TrueRiders

Dolomiti Marathon 2016, giorno 1 – In moto da Roma al Passo della Futa

futa 1 740x416 - Dolomiti Marathon 2016, giorno 1 - In moto da Roma al Passo della Futa

Come le ferie ad agosto, anche la Dolomiti Marathon dei ragazzi di BonzoTeam è un appuntamento imperdibile dell’estate, e certamente loro non potevano non raccontarci questa edizione 2016 del viaggio dolomitico che già dalle primissime battute si preannuncia straordinario.

Dal 24 al 29 giugno 2016 Bonzo, Max, Sorcio, Aldone, Sacrip’s, Manuel, Tone, Er Duka, Massimo, Teschio ed Er Tutina hanno percorso 2100 chilometri tra Italia ed Austria, superando ben 15 passi con una altezza minima di 706 metri (il Passo San Boldo) e una massima di 2504 metri (l’Hoctor Pass). Pronti a vivere delle emozioni e, chissà, anche a farvi ispirare per il vostro prossimo viaggio in moto? Ready, set, go!

 

Introduzione

Alla fine ci siamo riusciti, abbiamo atteso un anno ma in questo Marathon abbiamo messo tutta la nostra voglia di viaggiare e stare insieme, di valicare passi alpini conosciuti o totalmente nuovi, insomma è stato un gran successo!

Il nostro diario per raccontarvi le emozioni provate, e quanto due semplici ruote possano accendere la passione!

 

Day 1 – 24 giugno 2016

Allo storico piazzale del BT ci ritroviamo in undici, puntualissimi alle 15.30 con una gran voglia di partire. Le moto splendenti sono pronte a sostenerci in questa ennesima cavalcata e il caldo romano “acuisce” il nostro senso di evasione verso mete più…fresche! Alle 16.00 i motori iniziano a cantare e di gran slancio puntiamo verso Barberino del Mugello, tappa oramai fissa, per spezzare al meglio il lungo trasferimento verso le Dolomiti (stavolta prese dal lato bellunese).

Due le soste obbligate sulla noiosa autostrada per benzina e reintegro liquidi persi (sempre causa gran caldo) e alle 19.00 siamo sulla “meravigliosa” SR65 della Futa per le prime curve di un certo gusto fino al nostro punto di riposo: il B&B Belvedere di Mugello, immerso nel verde, presso Monte di Fò. Neanche il tempo di smettere le tute che siamo tutti in piscina a rinfrescare le terga (tranne Aldone che in un raptus maniacale inizia a pulire la sua BMW… mica lo sa cosa lo aspetta!). Alle 20.30 il ristorante Gualtieri, a pochi passi dal B&B, ci accoglie con le tagliatelle al ragù fatte in casa (dalle generose porzioni) e della buona carne accompagnata da patate al forno e verdure, conto sui €25 (amari offerti dalla casa). Buon rapporto qualità\prezzo.

Rientro al B&B per le ultime chiacchiere della giornata, non prima di aver aperto le danze col gioco del tressette e della briscola, qui la coppia conclamata è il Tutina e Sacrip’s che accettano il guanto di sfida lanciato da Marcolino (Teschio) e Max. La vittoria, alla “bella” è per la coppia storica del BT (non senza lo smacco subìto di un “cappotto”, ma tant’è…). Il B&B è abbastanza spartano, e con qualche pecca nel comfort dei letti, probabilmente non lo consiglieremmo, almeno non a una brigata numerosa come la nostra. Il costo? €25 a testa per pernotto e colazione.