Alpe di Siusi, l’altopiano più grande d’Europa

Alpe di Siusi

In Trentino-Alto Adige, alla scoperta di un altopiano dolomitico capace di regalare emozioni uniche, soprattutto su due ruote: ecco il nostro itinerario in moto sull’Alpe di Siusi.

Dalle valli del Trentino agli altipiani dell’Alto Adige. Il nostro viaggio in una delle regioni più amate dai motociclisti prosegue con l’Alpe di Siusi. Si tratta del più vasto altopiano dolomitico d’Europa, a una quota media di 1850 m s.l.m.

Se non potete resistere alla bellezza degli imponenti panorami dolomitici e siete in cerca di strade capaci di offrire una guida tanto piacevole quanto scorci panoramici difficili da dimenticare, l’Alpe di Siusi è una destinazione che non potrete davvero perdere.

Situata nella parte occidentale delle Dolomiti, dal 2009 annoverate tra i Patrimoni dell’Umanità Unesco, l’Alpe di Siusi si estende per oltre 50 km² tra la Val Gardena (a nord), il Gruppo del Sassolungo (a nord-est) e il massiccio dello Sciliar (a sud-est).

Bastano questi nomi cari a tutti i frequentatori della zona – cui si potrebbero aggiungere quelli di altri gruppi montuosi comunque visibili dall’altopiano, come la Marmolada e il Gruppo del Sella – per capire di essere in uno dei luoghi più suggestivi di tutto il Trentino-Alto Adige. Un autentico paradiso del motociclismo.

E, allora, macchina fotografica alla mano, non ci resta che partire!

Alpe di Siusi in moto

Mappa

Percorso

Il nostro itinerario in moto sull’Alpe di Siusi comincia da Bolzano, ottimo punto di riferimento per chi venisse da fuori e dovesse eventualmente raggiungere la zona con l’autostrada del Brennero. Rigorosamente in sella raggiungiamo dunque Prato Isarco, da cui prende ufficialmente il via il divertimento: un percorso vivace ci conduce verso Fiè allo Sciliar, con il suo imponente castello di Presule, e Siusi allo Sciliar, frazione del comune di Castelrotto da cui prende il nome l’altopiano protagonista del nostro mototour.

Da Castelrotto proseguiamo dunque verso Ortisei, centro abitato tra i più noti e popolosi della Val Gardena, autentica regione simbolo dell’Alto Adige. Pochi chilometri ed è invece la volta di Santa Cristina Valgardena e Selva di Val Gardena; ad accompagnarci lungo le curve della zona, in direzione Canazei, i profili di Sassolungo e Sassopiatto. 

Prossime tappe Vigo di Fassa e il Passo di Costalunga, valico alpino posto a oltre 1700 metri di altitudine tra il gruppo del Catinaccio e quello del Latemar.

costalunga_507233101
Il Passo Costalunga

L’occasione è ghiotta per godere di qualche curva e portarci nelle vicinanze di un’altra meraviglia del luogo, il lago di Carezza. L’Arcobaleno del Latemar è tra le mete più visitate di tutto il Trentino-Alto Adige grazie ai suoi splendidi e inconfondibili colori. Altra meraviglia tutta motociclistica è invece il Passo Nigra, che ci conduce verso il suggestivo comune di Tires, ai piedi del maestoso massiccio del Catinaccio.

Il nostro itinerario in moto sull’Alpe di Siusi si sta per concludere. Il ritorno a Prato Isarco e quindi a Bolzano segna infatti la chiusura di un percorso circolare di circa 115 chilometri. L’ideale per una giornata su due ruote di puro divertimento, in compagnia oppure soli, immersi nell’incantevole natura trentina.

Come per molti mototour trentini, vi suggeriamo però non solo la destinazione ma anche una certa attenzione al periodo. in cui programmare la vostra visita. Ideali sono i weekend di primavera ed estate, quando il meteo non dovrebbe porre particolari ostacoli a una bella gita su sue ruote.

Dopo tutte le raccomandazioni del caso, non ci resta che augurarvi un buon divertimento in sella alla scoperta dell’Alpe di Siusi. Buon viaggio!

TrueRiders