2000 abitanti e tutto il bello dei Nebrodi: questo borgo siciliano è un piccolo gioiello panoramico

2000 abitanti e tutto il bello dei Nebrodi: questo borgo siciliano è un piccolo gioiello panoramico

Stefano Maria Meconi  | 02 Feb 2024  | Tempo di lettura: 3 minuti
  • Titolo: San Marco d’Alunzio
  • Lunghezza (km): 82
  • Durata: 2 ore e mezza
  • Chiusura invernale: No
  • Partenza: Sant’Agata di Militello
  • Arrivo: Gioiosa Marea
  • Principali località attraversate: San Marco d’Alunzio, Galati Mamertino, Castell’Umberto, Ficarra

Negli oltre 25mila chilometri quadrati che fanno della Sicilia la più grande isola del Mediterraneo, e anche la più grande regione italiana, c’è davvero tantissimo da vedere. Non solo le spiagge amatissime dai vacanzieri estivi, ma radici culturali che affondano in migliaia di anni di storia, grandi città e piccoli borghi, molti dei quali rimangono ai margini dei flussi turistici. Un po’ come San Marco d’Alunzio, che pure fa parte dei Borghi più belli d’Italia, e a giusta ragione. Il suo centro storico, sulla sommità di una collina, vede i suoi panorami spaziare dai Monti Nebrodi al Mar Tirreno, e tutte le Isole Eolie sembrano potersi raggiungere con lo sfioro di un dito. È la magia del messinese, territorio che sorprende con la sua ricca varietà di luoghi, di storie, di emozioni.

San Marco d’Alunzio e i Nebrodi in moto. L’itinerario

Mappa

Percorso

Più che itinerario, questo è un percorso “saliscendi” che affronta gli 82 chilometri come un andirivieni continuo tra il Tirreno e i Nebrodi. Partiamo da Sant’Agata di Militello, prendendo la SP162bis e poi la SP160 per 13 chilometri in direzione San Marco d’Alunzio. Dopo la visita continuiamo sulla SP160 per raggiungere la SP157 che seguiamo per 21 chilometri fino a Galati Mamertino. Da qui SP157/SP15/SS116 per 20 chilometri in direzione Castell’Umberto. Continuiamo sulla SP116/SP145 per 13 chilometri fino a Ficarra e finalmente raggiungiamo la costa, prendendo SP146/SS113 per 15 chilometri arrivando così a Gioiosa Marea.

Non posso più dividermi tra San Marco e il mare

Il borgo di San Marco d’Alunzio visto da fondovalle

Forse, se Laura Pausini avesse visto prima questo borgo, invece di “te” avrebbe scelto San Marco. E sì, perché ci sono pochi borghi come San Marco d’Alunzio in fatto di panorami. Incastonato a oltre 500 metri d’altitudine tra le vette del Parco dei Nebrodi, è a conti fatti una vera e propria terrazza panoramica sul tratto di mare che va da Sant’Agata di Militello e Gioiosa Marea, oltre che essere idealmente vicino anche alle isole Eolie. La sua è una storia antichissima, più di 2400 anni e una origine che, come gran parte della Sicilia, risale al periodo della Magna Grecia.

Cosa vedere a San Marco d’Alunzio

Fondamentale nella storia del borgo è il Castello normanno, il primo costruito in tutta la Sicilia e risalente addirittura al 1061. Oggi se ne conservano parte dei resti che, insieme alla vicina piazza, sono un luogo ideale per lo svolgimento di eventi e iniziative culturali.

Belli anche i resti dell’antichissimo Tempio di Ercole, mentre tra le tante chiese che punteggiano il panorama cittadino ci sono la Chiesa madre di San Nicola, la Chiesa dell’Aracoeli e quella di San Teodoro, dalla originale pianta a croce greca.

All’ingresso del paese, poi, c’è una necropoli del periodo greco, nella quale è stato trovato un reperto coevo, un kottabos, ammirabile nel Museo bizantino-normanno di San Marco.

Tutto il bello dei dintorni di San Marco

Gioiosa Marea alla sera, uno scorcio tra il borgo e la sua splendida spiaggia

In soli 80 chilometri, questo percorso che ha come fulcro San Marco d’Alunzio si spinge verso comuni dal fascino assolutamente unico, e che aggiungono molto a un itinerario da compiere in 1-2 giorni. Tra questi:

  • Sant’Agata di Militello, capoluogo ideale dei Nebrodi, ha un lungomare di ben 5 chilometri con due parchi pubblici e numerose opere di arte contemporanea.
  • Ficarra, comune collinare non lontano da San Marco, ospita un bellissimo Convento del 1500 e il Santuario dell’Annunziata, del secolo precedente.
  • Gioiosa Marea, piccola località marittima costruita dopo il terremoto del 1783 in sostituzione di Gioiosa Guardia, è ricca di splendidi palazzi di fine Ottocento, chiese barocche e percorsi naturalistici, come quello che porta a Capo Calavà
Stefano Maria Meconi
Stefano Maria Meconi

Responsabile editoriale di TrueRiders sin dal 2015



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur