TrueRiders

Piemonte in moto, le strade del Monferrato


Piemonte in moto, un itinerario nelle terre del Monferrato, il territorio riconosciuto dal 2014 come Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Tra le province piemontesi di Alessandria e Asti, fino ai piedi dell’Appennino ligure, il Monferrato si estende su di una superficie di circa 1800 chilometri quadrati.

Tre sono le porzioni principali in cui il Monferrato può essere geograficamente suddiviso: il Basso Monferrato, ricco di castelli e antichi borghi disseminati tra le basse colline della provincia di Alessandria, il Monferrato Astigiano, esteso nella provincia di Asti e comprendente i borghi storici di Nizza Monferrato, Monclavo, Montemagno e Fontanile e l’Alto Monferrato, esteso verso sud fin sotto l’Appennino ligure.

Inquadrata, anche se sommariamente, la posizione geografica del Monferrato, è tempo di dare uno sguardo alle sue strade e di ipotizzare un possibile itinerario in moto tra le strade del Piemonte UNESCO.

Piemonte in moto, i paesaggi del Monferrato

Come già accennato, il Monferrato è oggi tra le più note regioni vinicole italiane grazie soprattutto alla produzione di vini rossi (un esempio su tutti è dato dal celeberrimo Dolcetto d’Acqui) e  di spumanti, categoria nobilmente rappresentata dall’Asti spumante o dal dolcissimo Moscato d’Asti.

Tutto ciò per ricordare ai biker desiderosi di scoprire le strade del Monferrato in moto che, responsabilmente e con moderazione, tra una curva e l’altra potrebbe anche scapparci una degustazione in una delle numerose cantine che, letteralmente, tappezzano il territorio.

Poca industria (quasi nulla) e tanta agricoltura fanno infine del Monferrato un territorio particolarmente adatto alle gite in moto, immersi nella natura di un paesaggio rigoglioso tra i campi e le vigne.

Mappa

Informazioni utili

  • Lunghezza: 136 chilometri
  • Durata: 3 ore senza soste
  • Partenza e arrivo: Casale Monferrato
  • Principali località attraversate: Pontestura, Fubine, Felizzano, Cortiglione, Nizza Monferrato, Montegrosso, Asti, Moncalvo

Monferrato in moto. L’itinerario

Il nostro itinerario in moto nel Monferrato tra le strade del Piemonte UNESCO potrebbe iniziare e concludersi dalla città di Casale Monferrato, snodandosi per la campagna e per i castelli fino a Nizza Monferrato, borgo storico già riconosciuto patrimonio dell’Umanità.

Da Casale Monferrato, percorriamo la Strada Provinciale 7 per circa 13 chilometri in direzione Pontestura, costeggiando le rive del fiume Po’. Da qui svoltiamo a sinistra, imboccando la Provinciale 455: continuiamo verso sud sulla Provinciale (che al decimo chilometro, tenendosi sulla sinistra all’altezza di Cereseto, diventa SP 36 e poi 48).

La strada si snoda tra la campagna e le vigne, sfiorando i piccoli borghi di Fubine, Felizzano e Cortiglione fino alla città di Nizza Monferrato. Qui, dopo circa 70 chilometri di strada, una sosta è obbligatoria, sia per ammirare gli scorci del comune UNESCO che, ovviamente, per una degustazione del celebre Barbera del Monferrato.

Riprendiamo a questo punto la moto e imbocchiamo la Strada Provinciale 456 per il ritorno. Saliamo in direzione Montegrosso fino alla città di Asti dove, tempistiche permettendo, sarebbe bello abbandonare, di nuovo, la moto e concedersi una gita in città. Sulla SS457 in direzione Moncalvo il ritorno fino a Casale Monferrato è veloce. Buona idea, allora, perdersi sulle piccole provinciali che tagliano la statale, immergendosi così nella campagna  e tra i vigneti.