Alpi Orientali in moto

zelenci slovenia_148360040




Italia, Slovenia e Austria: sono le tre nazioni i cui confini si incontrano geograficamente sulle Alpi dell’est. Benché nella storia i confini si siano spostati molte volte, l’unica cosa immutabile nel tempo sono queste montagne, affascinanti, rocciose, irte di curve… da scalare con un bell’itinerario sulle Alpi Orientali in moto. Sei pronto? 

Alpi Orientali in moto: l’itinerario

Il percorso in moto sulle Alpi Orientali parte dalla splendida Udine, si inerpica verso il confine con la Slovenia, prosegue tra Plezzo e Kranjska Gora e, entrando in Austria, ti porta fino alla bella località alpina di Villach.

134 chilometri di percorso, ideale da fare nel fine settimana o per una piccola gita fuori porta di un giorno, a seconda del tempo a tua disposizione, ma che in ogni caso ti farà “conquistare” territori di montagna a lungo contesi tra le nazioni!

Mappa

Percorso

La partenza è prevista da Udine, la città del Tiepolo, una delle metropoli storiche del Nord Italia e la città più importante della zona del Friuli (mentre Trieste, nella regione storica Venezia Giulia, è diventata italiana “solamente” nel 1954).

Oltrepassata la città di partenza, dirigiti sulla SS54, in direzione di Cividale del Friuli, bella località che si trova poco distante dal confine sloveno, e che segna l’ingresso nella “zona alpina” del nostro itinerario. Lasciata anche Cividale del Friuli, segui la SS54 in direzione di Stupizza, ultima località sul territorio italiano prima del confine.

Entrato in Slovenia, il percorso cambia nome in Strada 102, e prosegue incontrando prima il comune di Staro selo, e successivamente continuando fino a Kobarid. Da qui, lascia la Strada 102 (che prosegue verso il centro-sud del paese, in direzione della capitale Lubiana), e immettiti sulla Strada 203 verso nord, toccando Sprenica e Zaga, prima di giungere a Plezzo/Bovec.

Passo della Moistrocca
Passo della Moistrocca: la Ruska Kapelica (Cappella dei Russi), dedicata ai prigionieri russi morti durante la realizzazione della strada nel 1916

Da qui, inizia uno dei tratti più interessanti dell’itinerario sulle Alpi Orientali in moto, ovvero quello che ti porterà ad attraversare il Passo della Moistrocca. Questo passo, che per circa 25 anni si trovava in parte sul confine tra Italia e Jugoslavia (e ora è interamente in territorio sloveno), permette dal 1916 di mettere in comunicazione diretta Plezzo/Bovec e Kranjska Gora, attraverso la Strada 206, che raggiunge i 1.611 metri di altezza, in uno scenario naturalistico e paesaggistico che ti strapperà molte foto!

Insieme a Podkoren, Kranjska Gora rappresenta la zona di confine nord-occidentale della Slovenia, trovandosi a pochissima distanza dall’Italia (zona di Tarvisio) e dall’Austria (Villach, nostra meta finale in questo itinerario). Segui la Strada 201 fino al confine di Stato, e una volta in Austria, la Strada prende il nome di Strada 109 (o B109).

Nei pressi del bivio per Arnoldstein, il nome della strada muta in B83 e ti permette, in pochi chilometri e senza dover percorrere l’Autostrada A2 (a pagamento) di raggiungere la bella località di Villach, punto di arrivo di questo viaggio in moto “internazionale” tra Italia, Slovenia e Austria. 

Villach
Villach, circondata dalle alte vette delle Alpi Orientali

Tutto ciò che c’è da sapere sulle Alpi Orientali

E prima di partire per il tour in moto sulle Alpi Orientali, ecco le cose importanti da sapere su un territorio di frontiera in cui si parlano lingue differenti, dalle Alpi Giulie fino alla Carinzia passando per i territori dell’Ex Jugoslavia, che a maggior ragione per la sua personalità “internazionale” è interessante da scoprire. 

Storia

Dopo essere state per secoli dominate dall’Impero Asburgico, nel Novecento le Alpi Orientali sono state territorio di aspra contesa tra le nazioni. Con la Grande Guerra, e poi la Seconda Guerra Mondiale, queste montagne sono state centro di trincee, attacchi, bombardamenti, stragi, difficili trattative diplomatiche, che hanno avuto come protagoniste Italia, Austria, Jugoslavia.

Nei borghi di montagna, oggi sono diffuse targhe commemorative, musei storici sulle guerre e tributi al Milite Ignoto che raccontano quanto questa zona sia stata uno scenario bellico di estrema rilevanza. Oggi – per fortuna – è il turismo a ravvivare questi paesi, e le stazioni sciistiche sono la destinazione invernale che gli amanti dello sport non si perdono per nulla al mondo!  

Bovec
Le gole di Bovec, alimentate dal fiume Soca

Dove mangiare

Per il tuo viaggio sulle Alpi Orientali in moto ti diamo tre consigli su dove mangiare, ciascuno in una nazione diversa. 

  • In Slovenia: Gostilna pod Lipco Veselin Vujačić (a Plezzo/Bovec) un locale apprezzato per tutti i tipi di piatti, da quelli più classici a quelli più legati al territorio, e che propone anche la pizza. 
  • In Austria: Villacher Brauhof (a Villach). Un ristorante ben tenuto nel centro della cittadina, dove mangiare specialità austriache a prezzi buoni. Il personale parla anche italiano – buon per te!
  • In Italia: Osteria Al Canarino (Udine). Un luogo che è nel cuore di molti udinesi, e sicuramente può entrare nel cuore di tutti i visitatori per l’atmosfera accogliente che fa sentire a casa. Qui puoi gustare i piatti tipici friulani, ed è un’ottima idea al ritorno per festeggiare la conclusione del tuo itinerario. 

Cosa fare sulle Alpi Giulie Orientali

lago jasna
Il Lago Jasna, con la scultura che segna uno dei simboli di Kranjska Gora

Sulle montagne tra Italia, Austria e Slovenia, i confini nazionali si attenuano, e il territorio è governato soprattutto dalle immutabili leggi della montagna, che esigono rispetto e attenzione al paesaggio. In cambio, luoghi magnifici da vivere sia in inverno che in estate!

E allora cosa fare sulle Alpi Orientali? Sicuramente, in inverno, sciare. Tarvisio vanta la stazione sciistica più importante delle montagne friulane. In Slovenia è Kranjska Gora il luogo di riferimento per gli amanti degli sport invernali, anche scenario ospite di competizioni e tornei internazionali. In Austria, la regione della Carinzia conta mète attivissime negli sport della neve, e Turracher Höhe (pochi km a nord di Villach) è una delle più frequentate. 

Nella bella stagione, invece, le Alpi Giulie sono il paradiso dell’escursionismo. Tra le passeggiate più belle da fare, la gita ai Laghi di Fusine, la salita allo Jôf di Somdogna, il sentiero fino al Monte Re e – per chi vuole superare i 2000 metri di altitudine – i percorsi che salgono al Monte Cimone e allo Jôf di Montasio. 

Scopri anche

Avatar per TrueRiders

TrueRiders

Video Itinerari


ALPI IN MOTO

  • Lunghezza (km): 122
  • Durata: 133
  • Chiusura invernale: Sì
  • Partenza: Udine
  • Arrivo: Villach
  • Principali località attraversate: Plezzo, Bretto, Tarvisio