Hvar, l’Isola Lunga della Croazia in moto

Hvar, in moto alla scoperta dell’Isola lunga della Croazia

Hvar: la Croazia in moto, un’esperienza per godersi il sole e i meravigliosi panorami sul mare e i vigneti.

Maggiore tra quelle della Dalmazia, oltre alle spiagge da sogno e alla movida, l’Isola di Hvar ha tantissimo da offrire. Immersa nel Mar Adriatico e circondata delle più piccole Brazza, Lissa e Curzola, l’isola di Hvar (in italiano la chiamiamo isola di Lèsina) è, con i suoi 28 chilometri, la più lunga fra le isole della Dalmazia.

Una striscia di terra oggi meta di numerosi turisti, specialmente nel periodo estivo, capace di offrire panorami mozzafiato, spiaggia di sabbia e di ciottoli, campi di lavanda, vigneti e oliveti centenari a perdita d’occhio. Hvar non è però soltanto natura, ma anche storia e cultura: sparsi sui suoi 300 chilometri quadrati di superficie, decine di borghi e paesini custodiscono al loro interno reperti e opere d’arte di inestimabile valore.

Nel corso dei secoli, infatti, l’isola, così come l’intero territorio della regione, s’è vista contesa in decine di guerre, prima tra i greci, poi tra i romani e poi ancora tra i bizantini, gli slavi e i veneziani. Una storia millenaria che, inevitabilmente, ha profondamente segnato, nel bene e nel male, questa regione e le sue genti.

Così bella e così vicina all’Italia, l’isola di Hvar merita senza dubbio d’esser visitata: il clima mite rende infatti il soggiorno sull’isola piacevole in tutte le stagioni anche se, ovviamente, la preferita dai vacanzieri si dimostra essere quella estiva, perfetta per godere appieno delle sue spiagge e del mare azzurro.

Tutto quello che c’è da sapere su Hvar

Mappa

Come arrivare

L’isola, dicevamo, è facilmente raggiungibile e le migliori soluzioni per un viaggio in moto sono, in questo caso, due: arrivarci direttamente dall’Italia a bordo di un traghetto internazionale, o salpare (sempre con la moto imbarcata) dal porto di Spalato o da quello di Drvenik. Nel primo caso, basterà imbarcare la moto in Italia, partendo, per esempio, dal porto di Ancona o da quello di Pescara: le partenze sono assai frequenti ma le tariffe, si sa, variano sensibilmente a seconda della stagione.

Nel secondo caso, invece, bisognerà mettere in conto qualche (piacevolissima) ora in sella. Partendo, per esempio, da Milano, si raggiunge Spalato in circa 9 ore (che diventano solo 6 per i veneti), percorrendo la A4 e poi la E71 per circa 800 chilometri. Sebbene non eccessivamente impegnativa, la cosiddetta “tirata unica” può essere evitata con la scusa di una sosta lungo la strada. In questo caso, il consiglio potrebbe essere quello di avvicinarsi alla costa una volta superata l’Istria e scegliere (se avete con voi anche la tenda) uno tra le centinaia di campeggi vista mare.

Giunti a Spalato – altra bellissima città che merita una visita – il gioco è fatto: con 3 o 4 partenze giornaliere (in alta stagione anche 6 o 7) il traghetto arriva al porto di Stari Grad, sull’isola Hvar in 120 minuti.

Spiagge

Le spiagge di Hvar (o Lesina, per utilizzare la vecchia nomenclatura italiana) sono ambite dai turisti di tutta Europa, particolarmente dai giovani. Sabbia finissima, scogli e ciottolato rendono la vacanza una scoperta continua. La piccola caletta di Jagodna è interamente circondata dal verde: la spiaggia è di sassi e sabbia, dall’acqua cristallina con moto ondoso sempre abbastanza rilevante.

Mlaska è particolarmente adatta alle famiglie: il mare non è eccessivamente profondo e gli spazi sono ampi, con vari servizi. A Lucisce si ritrovano gli innamorati: addirittura secondo la legenda locale sembrerebbe che la spiaggia favorisca la fertilità! Tranquilla e silenziosa è Sveta Nedjelja, un piccolo angolo di sabbia finissima tra le rocce per chi non ama il caos.

Come visitare Hvar in moto

Hvar
Hvar, la Croazia in moto tra spiagge e angoli di paradiso

Pur godendo dello status di isola maggiore, i 28 chilometri di Hvar non sono poi molti: ciò vi consentirà di esplorarla in ogni sua parte, godendovi i panorami sul mare con l’aria tiepida che vi accarezza la pelle. Hvar ha molto da offrire, dalle più comuni attrazioni turistiche, come i locali notturni o le spiagge attrezzate, ai piccoli paesi sparsi su costa ed entroterra.

Da visitare, il paesino di Sucuraj, situato sulla punta orientale dell’isola: un piccolo villaggio di pescatori circondato da spiagge e baie nascoste, con alle spalle, poiché un tempo dimora della regina Teuta, più di 2300 anni di storia.

Seguendo invece la strada che da Jelsa (piccolo porto dalla vocazione particolarmente turistica e festaiola che si trova nella parte centrale della costa settentrionale) conduce al tunnel che porta nella parte sud dell’isola, è possibile raggiungere e visitare anche il villaggio di Ivan Dolac che, circondato dai vigneti, rappresenta al meglio la cultura e, con le sue caratteristiche case in pietra, lo stile architettonico dalmata.

Riccardo Allegro