TrueRiders
Timmelsjoch

Alpi Retiche, confine tra Italia e Austria: in passato era poco più di una mulattiera, oggi è uno dei passi di montagna più importanti della zona. Il Passo Rombo ci attende. O preferite chiamarlo Timmelsjoch?

Forse avrete già avuto modo di notare la nostra particolare predilizione per un certo tipo d’itinerario con elementi caratteristici tipo le Alpi, un confine nazionale e possibilmente…la moto! Oggi abbiamo pensato di proporvi il nostro particolare percorso sul Passo Rombo, un valico alpino situato tra Italia e Austria e geolocalizzato tra le Alpi Venoste e quelle dello Stubai. Aperto solo d’estate e fino al calare del sole, questo passo ha vita relativamente breve essendo stato asfaltato sui due versanti rispettivamente nel 1955 nel distretto di Himst dove è noto come Timmelsjoch (e il Bonzo Team già se ne era occupato in passato) e successivamente negli anni ’60 in Italia come alternativa al Passo del Brennero e al Passo di Resia.

Partendo quindi dall’Alto Adige, precisamente da Moso in Passiria, è arrivato quindi il momento di affrontare le salite e le ripide curve a strapiombo del Passo Rombo in moto con attraversamento di confine con l’Austria e arrivo a Sölden per circa 45 km di percorso.

Informazioni utili

  • Lunghezza: 46 chilometri
  • Durata: 1 ora
  • Partenza: Moso in Passiria
  • Arrivo: Sölden
  • Principali località attraversate: Passo Rombo, Zwieselstein

Passo Rombo in moto. Itinerario e curiosità

Timmelsjoch/Rombo
Il percorso del Timmelsjoch, o Passo Rombo

Uno degli aspetti particolari di questo valico alpino è quello di avere comunque un passato piuttosto datato come collegamento storico tra la Val Passiria e la valle dell’Ötztal nel Tirolo: infatti appare menzionato come Thymelsjoch su un documento risalente addirittura al 1241. Altra caratteristica del Passo Rombo è quella di avere regole di transito differenti proprio a causa della giurisdizione di due Stati diversi: venendo dall’Italia infatti il passaggio è vietato a grossi camion e autobus. Ciò significa che almeno fino al ventesimo km di questo itinerario in moto sul Passo Rombo non incontreremo mezzi lenti a fermare la nostra scalata! Ma è ora di andarci a studiare nel dettaglio questo nuovo percorso di montagna.

Ufficialmente il passo comincia a Moso in Passiria, piccolo comune della provincia di Bolzano immerso tra i boschi del Parco Naturale Gruppo di Tessa. L’aspetto naturalistico è sicuramente uno dei motivi più validi per fermarci a visitare questa zona prima magari di un rapido check-up sulla nostra moto, tuttavia non mancano poi anche riferimenti al passato, su tutti il Mooseum situato all’interno di uno degli avamposti fortificati della Prima Guerra Mondiale.

Uscendo da Moso in Passiria però è ora di intraprendere la strada verso l’Austria sul Passo Rombo, nominalmente noto dalle nostre parti come SS44bis. Questa parte di percorso all’interno della Val Passiria è caratterizzata prima da una serie di curvoni strettissimi e ai quali bisogna prestare la massima attenzione, seguito poi da una parte più lineare procedendo verso nord. Dopo esattamente 21 km saremo ormai vicini all’attraversamento di confine tra Italia e Austria: il Passo Rombo diventa perciò Timmelsjoch Holchalpenstrasse e l’altitudine va a farsi sempre più elevata fino a toccare gli oltre 2500 metri, con la presenza di alcuni rifugi alpini dove volendo si possono anche effettuare delle soste.

Una serie di ripide salite con la neve ai bordi di questi tornanti ci porta all’interno della vallata dell’Ötztal, proprio nei pressi dei monti dove nel 1991 venne ritrovata la mummia del Similaun meglio nota come Oetzi.

La strada 186 ci conduce poi verso Obergurgl, sede di diverse strutture ricettive in pieno stile tirolose, e prosegue con una lunga risalita fino a Sölden, altra nota località di villeggiatura estiva e invernale con tanto d’impianti sportivi nonché punto di arrivo ufficiale del Passo Rombo.