Gilet da moto: ecco come fare la scelta giusta

gilet da moto

Il gilet moto è spesso considerato come un “semplice” accessorio da chi si muove in moto, ma in realtà può essere molto di più. Un capo di abbigliamento versatile, da indossare durante tutto l’arco dell’anno – ne esistono infatti varianti stagionali – che è dotato di tasche, elementi di sicurezza e non solo.

Quando si sceglie lo smanicato moto, insomma, non bisogna guardare soltanto alla mera estetica oppure a uno o due criteri che ce lo farebbero preferire, ad esempio, a una giacca da moto. Stile sì, ma anche sicurezza: una protezione adeguata può essere fondamentale in caso di incidenti stradali. Ecco perché la scelta del gilet deve essere responsabile, oltre che estetica.

Gilet per moto: tutto quello che c’è da sapere

Materiali

Quando si sceglie un gilet motociclista, bisogna valutare soprattutto stagionalità e capacità di protezione del dispositivo.

Per quanto riguarda il gilet moto estivo, ad esempio, la scelta ricade su tessuti traspiranti o su membrane ad assorbenza che vengono attivate dall’inserimento, in speciali sacche, di acqua allo stato liquido.

Nella maggior parte dei casi, i materiali utilizzati sono il poliestere e l’elastane per i modelli tecnici e per il gilet estivo da moto e la pelle per i modelli meno tecnici e più casual.

Protezioni

I gilet x moto sono generalmente divisi in due modelli: quelli tecnici e quelli non tecnici. Mentre per i primi troviamo protezioni rigide e flessibili di vario tipo (soprattutto per schiena e costole, le due parti più esposte a traumi potenziali), i secondi sono realizzati generalmente in pelle o tessuto e dunque non garantiscono la protezione dagli impatti.

Anche le forme sono diverse: i gilet moto tecnici sono più aderenti alle forme del corpo, mentre quelli “lifestyle” sono più larghi e meno aderenti.

Gilet da moto: ecco i modelli migliori

Macna propone il suo interessante modello Cooling Evo, un gilet estivo moto per uomo caratterizzato dal sistema di raffreddamento che viene attivato versando, in una tasca dedicata, 500 ml di acqua. Attraverso questo sistema “meccanico”, l’evaporazione dell’acqua permette di tenere sotto controllo la temperatura del corpo. Questo modello, disponibile nelle taglie dalla S alla XXXXXL, ha un costo medio di 120 euro.

Dainese, brand italiano apprezzato dai motociclisti di tutto il mondo, propone un gilet moto uomo decisamente interessante: è il Soft Flex Hybrid, realizzato in 90% poliestere e 10% elastan. Il modello, dall’aspetto sportivo, è dotato di protezioni rinforzate per schiena e costole, grazie all’uso del Crash Absorb Memory Foam. Il gilet ha un costo medio di 130 euro ed è disponibile nelle taglie dalla S alla XXXL.

Per chi è a caccia di un look molto vintage, la marca JET propone il suo Vintage Waistcoast, un gilet uomo moto caratterizzato dallo stile tradizionale, molto simile ai “panciotti”. Prodotto in pelle di bufalo fresata, che garantisce maggiore resistenza presenta dei lacci laterali per regolarne l’aderenza al corpo e ben quattro tasche (due interne e due esterne). Il prezzo medio è di 35 euro ed è disponibile nelle taglie da S a XXXXL.

Ispirato alla serie Sons of Anarchy, il modello The Revolver di Biker Gear Australia è realizzato in pesante (ma estremamente vestibile) pelle bovina, con chiusura frontale in ottone e tre tasche (due esterne e una interna). Ha un costo di 75 euro ed è disponibile in varie taglie.

Strumento decisamente diverso ma fondamentale in caso di soste non programmate, il Gilet Alta Visibilità di JKSafety è fatto da poliestere riflettente ed è disponibile in quattro colori (giallo, verde, rosa e arancione). Fasce riflettenti e vestibilità immediata lo rendono fondamentale da avere nel proprio baule in ogni caso. Costa 19 euro ed è disponibile nelle taglie dalla M alla XXXXXL.

Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015