Collodi, la città di Pinocchio: guida e cosa vedere - TrueRiders

Un viaggio “da fiaba” nel borgo di Pinocchio: in Toscana c’è un piccolo paese davvero insolito

Stefano Maria Meconi  | 28 Gen 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti

Intraprendendo un viaggio a Collodi, ti troverai immerso in un mondo dove la fantasia si intreccia con la storia. Questo borgo, sospeso tra realtà e leggenda, è un mosaico di colori, suoni e sapori. Mentre passeggi per le stradine acciottolate, sentirai l’eco delle risate di Pinocchio e dei suoi amici. Ogni angolo del paese sembra raccontare una parte della famosa storia, con murales e sculture che sbucano qua e là, come per incanto. E quindi, sei pronto a vivere questa avventura toscana?

Collodi in moto. L’itinerario

Mappa

Percorso

Il percorso che porta a Collodi è un viaggio nell’entroterra toscano, ai piedi degli Appennini e fuori dai “soliti giri”. Evitando anche la FI-PI-LI, l’autostrada che unisce Firenze alla costa tirrenica, si passa infatti per le vie secondarie toccando, in progressione successiva, Collodi e Montecatini Terme, altra meta di grande pregio per turismo e benessere, arrivando infine a Pistoia, la città delle rose.

Un borgo “fiabescamente” bello

Collodi è un borgo incantato che sembra uscito da una pagina di favola, dove ogni pietra e ogni via raccontano la storia di Pinocchio e del suo creatore, Carlo Lorenzini, noto come Carlo Collodi. La storia e l’architettura di questo villaggio sono preservate con cura, offrendo un’immersione completa in un passato ricco e affascinante. Questi sono i suoi principali luoghi da scoprire

  • Parco di Pinocchio: Questo è il cuore pulsante di Collodi, un parco tematico dove la storia del famoso burattino prende vita attraverso sculture, mosaici e architetture realizzate da grandi artisti italiani. Inaugurato nel 1956, il parco è una vera e propria “città dei giocattoli” dove adulti e bambini possono immergersi nella magia della storia .
  • Casa delle Farfalle: Una serra in pietra e cristallo ospita più di mille specie di farfalle provenienti da tutto il mondo. Questo luogo colorato offre un’esperienza unica, dove la bellezza e la varietà della natura si manifestano in modo straordinario .
  • Villa Garzoni e il suo Giardino all’Italiana: La villa, che domina il paesaggio di Collodi, è famosa per i suoi spettacolari giardini, caratterizzati da giochi d’acqua e trionfi architettonici. Questo luogo storico era dove il padre di Carlo Lorenzini lavorava come giardiniere, aggiungendo un legame personale alla storia del luogo.
  • Chiesa di San Bartolomeo: Situata in cima al castello di Collodi, questa chiesa offre una vista panoramica mozzafiato sull’area circostante. È un luogo perfetto per contemplare la bellezza del paesaggio toscano.

Oltre a questi luoghi, la zona circostante offre diverse attrazioni come il Museo Bonsai e il Giardino degli Agrumi a Pescia, e il centro storico medievale di Uzzano per una vista spettacolare sulla valle.

Cosa mangiare a Collodi (e dintorni)

La cucina di Collodi e della Toscana offre delizie per il palato. Tra i piatti che meglio rappresentano la cucina regionale c’è la Ribollita, una zuppa rustica e ricca a base di verdure. Lasciati tentare dal Cinghiale in umido, un piatto forte e saporito, che racchiude l’essenza dei boschi toscani. Per un finale dolce, prova la Torta co’ bischeri, un dessert tradizionale dal cuore morbido e irresistibile.

La Toscana è anche terra di grandi vini, e questi piatti abbinano perfettamente con un bicchiere di Chianti, il vino rosso per eccellenza della regione, o con un Brunello di Montalcino, altro vino prestigioso. Per gli amanti dei vini bianchi, la Vernaccia di San Gimignano è una scelta eccellente.

Stefano Maria Meconi
Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur