Monte Lussari, un fascino alpino internazionale

Monte Lussari
Veduta invernale del Monte Lussari, Tarvisio

Il Monte Lussari (o Santi Monti Lussari) è una meta alpina famosissima e molto apprezzata situata nelle Alpi Giulie, nel nordest italiano al confine con la Slovenia.

Alla base del monte sorge il borgo di montagna Tarvisio, dalla quale si può godere di una vista mozzafiato sulle alture e le vallate tarvisiane.  Al centro di Tarvisio si trova un santuario risalente all’anno 1500, meta di numerosi pellegrinaggi che partono da Italia, Austria e Slovenia.

In paese non c’è penuria di rifugi e costruzioni abitative tipiche alpine, pronti a ospitare i turisti e i pellegrini in cerca di un posto letto. Il Monte Lussari è anche molto conosciuto fra gli appassionati di sci poiché a Tarvisio si trova anche la partenza di piste e percorsi di sci di montagna.

Tutto quello che c’è da sapere su Monte Lussari

Cosa vedere

La principale attrattiva che si può trovare sul Monte Lussari è sicuramente il bellissimo borgo di Tarvisio, che si trova esattamente alla base della montagna. Tarvisio è un classico borgo di montagna dove la popolazione vive ancora rispettando e mantenendo vive le tradizioni più antiche. Queste si sono sviluppate formando un curioso mix di usanze proveniente dai tre diversi paesi che si affacciano su queste valli.

Molto sentita, ad esempio, è l’usanza di festeggiare, in data 5 dicembre, il Krampus. Il Krampus rappresenta nelle storie montanare un tipo di diavolo travestito che accompagna Saint Nikolaus (San Nicolò), personaggio che ispirò la figura dell’odierno Babbo Natale.

In cima alla montagna e raggiungibile a piedi dal paese si trova il già citato Monastero del Monte Lussari. Tradizione narra che il monastero nacque nel 1360. Qui un pastore ritrovò le pecore che aveva smarrito poco prima, inginocchiate intorno ad un cespuglio contenente una statuetta della Madonna con bambino.

L’accaduto colpì il Parroco locale che informò il Patriarca di Aquileia, il quale decise di far erigere una cappella sul luogo del ritrovamento. La struttura odierna non è più la stessa della cappella originale. La chiesa costruita successivamente venne poi ampliata nel 2000 in occasione del Giubileo.

All’interno del santuario si possono ammirare splendide opere del pittore sloveno Tone Kralj, tutte raffiguranti episodi vicini alla figura della Madonna come la raffigurazione della Madonna Consolatrice degli afflitti e l’Annunciazione.

Cosa vedere nei dintorni del Monte Lussari

Nei dintorni di Monte Lussari si possono trovare molte mete sciistiche ed escursionistiche particolarmente adatte agli amanti dell’alpinismo e del turismo di alta quota. Nella frazione di Camporosso si trova infatti la cabina che permette di raggiungere le piste da sci del Comprensorio di Tarvisio, aperto da dicembre a aprile.

Il complesso offre la bellezza di 859.000 mq di piste da discesa e 50 km di piste da fondo, con percorsi che variano da difficoltà più alte per sciatori esperti fino a piste più dolci, adatte per i principianti e bambini.

Idea di itinerario

La vicinanza del Monte Lussari ad altri due paesi europei si presta molto bene a organizzare un bel percorso di viaggio a due ruote anche grazie ai suoi paesaggi mozzafiato e un sistema di strade armonioso e ben mantenuto.

Partendo da una location più a sud del monte, ovvero le cave del Predil, dirigersi verso il Monte Lussari come prima tappa dell’itinerario (48 minuti tempo di percorrenza). Dopodiché attraversare Tarvisio passando per l’Orrido dello Slizza e proseguire in direzione Coccau fino a raggiungere il confine austriaco al Valico Coccau. Entrare in Austria e seguire le indicazioni fino a Arnoldstein.

Dopo una decina di minuti di viaggio, raggiunta Arnoldstein, seguire la strada che va a ovest e poi a sud per raggiungere la Slovenia. Da qui si giunge nella cittadina di Polken dopo circa un’ora di viaggio.

Dopo aver raggiunto Polka seguire le indicazioni verso Sonzia sempre andando a sud. Proseguire poi brevemente verso nord fino a raggiungere Strmec na Predelu. Infine rientrare in Italia proseguendo a nord per arrivare nuovamente alle Cave del Predil.

Mappa

Consigli utili per visitare Monte Lussari

Miglior periodo per andare

La stagione consigliata per visitare la zona dei Monti Lussari è quella invernale, poiché i monti sono imbiancati dalla neve e permettono di sfruttare le strutture sciistiche e i meravigliosi paesaggi. Il clima della zona è generalmente freddo ma secco, tassativo munirsi di vestiti pesanti e scarpe da montagna.

Percorso e moto consigliata

Per i guidatori su due ruote sarà necessario montare le gomme da neve ed eventuali catene e informarsi bene sulla segnaletica internazionale per quanto concerne i limiti di velocità e simili. Consigliato l’uso di moto da trial o motocross vista l’altitudine del Monte Lussari e la possibilità di incontrare strade impervie che necessitano di un’ottima presa dei copertoni.

TrueRiders

MONTE LUSSARI

  • Lunghezza (km): 127
  • Durata: 4 ore
  • Partenza: Cave del Predil
  • Arrivo: Cave del Predil
  • Principali località attraversate: Santuario del Monte Lussari, Orrido dello Slizza, Arnoldstein, Podkoren, Sonzia, Strmec na Predelu
  • Chiusura invernale: No