TrueRiders

BonzoTeam, Dolomiti Marathon 2015: alla conquista del Passo del Bernina tra Italia e Svizzera

maloja2 740x450 - BonzoTeam, Dolomiti Marathon 2015: alla conquista del Passo del Bernina tra Italia e Svizzera

BonzoTeam alla conquista del Bernina. La quarta tappa del viaggio sulle Alpi ci porta in equilibrio tra Italia e Svizzera, passando per il Grigioni e la Valle di Livigno. Un percorso dal grande fascino naturalistico, e dal meteo… non troppo clemente!

Da Madesimo dopo la solita corposa colazione in cui prendono note di merito Lorena e Tone per la soddisfacente capacità di provare di tutto…scendiamo verso Chiavenna e in un batter d’occhio rientriamo in territorio svizzero pronti per affrontare il Malojapass, che a dispetto dell’altezza (solo 1815 mt) ci regala le prime entusiasmanti curve, che in un primo momento mi ricordano quelle del Col de Forclaz conquistato lo scorso anno, ma poi diventano tortuosi tornanti fino al punto del valico dove un fantastico belvedere naturale ci consente il primo stop della giornata!

Fatte le solite diecimila foto ci copriamo di nuovo dei nostri abiti invernali e tutti e ripartiamo direzione St. Moritz, ma poco prima del bivio per la famosa meta sciistica giriamo in direzione dell’anello che ci permetterà di passare sia lo Julierpass (2.284 metri) che l’Albulapass (2.312 metri) nel canton Grigioni. Che dire, lo Julier si lascia guidare molto bene, ricorda quasi i passi francesi senza alcune protezione al lato e il paesaggio in cima è a dir poco lunare! Anche qui grandi tracce di neve ma che fortunatamente oramai non impensieriscono più. Dopo il Grimsel, ci abbiamo fatto quasi il callo!

Di tutt’altro fascino la salita all’Albulapass,; inizia quasi come un tracciato da fuoripista, stretto e fangoso, che quasi ricorda la salita al Col de la Lombarde in Francia, si procede lentamente anche perché si è affascinati da tutto ciò che si ha intorno, un tripudio di grandissimi scenari naturali! L’immagine più forte che ho è quella di una cima del tutto innevata che però col sole è a dir poco spettacolare, apponiamo l’adesivo del BT (qui se ne incarica Eleonora), altre mirabili foto e via verso il mitico Bernina!

La Valle di Poschiavo è verdissima e la salita al Passo Bernina (2.330 metri) entusiasmante, d’altronde stiamo per conquistare un altro mostro sacro tra i passi alpini! Ma è anche ora di pranzo perciò niente di meglio che gustarsi una bella grigliata mista ammirando il Piz Bernina (unico “quattromila’” dei Grigioni) ed un sole meraviglioso! Stracarichi di proteine, vitamine e ferro ripartiamo alla volta dell’altrettanto affascinate Forcola di Livigno (2.315 metri), nella valle di Livigno in territorio italiano e di lì nella incantevole Livigno!

Giungiamo a Livigno intorno alle 17, tempo una doccia veloce e via per le stradine del paese che a dire il vero è piuttosto lungo; le ragazze comprano le solite amenità con il miraggio di prezzi bassissimi, Livigno è porto franco, Tone cerca un super-obiettivo per la sua fantastica macchina fotografica…evidentemente i prezzi non sono così bassi! Il Bonzo ritrova l’hotel delle sue fanciullesche vacanze, io da bravo pirla mi devo comprare un paio di pantaloni casual poiché ero partito con un solo e puntualmente si è macchiato la prima sera! Troviamo anche del grasso per le nostre amate catene che poverine stanno subendo di tutto…il mio piccolo grasso spray da viaggio è durato ben poco.

Nel carinissimo Hotel Silvestri gustiamo anche un’ottima cena, con dei pizzoccheri ottimi che bisso con gusto. Dopo una entusiasmante partita a briscola e tressette, dai risultati… tutti da scoprire, ci riposiamo! Anche il Bernina è alle spalle, e il viaggio prosegue.