}}

Le nostre proposte

Motoraduni di Natale (e dintorni): tutti gli appuntamenti 2016/2017

Motoraduni di Natale: gli appuntamenti da non perdere

Tanta beneficenza e un pizzico di goliardia: tra “motobefane” e “motobabbi", ecco il nostro calendario con tutti i prossimi imperdibili motoraduni di Natale e dintorni

Itinerario in moto alla scoperta dei Colli Piacentini

Oggi torniamo nelle lande padane, proponendovi un’itinerario davvero molto bello nell’area dei Colli Piacentini: partiamo quindi alla scoperta di alcuni dei migliori vini DOC! Beh, ricordatevi di non bere mentre guidate, ma alla sera, un bicchiere ve lo concediamo volentieri!