Bocca Serriola, in moto tra Umbria e Marche

shutterstock_737668102

Bocca Serriola è un famosissimo passo di montagna, molto amato dai motociclisti di Marche e Umbria, che approfittano di ogni momento libero e di sole per poter fare le curve che separano Apecchio, nelle Marche, e Città di Castello.

È un passo dell’Appennino Centrale, che divide la Valle del Biscubio dalla Val Tiberina. Il passo è già in Umbria, a pochissimi chilometri dal confine tra la provincia di Perugia e la provincia di Pesaro e Urbino, dividendo così le due regioni del Centro Italia.

Lo sapete da cosa deriva il nome Bocca Serriola, che possiamo anche trovare con una R sola (Bocca Seriola come sul cartello in cima al valico)? Pare che derivi dal latino “serrula-ae” (sega): i romani erano soliti utilizzare il legname di questa zona, che poi inviavano nella Capitale tramite il Tevere.

Il nostro moto itinerario di oggi ci porta a fare delle bellissime strade tra Marche e Umbria, scoprendo curva dopo curva le meraviglie di strade e passi come Bocca Serriola, ma anche Bocca Trabaria… Siete pronti a fare un po’ di sane curve in sella alla vostra amata due ruote?

Bocca Serriola mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Urbino
  • Arrivo: Fossombrone
  • Durata: 2 ore e 57 minuti
  • Lunghezza: 152 chilometri
  • Principali località attraversate: Acqualagna, Apecchio, Bocca Serriola, Città di Castello, Sant’Angelo in Vado

Bocca Serriola in moto. L’itinerario

Il nostro viaggio parte dalla città di Urbino, capoluogo di provincia delle Marche insieme a Pesaro: è uno dei centri rinascimentali più belli del Centro Italia, con architetture che lasciano letteralmente senza fiato. Lo sapevate che il centro storico fa parte del Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1998?

Uscite dalla città prendendo la Strada Provinciale Montefabbri, la Strada Provinciale 56, proseguendo poi lungo la E78 e la SS73bis. Una strada panoramica per ammirare da vicino le bellezze della città natale di Raffaello. Proseguite verso Sud-Est per raggiungere Urbania, lungo la Strada del Duca, che unisce proprio Urbino e Urbania. Lo sapevate che Urbania è la Città della Befana? Il 6 gennaio di ogni anno la simpatica vecchietta ospita grandi e piccini golosi dei suoi dolcetti.

Procedete spediti verso Mercatello sul Metauro, continuando a costeggiare il fiume Metauro, perché state per arrivare a Bocca Trabaria: giornata di passi oggi! È un valico dell’Appennino umbro-marchigiano che divide la Valle del Metauro dalla Val Tiberina. Da Borgo Pace salite sul versante marchigiano del passo e, arrivati a Bocca Trabaria, preparatevi a ridiscenderlo sul versante umbro. Senza dimenticarvi di godere di ogni singola curva.

Santuario Madonna Belvedere, Città di Castello
Santuario della Madonna di Belvedere, uno dei luoghi più suggestivi di Città di Castello

Riprendiamo la SS73bis e a San Giustino dirigiamoci verso Città di Castello: da qui saliremo sul versante umbro di Bocca Serriola, per dirigerci al passo che divide ancora una volta Umbria e Marche. In realtà potete fare su e giù, da Città di Castello ad Apecchio e viceversa, in quello che è considerato il paradiso dei motociclisti. L’asfalto di solito è ben curato e le curve vi lasceranno senza parole.

Da Città di Castello prendete la SR257 per arrivare su in cima al passo, dove consiglio di fermarsi al bar, per fare due chiacchiere con gli altri motociclisti sempre presenti nello spiazzo condiviso con simpatiche gallinelle lasciate libere, ma anche per uno spuntino: una ciaccia con il prosciutto crudo vi rimetterà al mondo! Riprendete la stessa strada per svalicare dal versante marchigiano di Bocca Serriola: arriverete nella città di Apecchio. Continuate per Pian di Molino e dopo qualche chilometro sarete ad Acqualagna, città famosa per il suo tartufo!

Da Acqualagna lunga la SP3, direzione Calmazzo, e poi la SS3 direzione di Fossombrone, termine del nostro itinerario in moto.

TrueRiders