TrueRiders

Bauletti moto, guida all’acquisto del modello giusto

Bauletti moto

Viaggiare in modo significa dover portare con sé delle cose necessarie anche per alcuni giorni e oltre allo zaino, molto comodo, capiente e in materiali tecnici, è possibile optare per dei contenitori da attaccare al proprio mezzo, come i bauletti moto.

Questo accessorio si rende utile, a volte indispensabile, anche per un utilizzo cittadino, infatti è una soluzione ottimane per riporre il casco (e altri accessori come la giacca).

Il classico bauletto, molto diffuso, è quello posteriore, ma ne esistono anche di laterali, dov’è possibile sistemare tutti gli oggetti in modo ordinato. Ecco una piccola guida all’acquisto.

Bauletti moto: le caratteristiche principali

Molto utilizzati dai biker cittadini e viaggiatori, i bauletti moto posteriori, solitamente in plastica, s’ installano appunto sul retro del veicolo e possono contenere diverse cose, come il casco, il giubbotto, i guanti e tutti gli altri accessori ingombranti che fanno parte dell’equipaggiamento, nonché quelli personali. In primis quindi per una acquisto azzeccato è necessario valutare la capienza del contenitore, che deve essere compatibile con le proprie esigenze. Se ad esempio si viaggia in due è necessario che il bauletto contenga almeno due caschi.

La larghezza è un fattore da considerare con attenzione perché ovviamente un accessorio di questo tipo crea uno scompenso dinamico sulla moto, quindi meglio scegliere un modello che non va altre i 50 centimetri. Il bauletto può essere dotato di “portapacchino” supplementare, comodo per gli oggetti ingombranti ma leggeri (come i capi d’abbigliamento) e di schienalino per il passeggero. Utile anche la piletta interna.

I bauletti moto laterali sono invece molto utilizzati dai motociclisti che amano fare viaggi in moto e che quindi necessitano di trasportare più cose. A volte questi e/o le borse morbide sono già comprese nell’equipaggiamento delle enduro stradali, che sono studiate proprio per essere arricchite con questo accessorio da viaggio. L’ideale è il tris di bauletti rigidi (uno posteriore e due laterali). Se l’impermeabilità non è garantita dalle guarnizioni, o si vuol stare più tranquilli, basta utilizzare delle borse interne per una migliore tenuta dell’acqua e proteggere gli oggetti preziosi.

Bauletti moto
Bauletti moto: modelli, posizione e materiali per una scelta consapevole

Tra i materiali utilizzati per la realizzazione ci sono l’alluminio, molto resistente contro gli urti, e quindi ideale per viaggi avventurosi, anche se risulta pesante; la plastica ha il vantaggio di essere leggera, aerodinamica e integrata esteticamente, ma è più sensibile agli urti e alla polvere.

Lo svantaggio generale delle borse laterali rigide sta nel fatto che impongono un telaio ausiliario per il fissaggio alla moto, quindi aggiungendo peso ed ingombro al mezzo.

Il classico bauletto posteriore invece s’installa più facilmente sul portapacchi con una piastra di fissaggio, fornita solitamente in dotazione con lo stesso bauletto. Alcune piastre sono universali, per altre invece è necessario verificare la compatibilità con il veicolo. Un consiglio è quello di non posizionare il bauletto troppo in alto, perché andrebbe ad impattare con la dinamica di guida, modificando troppo il baricentro della moto, destabilizzando inevitabilmente il suo assetto; le manovre diventerebbero troppo complicate e anche le buche si farebbero sentire di più, creando fastidio alla schiena.

Bauletti moto: i modelli migliori

Uno dei bauletti moto più ampi con una capienza di 52 litri è il modello GIVI TRK52N Trekker Monokey che contiene due caschi o due giubbotti fino a un peso massimo di 10 kg (220 €).

Il bauletto moto TOPBOX 43 litri è provvisto di piastra, perni e staffe per l’installazione, quindi di tutto l’occorrente per essere installato. Resistente e capiente con un sistema di chiusura a due chiavi è più sicuro anche se un po’ meno comodo. Buono il rapporto qualità/prezzo (50 €).

Un ottimo modello di bauletti moto laterali? Ducati Multistrada 1200 Enduro sono solidi, stabili e resistenti alle intemperie. La capienza è di 44 e 51 litri, abbastanza da contenere un casco integrale. Il coperchio è removibile e apribile dai due lati; la chiusura/apertura è dotata di due meccanismi di aggancio.

Claudia Giammatteo