Laghi Marchigiani, in moto alla scoperta dei più belli | TrueRiders

Laghi Marchigiani, in moto alla scoperta dei più belli

Redazione TrueRiders  | 19 Ott 2022  | Tempo di lettura: 5 minuti
  • Titolo: Laghi Marchigiani
  • Lunghezza (km): 133
  • Durata: 3 ore
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Lago di Pilato, Montemonaco (AP)
  • Arrivo: Lago di Cingoli (MC)
  • Principali località attraversate: Lago di Gerosa, Lago di San Ruffino, Tolentino, San Severino Marche

Dalle montagne al mare, le Marche vantano un invidiabile tesoro di paesaggi naturali. Tra questi, gli specchi d’acqua: i laghi marchigiani ai piedi dell’Appennino sono punti di partenza e di arrivo molto apprezzati dagli escursionisti. Per i riders, inoltre, sono le tappe di un bel viaggio che attraversa la regione toccando i laghi più belli. E che ti presentiamo subito!

Laghi Marchigiani in moto, l’itinerario

La strada che collega i laghi delle Marche percorre buona parte della regione lungo le pendici dell’Appennino. Il periodo consigliato per questo percorso è la bella stagione, in modo da poter anche fare – se vuoi – un’escursione al Lago di Pilato che ha un’altitudine di quasi duemila metri. Oppure un buon bagno nei laghi balneabili. L’ideale è distribuire il viaggio in più giorni, per esempio un weekend pieno, per poter visitare tutti gli scenari che incontrerai.  

Mappa

Percorso

Il viaggio parte subito con uno dei più importanti laghi marchigiani: il Lago di Pilato, che si trova nel comune di Montemonaco in provincia di Ascoli Piceno. Un comune raggiungibile in circa un’ora dall’Autostrada Adriatica A14 Bologna Taranto – uscita Martinsicuro. È una zona che vale un pernottamento e un’escursione a scelta tra le tante nell’area tra la Piana di Castelluccio e i Monti Sibillini. 

La strada da prendere è la SP89 tra le frazioni Balzo, Castro, Rascio, San Giorgio all’Isola e poi il Lago di Gerosa. La strada prosegue verso Piane Vecchie (SP237) e Comunanza. Da qui imbocca la SP50, che con una bella serie di curve ti conduce a Ceresola, Castorano, San Martino al Faggio, e infine al Lago di San Ruffino. 

Continua dritto sulla SP57 verso San Cristoforo e poi fino a Rustici, dove devi svoltare a destra riprendendo la SP237. La strada diventa SP78, e attraversa Cardagnano Alto, Sarnano, Pianello, fino a Santa Maria di Pieca. 

Continua in direzione nord sulla SP502 verso Morichella, Camporotondo, Belforte del Chienti, e qui prendi la SS77var fino a raggiungere Tolentino. Da qui segui per San Severino Marche, e riprendi la SP502. 

Castel Sant’Angelo, Moscosi, e poi la tua destinazione: il Lago di Cingoli, ultima tappa del tuo viaggio in moto a scoprire i Laghi Marchigiani. 

Tutto ciò che c’è da sapere sui laghi marchigiani

È utile approfondire ciò che riguarda ciascun lago delle Marche, in particolare quelli che toccherai nel tuo itinerario in moto. Questa guida ti sarà utile per scegliere quali tappe fare lungo il percorso. 

