TrueRiders

Norvegia in moto, itinerario sulla Strada Turistica delle Isole Lofoten

lofoten panorama

La Strada Turistica delle Isole Lofoten è uno straordinario percorso nel nord della Norvegia.

Un percorso di 230 chilometri circa che uniscono Raftsundet, nella Norvegia continentale, e Å i Lofoten.

La Strada Turistica delle Isole Lofoten è un itinerario che si concentra sui luoghi, i paesaggi e la bellezza di un arcipelago che, in molti, hanno candidato a patrimonio dell’Umanità UNESCO, da scoprire rigorosamente su due ruote.

Mappa

Informazioni utili

  • Lunghezza: 225 chilometri
  • Durata: 4 ore
  • Partenza: Raftsundet
  • Arrivo: Å i Lofoten
  • Principali località attraversate: Austnesfjorden, Eggum, Nusfjord Rorbuer, Akkarvikodden, Reine

Le Lofoten in moto – L’itinerario

Strada Lofoten, Norvegia in moto
La Strada Turistica delle Isole Lofoten, per scoprire la Norvegia in moto

Il nostro viaggio sulla Strada Turistica delle Isole Lofoten parte dalla zona di Raftsundet, nella contea del Nordland. Qui si trova il piccolo arcipelago delle Vesterålen, situato in prossimità del Circolo Polare Artico, dove è possibile ammirare lo splendido fenomeno naturale delle aurore boreali. Le Vesterålen e le Lofoten sono collegate da un grande ponte strallato, che ha segnato una svolta nella facilità degli spostamenti in zona.

Si segue il percorso della Strada europea E10, che prevede, per la facilità dei viaggiatori, e dunque anche di te rider, ben undici punti di sosta e osservazione, attraverso i quali rendere il viaggio più facile e confortevole.

La zona di Austnesfjorden si trova nella bellissima baia di Sildpollen, dove una bella passerella in legno permette di ammirare da una prospettiva unica le acque che descrivono la forma dei classici fiordi norvegesi, scavati da migliaia di anni di onde e venti.

Proseguendo nel viaggio, ci ritroviamo a Gimsøystraumen, una piccola località all’interno dell’isola di Vestvågøy, dove si trova un bel punto di sosta e relax, progettato seguendo la forma unica delle montagne circostanti. Da qui, ci dirigiamo verso ovest, andando a toccare la bella località di Tovdalshalsen, dove un grande lago, ghiacciato in inverno, riflette il profilo delle montagne innevate.

Eggum è un villaggio di pescatori, una delle attività economiche che maggiormente contribuiscono ai bilanci locali, ma anche una tradizione culturale, con la produzione dello stoccafisso e le gare di pesca del merluzzo, che richiamano pescatori da tutto il mondo.

Dopo aver ammirato lo spettacolo unico del Sole di Mezzanotte, ci rimettiamo in marcia sulla E10 in direzione sud, toccando prima Leknes, uno degli agglomerati urbani più grandi e importanti dell’intero arcipelago, per poi dirigerci verso Nusfjord, dove la tradizione marittima è rimasta immutata, trasformando il borgo in una sorta di museo a cielo aperto.

Lasciamo Nusfjord, e ci avviciniamo sempre più al punto più meridionale delle Isole Lofoten. Dopo essere risaliti a Ramberg, dove troviamo la baia di Rambergstranda, caratterizzata da una spiaggia bianca di sabbia sottile e un’acqua che ricorda le isole dei Tropici, ci spostiamo verso Akkarvikodden, nell’isola di Moskenesøy, protesa verso l’enorme spazio dell’Oceano Atlantico.

Reinehalsen è l’ultima tappa intermedia di questo viaggio: caratterizzata da uno “spot” fotografico unico, che ne fa un luogo suggestivo e straordinario nel pieno del parco di Reinebringen, con il comune di Reine, che è considerato tra i dieci più belli al mondo.

Dopo alcune decine di chilometri, giungiamo alfine ad Å (chiamata anche, per completezza, Å i Lofoten), il villaggio più meridionale delle Lofoten, parte del comune di Moskenes. Qui, dove la cultura dello stoccafisso è molto radicata, troviamo il Museo dello stoccafisso, o Tørrfiskmuseum, nel quale si raccontano i metodi di pesca, lavorazione e consumo di questo prodotto.

TrueRiders

TrueRiders