Europa on the road: le migliori tappe su strada - TrueRiders

Europa on the road: quali sono le tappe principali per un viaggio su strada

Stefano Maria Meconi  | 31 Gen 2023  | Tempo di lettura: 5 minuti

Siamo abituati ad associare alle vacanze on the road esclusivamente l’America, ma in verità anche l’Europa offre degli itinerari molto interessanti per un viaggio su strada indimenticabile, senza perdere le più grandi tappe che il continente può offrire.  Da Venezia fino a Istanbul, per poi risalire fino in Lapponia, tornare verso il Belgio, passando anche da Bruges, il Portogallo e concludendo tornando in Italia.

Stiamo parlando di un itinerario perfetto on the road ideato dall’Americano Randy Olson che comprende ben 45 tappe per un totale di 26mila chilometri da percorrere in 14 giorni, soste escluse.

Dall’Italia all’est Europa

L’Italia è il nostro inizio non solo perché è probabilmente il luogo da cui stiamo partendo, ma anche perché proprio il nostro Belpaese ha una gran quantità di meraviglie che meritano di essere visitate e che sono state incluse nell’itinerario perfetto di Olson.  La prima tappa, per una convenienza narrativa nostra, sarà Venezia. Starà a voi decidere quanto fermarvi in questa meravigliosa città, ma certo non è possibile perdersi il Canal Grande o Piazza San Marco.

Montiamo nuovamente in sella alla nostra moto e dirigiamoci verso le prossime tappe: la Toscana, in particolare Firenze, poi Roma con il suo Colosseo, la Città del Vaticano per un viaggio nella storia cristiana del nostro paese e per finire nel sud, nella meravigliosa costiera amalfitanaSarà necessario prendere un traghetto arrivati a questo punto, così da poter procedere verso la prossima tappa, la prima estera: Gozo, a Malta.  Possiamo concederci un giro lungo le strade della piccola isola ricca di siti storici romani o lungo le sue meravigliose spiagge, per poi decidere infine di spostarci ancora e tornare nuovamente sul continente.  Nell’itinerario perfetto abbiamo adesso Dubrovnik, in Croazia, e qui partirà il nostro giro dell’est Europa.

L’esplorazione dell’est

Dopo essersi concessi del tempo nella meravigliosa città croata possiamo ripartire, dirigendoci alla volta di Santorini, in Grecia.  Non saranno sempre presenti nelle nostre tappe le grandi destinazioni come ad esempio Atene, ma l’itinerario prende comunque in considerazione spesso il passaggio da queste grandi città, come ad esempio nel caso, appunto, di Santorini: si tratta di un’isola, quale modo migliore per raggiungerla se non con un traghetto che parte proprio da Atene? Arrivati alla punta della Grecia, possiamo prepararci a tornare verso nord, risalendo fino a Rila Monastery, in Bulgaria: patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1983.

Il nostro viaggio attraverso le meraviglie dell’est Europa, infine, prosegue attraverso Istanbul (Turchia), Sighisoara (Romania), Budapest (Ungheria), con un veloce salto a Vienna (Austria), Praga (Repubblica ceca) e Cracovia (Polonia) prima di cominciare il nostro viaggio tra le meraviglie del nord Europa.

Gli spettacoli naturali del nord Europa

Quanti di voi possono dire di essere mai stati (o di avere in programma di andare) in Estonia? Non è una meta tra le più ambite e turistiche, infatti, ma vi assicuriamo che merita tutto il nostro tempo e le nostre attenzioni.  L’itinerario di Olson infatti prevede una tappa anche qui, in particolare alle cascate del Jagala, una bellezza naturalistica come poche ne avete viste prima.  Ricordiamoci di vestirci molto pesante, perché da qui inizieremo ad affrontare il gelo del nord, attraverso tutta la Finlandia, fino ad arrivare in Lapponia: la vera casa di Babbo Natale.

Secondo Oslon per arrivare in fondo all’itinerario saranno necessari esclusivamente 14 giorni, ma le meraviglie di questi paesi dalla forte impronta naturalistica siamo sicuri che vi stregheranno e difficilmente resisterete alla tentazione di fermarvi in qualche caratteristico villaggio per respirare a pieni polmoni l’aria del tetto del mondo.  Una volta lasciata la nostra letterina direttamente nella cassetta postale di Babbo Natale, possiamo rimetterci in viaggio, alla volta della Svezia. Imperdibile per Olson è l’Icebar di Jukkasjarvi, un bar costruito interamente di ghiaccio. Per concludere l’intero giro del nord, non possiamo che arrivare a Bergen, in Norvegia, passando vicino ai magnifici fiordi, e rientrare infine verso il centro Europa con Copenhagen, in Danimarca.

In viaggio lungo l’Europa centrale

Copenhagen è una città che vi terrà fermi per qualche giorno, ne siamo sicuri, ma non appena vi sentite soddisfatti potete finalmente rimettervi in sella e decidere di ripartire, per concludere questo magnifico giro dell’intera Europa.  Prossima tappa: Berlino, in Germania, per poi passare ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, e infine a Lisse, dov’è presente uno dei parchi botanici più belli dell’intero continente, il Keukenhof.

Sarà necessario nuovamente far affidamento a un traghetto per riuscire a raggiungere la costa del Regno Unito, dove potrete rimettervi in strada e percorrere l’intera isola fino a Edimburgo e, successivamente, a Inverness, quasi all’estremo nord della nazione.  Da qui possiamo spostarci in Irlanda, a Ballybunion e successivamente far visita alle Scogliere di Moher. Proseguiamo fino in Cornovaglia, ricchissima di storia e meravigliosa da visitare, tappa rapida anche a Stonehenge (imperdibile) e infine si torna verso sud, verso Londra.

Facciamo affidamento un’ultima volta sul traghetto per tornare in Belgio, così da raggiungere Bruxelles, capitale e snodo perfetto per una rapida visita anche alle Fiandre belghe. Una volta che avrete fatto una bella scorpacciata di moules et frites, potrete rimettervi in strada per raggiungere un’altra capitale imperdibile della nostra meravigliosa Europa: Parigi, in Francia. Da qui è possibile poi attraversare l’intera Francia, passando di fianco (e magari fermandosi ogni tanto) alle grandi città o ai piccoli paesi tipici francesi, prima di arrivare a Pamplona, in Spagna.

Europa dell’ovest e la conclusione del viaggio

Il giro della Spagna prevede prima una rapida deviazione per Lagos, in Portogallo, così da non perderci niente del paese più occidentale dell’Europa, per poi tornare alla Spagna e le sue grandi offerte turistiche: Granada e Barcellona, con tappa intermedia a Ibiza prima di raggiungere quest’ultima, se decidiamo di inoltrarci nuovamente via mare per un’ultimissima volta.  L’itinerario di Olson, infine, ci riporta in Francia, a visitare il Massiccio del Luberon e, in particolare, la meravigliosa Bonnieux, sul fianco di una delle sue colline.

Si prosegue poi verso Nizza, per arrivare infine a Montecarlo, patria dei casinò. Se la bella vita del luogo non vi ha trattenuto del tutto, potete decidere di concludere il vostro lungo e meraviglioso viaggio con le ultime tappe che Olson propone: Interlaken (Svizzera), Innsbruck (Austria), Monaco (Germania) e per concludere Pag (Croazia).  Da qui sarà così possibile riprendere la strada di casa e fare rientro, infine, a Venezia. Dove tutto è cominciato.

Stefano Maria Meconi
Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur