Manutenzione invernale moto: scopri tutti gli step da seguire


L’inverno non è un periodo felice per i motociclisti. Le condizioni climatiche avverse, le costanti piogge e una temperatura non ottimale, portano molti centauri ad arrendersi e lasciare il proprio veicolo parcheggiato per lungo tempo. Scopriamo allora come fare la giusta manutenzione invernale per la tua moto.

Le prime accortezze da prendere

pulizia_moto

Per prima cosa, se l’intenzione è quella di mandare in letargo la propria moto per l’intero periodo invernale, ricordatevi di mettere in pausa l’assicurazione, in modo da risparmiare una bella cifra.
Prendersi cura della moto è molto importante soprattutto in situazioni come questa, per evitare di trovare spiacevoli sorprese nel momento in cui si tornerà a sfrecciare con il proprio veicolo.
Andando incontro a un lungo periodo di stop il primo passo è quello di lavare accuratamente la moto, utilizzando prodotti tecnici ed efficaci per la pulizia, prevenendo così l’avanzare della ruggine  e che la polvere accumulati si intensifichi ancora di più.
Vediamo ora quali sono gli step successivi per una corretta manutenzione.

Serbatoio pieno o vuoto?

serbatoio_moto

Il consiglio che i più esperti danno in merito a questa domanda è quello di fare il pieno prima di parcheggiare la propria moto. Il motivo per il quale optare per questa scelta è quello di evitare la formazione di ruggine e la corrosione dei materiali in seguito al lungo stop. C’è da dire che i serbatoi più moderni presentano già al loro interno trattamenti antiruggine o sono realizzati in plastica o in alluminio a differenza dei più vecchi che sono in metallo e quindi più soggetti alla formazione di ruggine.
In ogni caso riempire il serbatoio prima di lungo stop sembra essere la soluzione migliore.

Dove parcheggiare la moto?

Essendo un parcheggio molto prolungato, il consiglio è quello di posizionare la propria moto in un box o in un garage, naturalmente se possibile, in modo che non sia di intralcio. In questo caso basterà metterla sul cavalletto ed equipaggiarla con un telo coprimoto, per evitare la formazione di ruggine e condensa e proteggerla dalla polvere.
Nel caso in cui la soluzione interna non sia possibile, è preferibile trovare un luogo che sia comunque abbastanza riparato dal sole e dalle precipitazioni atmosferiche. L’importante in questo caso è coprire la moto con un telo da esterno che sarà più resistente di un classico coprimoto, per reagire meglio alle intemperie climatiche.

Fare attenzione alle gomme

Anche il modo in cui parcheggiare la moto è fondamentale, non solo la sua posizione. Le gomme soffrono molto l’umidità e il contatto con il suolo; quindi, per evitare che assumano una forma non gradita, occorre mettere il veicolo su un apposito cavalletto che sia in grado di sollevare da terra entrambi gli pneumatici.
A questo punto bisognerà soltanto coprire la moto fino alle gomme per prevenirne l’usura.

Manutenzione della batteria

batteria_moto

La batteria della moto è molto fragile in queste situazioni e un lungo periodo di inattività potrebbe portare ad una perdita totale dell’energia, compromettendo poi la riaccensione. La soluzione ideale è quella di collegare la batteria ad un mantenitore, posizionarla in un luogo asciutto dove non ci siano eccessivi sbalzi di temperatura e il freddo non sia così pesante.
Un’alternativa che non preveda l’utilizzo di un mantenitore è quella di accendere periodicamente la moto, ma il risultato potrebbe non essere efficacie allo stesso modo.

Video Itinerari