Quali sono i laghi delle Marche 

I laghi marchigiani sono: 

  • Lago di Pilato, unico lago naturale delle Marche;
  • Lago di Gerosa, come quello di Pilato anch’esso nel comune di Montemonaco;
  • Lago di Palazzo Borghese, piccolo bacino “effimero”;
  • Lago del Furlo, nell’area della gola o passo del Furlo;
  • Lago di Mercatale, bacino artificiale a Sassocorvaro;
  • Lago di Polverina, tra Marche e Umbria sui Monti Sibillini;
  • Lago di Fiastra, lago balneabile anch’esso sui Monti Sibillini;
  • Laghetti di Portonovo, due specchi d’acqua salmastra vicino al mare;
  • Lago di Cingoli (o Lago di Castreccioni), il più grande delle Marche;
  • Lago di Caccamo, sul fiume Chienti;
  • Lago delle Grazie, che prende il nome dalla chiesa di Santa Maria delle Grazie;
  • Lago Le Vene, un’ex cava di ghiaia riqualificata;
  • Lago di Boccafornace, alimentato da una sorgente carsica intermittente;
  • Lago di San Ruffino, sede di molte gare sportive; 

E ora ti parleremo dei più interessanti, che toccherai lungo il tuo itinerario. E ti diciamo anche se puoi fare il bagno o no!

Lago di Pilato, Montemonaco

Lago di Pilato

Viene chiamato “il lago con gli occhiali”, perché è composto da due bacini rotondi, la cui ampiezza varia a seconda delle precipitazioni. Il Lago di Pilato è un lago glaciale di tipo alpino – unico naturale nelle Marche – che si trova sul Monte Vettore, nel Parco nazionale dei Monti Sibillini a un’altitudine di 1.941 m s.l.m. 

Il comune di appartenenza è Montemonaco. L’escursione per raggiungerlo è impegnativa ma paesaggisticamente molto bella. Ci sono tre percorsi, che partono dalla frazione di Foce, da Arquata del Tronto, e da Castelluccio (sentiero più lungo). La balneazione è vietata. 

Lago di Gerosa, Montemonaco

lago di gerosa

È alimentato dal fiume Aso, che dal Monte Vettore scende fino all’Adriatico. Il Lago di Gerosa “nasce” nel 1983 quando viene costruita l’omonima diga per creare un bacino utile all’approvvigionamento idrico nei periodi di siccità. Si trova a un’altitudine di 650 metri. 

È balneabile, e te ne accorgerai perché di solito in estate ci sono turisti e bagnanti nelle piccole spiaggette che si affacciano sull’acqua. 

Lago di San Ruffino, Amandola

lago di san ruffino

Anche il Lago di San Ruffino, come i precedenti, è situato nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini. La sua nascita avviene nel 1963 con la costruzione della diga sul fiume Tenna, in un punto a 360 metri sul livello del mare.

Viene anche chiamato “il lago fantasma”, perché in autunno la diga viene aperta per far defluire il fiume, il lago si svuota e rimane un terreno paludoso. In primavera la diga viene nuovamente chiusa e si riforma lo specchio d’acqua, nel quale non è permesso fare il bagno. 

Lago delle Grazie, Tolentino  

Il Lago delle Grazie, a Tolentino, prende il nome dalla vicina chiesa di Santa Maria delle Grazie, che risale al ‘400. È prodotto da una diga sul fiume Chienti, e ha una spiccata biodiversità che lo rende di notevole importanza a livello naturalistico. 

È luogo anche di sport e di cultura (viene organizzato il concorso nazionale di poesia “Il poeta del Lago”) ma non è luogo per fare il bagno poiché è vietato. 

Lago di Cingoli 

lago di cingoli

Il Lago di Cingoli si trova nell’omonimo comune in provincia di Macerata, che è considerato il Balcone delle Marche e uno dei “Borghi più belli d’Italia”. Con i suoi 2,4 chilometri quadrati è il più grande lago delle Marche, ed è anche piuttosto profondo visto che nei pressi della diga raggiunge la profondità di -55 metri. 

Sulle spiaggette in riva alle acque si può fare il bagno, dunque è un perfetto punto d’arrivo per il tuo itinerario in moto alla scoperta dei laghi marchigiani!

Scopri anche

Redazione TrueRiders
Redazione TrueRiders

TrueRiders è il portale di riferimento dei motociclisti: percorsi, informazioni e notizie, eventi e motoraduni, diari di viaggio ed esperienze



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur