Passo Castrin

Passo Castrin - Lago Tovel

In Trentino Alto Adige vi è un valico di montagna che addirittura compare come una mera linea tratteggiata sugli Atlanti, e che prende il nome di Passo Castrin.

Se anche tu non lo hai mai sentito nominare è perché trattasi di un valico nato da poco tempo, attraverso la creazione, nel 1988, del tunnel Hofmahdjoch. Questo ha permesso di collegare il Castrin con i comuni di Senale, San Felice, Lauregno e Proves, nel complesso della Valle di Non e non lontano dalle Maddalene.

Una meta da provare se sei un Trueriders in quanto caratterizzata da pendenze, tornanti e alture da brivido, a 1750 metri di altezza rispetto al mare.

Il valico ha un peculiarità: per accedervi è necessario percorrere oltre al tunnel di cui si è detto, una serie di 4 gallerie. Quella che da accesso al valico è lunga all’incirca 7.5 km con una pendenza pari al 9,3%.

Quando percorri il Passo Castrin sai quando parti ma non quando finisci, in quanto è assente la segnaletica che illustra la fine del valico. Addirittura in inverno è la neve che segna, idealmente, i limiti geografici della zona.

Geograficamente parlando il Passo Castrin è un’area immersa nel Trentino Alto Adige confinate con l’Austria, ragion per cui qui troverai molti italiani di nazionalità parlare in tedesco, così come i cartelli della segnaletica stradale saranno bilingue.

Passo Castrin: cosa vedere

Il Passo Castrin, ponendosi a ponte tra le aree della Valle del Non e delle Maddalene, ti permette di accedere a diverse luoghi di particolare fascino naturale, storico e artistico.

Mete da scoprire in moto, da visitare per rimanere incantato dalla natura e dalla presenza di chiese e elementi in architettura tipici di queste aree, dove il tempo sembra essersi fermato.

Lago Tovel

Durante la tua passeggiata in moto verso il Passo Castrin nella prossimità della Valle di Non potrai sostare ad ammirare le acque del Lago Tovel.

Questo lago fino a qualche anno fa era molto visitato per via di un fenomeno naturale, dovuto all’azione di un’alga, che rendeva le sue acque di colore rosso intenso. Oggi il maggior equilibrio del bacino ha reso le acque “specchiate”.

Sentieri della valle di Tovel

Adiacente al Lago di Tovel vi sono i sentieri che compongono l’omonima valle in cui potrai perderti in meravigliosi tour ammirando la bellezza della vegetazione e dei fiori che in primavera risultano dare un colore all’area davvero unico.

La valle ha una lunghezza di ben 17 km e presenta sentieri che permettono di ammirare il Lago Tovel da tutte le angolature.

Conjon Rio Sass

Un percorso davvero irresistibile da non farti mancare se decidi di addentrarti nelle valli che delimitano il Passo Castrin, una tratta rocciosa dove avventurarsi in una situazione di bilico.

La zona molto ripida e suggestiva delimitata da una cascata che accompagna l’intero percorso.

Val d’Ultimo

A confine che il Passo Castrin qui potrai immergerti tra i boschi e gli animali tipici del posto, per un tour in piena di natura, rilassandosi vicino alla Fontana Bianca a circa 1800 metri di altitudine.

Una cartolina di montagna in cui trascorrere ore di relax prima di addentrarti nel Passo.

Sentiero di Proves

Il paesino più vicino al Passo Castrin, si tratta di un piccolo centro di montagna, abitato da gente del posto, una realtà davvero significativa fatta di case di legno incastonate tra le montagne.

Dal paesino è possibile accedere ad un sentiero che ti porterà in un percorso fatto di dislivelli, montagne e tanto verde dove potrai avere una vista esclusiva dall’alto del posto.

Passo Castrin: itinerario

Il Passo Castrin è un’opzione alternativa alle classiche mete di montagna, tratta meno conosciuta, qui potrai perderti in una passeggiata in moto tra il verde delle aree rustiche della Val d’Ultimo e gli ambienti illuminati delle Maddalene.

La particolarità di questo valico sono le gallerie che accompagnano la salita e presentano una buona illuminazione. Tuttavia, al fine di evitare di avere problemi di visuale e per renderti meglio visibile è meglio percorrere le gallerie con le luci della moto accesa.

Nel raggiungere Passo Castrin si inizia in modo semplice ossia con una discesa che ti porta dritto al torrente, proseguendo per l’area delimitata del bosco iniziano i tornanti di pendenza sempre maggiore man mano che si sale. Dopo all’incirca quasi 4 km iniziano le gallerie alternate a pendenze.
Il percorso termina con un’ultima galleria traversata la quale spunterai dritto al valico del Castrin.

La salita del Passo Castrin è impegnativa: partendo da Lana devi proseguire per più di 24 km abbondanti, ma l’impegno è premiato dallo spettacolo che si presenta un panorama da lasciarti incantato.

TrueRiders