Lago di Bohinj, la Slovenia in moto

shutterstock_444737848
Slovenia in moto. Lago di Bohinj e i suoi magnifici panorami

Slovenia in moto, una terra dalle mille opportunità. Sicuramente sono tantissime le strade che possiamo prendere per poter scoprire una zona della bella Europa vicinissima a noi.

La partenza e l’arrivo sono la medesima città, per un giro che ci permetterà di conoscere tutta una serie di splendide località che in sella alle due ruote sono ancora più belle da ammirare.

Stavolta andremo alla scoperta del Lago di Bohinj, il più esteso di tutta la Slovenia: si arriva proseguendo per la strada che conduce al Lago di Bled, la strada è tutta asfaltata e sarà un piacere percorrere questa zona completamente immersi nella natura del Parco Nazionale del Tricorno, nel quale lo specchio d’acqua è inserito. Si possono anche fare delle piacevoli escursioni.

Mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Udine
  • Arrivo: Udine
  • Durata: 6 ore e 5 minuti
  • Lunghezza: 308 chilometri
  • Principali città attraversate: Udine, Caporetto, Ukanc, Kranjska Gora, Cave del Predil

Slovenia in moto. L’itinerario verso il Lago di Bohinj

La città friulana di Udine è il nostro punto di partenza e punto di arrivo del nostro viaggio in moto. È considerata come la capitale storica della regione del Nord Est dell’Italia: dista pochissimi chilometri dal confine con la Slovenia e anche con l’Austria. Sorge su una pianura intorno a un colle, in cima al quale c’è un castello.

Ci sono tracce di tantissime antiche civiltà, così come della storia più antica e più recente del nostro bel paese. Numerosi i monumenti e le architetture che possiamo scoprire all’interno della città, come la Torre dell’Orologio, il Castello di Udine, il Duomo, diverse chiese e numerosi santuari, senza dimenticare i palazzi storici che sorgono all’interno delle città, i teatri, le fontane, le piazze, le mura, i parchi, i giardini. Una città per tutti i gusti!

Slovenia in moto. Udine
Slovenia in moto. Partiamo dall’Italia e da Udine, la città del Tiepolo

Da Udine prendiamo la SS54 in direzione Cividale del Friuli, una città fondata da Giulio Cesare con il nome di Forum Iulii e da cui ha preso poi il nome tutta la regione. E’ un comune che merita una visita di qualche ora, perché è davvero molto affascinante e bella da vedere, in ogni stagione dell’anno. Riprendiamo sempre la SS54 in direzione di Caporetto.

La città, che si trova nella Slovenia occidentale, al confine con l’Italia, è diventata tristemente famosa per una storica disfatta dell’esercito italiano durante la prima guerra mondiale, che obbligò le truppe a doversi ritirare fino al fiume Piave. Fece parte del Regno d’Italia per poi passare alla Jugoslavia, prima, e alla Slovenia, poi.

Riprendiamo la strada 102 e poi la 403 per addentrarci al meglio all’interno della Slovenia. Cambiamo strada prendendo la 9090 e poi la 904 che ci porterà nell’abitato di Ukanc, vicino allo splendido lago di Bohinj, tappa fondamentale del nostro viaggio in moto di oggi.

Slovenia in moto. Kranjska Gora
Slovenia in moto. Il Lago di Jasna nei pressi della località alpina di Kranjska Gora

Riprendiamo la strada 209 e poi andiamo a prendere la strada 452 e la 201, che ci porteranno dritte a Kranjska Gora. È nella Slovenia nord occidentale, sul confine con Italia e Austria, tra le Alpi Giulie e Caravanche, conosciuta perché zona sciistica molto apprezzata, oltre che turistica.

A questo punto riprendiamo la strada, percorrendo la SS54 che ci porterà a Cave del Predil e, quindi, di nuovo in Italia, poco dopo il confine con la Slovenia. È una frazione del comune di Tarvisio in provincia di Udine, dove sorgono antiche miniere che si possono anche visitare con un trenino. Da non perdere anche il Museo Storico Militare delle Alpi.

Da qui il viaggio verso la meta del nostro viaggio, la città di Udine, dalla quale siamo partiti, è davvero breve.

TrueRiders