Appennino molisano, in moto tra natura e storia

appennino molisano

APPENNINO MOLISANO

  • Lunghezza (km): 89
  • Durata: 2 ore
  • Partenza: Capracotta
  • Arrivo: Pizzoferrato
  • Principali località attraversate: Vastogirardi, Villa San Michele, Agnone, Pescopennataro

Un itinerario alla scoperta dell’Appennino molisano (e abruzzese) decisamente poco convenzionale. In sella alla due ruote, perché è il modo migliore per affrontare curve davvero impressionanti, da gustarci con calma e con la giusta andatura.

L’Appenino molisano fa parte della catena degli Appenini e riguarda l’Italia Centrale: il suo limite settentrionale è la Bocca Serriola (un vero e proprio gioiellino per tutti gli appassionati di motociclette), ance se spesso viene posizionato a Bocca Trabaria, altra strada molto battuta dai centauri. Il limite meridionale è posizionato invece a Bocca di Forlì. L’Appennino si suddivide in Appenino Umbro-Marchigiano e Appennino-Abruzzese Molisano ed è proprio in questa seconda parte che andremo a fare oggi il nostro giro.

L’Appennino molisano va dal passo di Montereale o dal Passo della Torrita alla Bocca di Forlì. La Catena Orientale è quasi interamente in Abruzzo, mentre quella occidentale comincia nel Lazio per arrivare al confine con l’Abruzzo, passando anche per il Molise, una terra che sarebbe d’obbligo conoscere: i viaggi in moto in Molise sono davvero molto interessanti, non sottovalutiamoli mai.

Appennino molisano in moto

Mappa

Percorso

Il nostro viaggio nell’Appennino molisano comincia da Capracotta, comune in provincia di Isernia, a 1.421 metri sul livello del mare. Dopo Rocca di Cambi, Capracotta è il comune più alto dell’Appennino.

È un paesino dalle origini medievali, ma il suo aspetto è decisamente moderno dal momento che dopo la Seconda Guerra Mondiale è stato completamente ricostruito. Per gli appassionati di sci, vi si trovano piste e impianti da risalita moderni e funzionali.

Da Capracotta prendiamo la Strada Provinciale 87 in direzione sud, per arrivare nel centro di Vastogirardi. Il comune molisano, sempre in provincia di Isernia, si trova a 1200 metri sul livello del mare. Il paese è stato testimone di gran parte della storia italiana: pare che sia stato fondato dai Sanniti, ma ci sono anche molte testimonianze di epoca medievale che sono ancora visitabili.

Abruzzo e Molise in moto
Abruzzo e Molise in moto. I panorami intorno ad Agnone, la “Città delle Campane”

Da Vastogirardi prendete la SP81dir verso Villa San Michele: dovrete fare una piccola deviazione per poter visitare questa frazione del comune di Vastogirardi che si trova a 900 metri sul livello del mare, immersa nei boschi molisani, ai piedi del Monte Morcone.

Il paese dell’Appennino molisano è famoso per il tartufo, il caciocavallo e le scamorze, una pausa spuntino io la farei qui! Riprendiamo la Strada Provinciale Carovillense e percorriamola per un lungo tratto, prima di deviare sulla SP86 che, risalendo verso Nord, ci permetterà di arrivare ad Agnone, comune in provincia di Isernia che è un’antica città sannita, famosa di uno stabilimento storico di campane fondato intorno all’anno 1000 e che può vantarsi di avere lo stemma pontificio per le sue creazioni.

Da Agnone riprendiamo la SP86dir verso Nord, poi la SP87 e la SP84 dopo il confine tra Molise e Abruzzo. Dopo un breve tratto faremo rientro in Molise, verso il paese di Pescopennataro, sempre in provincia di Isernia.

Riprendendo la nostra strada, poco dopo l’abitato di Sant’Angelo del Pesco lasciamo l’Appennino molisano ed entriamo in Abruzzo per arrivare, tramite la SP164, a Pizzoferrato, città della provincia di Chieti in Abruzzo, che fa parte della Comunità montana Medio Sangro.

TrueRiders