Monte Terminillo, in moto sulla “Montagna di Roma”

monte terminillo

Il Lazio è una regione prevalentemente collinare, sulla quale però si affaccia preponderante la vetta del Monte Terminillo.

Quella che per tutti è la “Montagna di Roma” regala alla regione centrale d’Italia sfumature di alta montagna, in questa propaggine dell’Appennino Laziale che si trova in provincia di Rieti.

Ci si può arrivare ovviamente anche in moto, passando per riserve naturali, laghi immersi nella natura e splendidi borghi antichi. Un tour di 170 chilometri che ci regalerà uno splendido scorcio dell’entroterra laziale, una giornata tutta da godere, passando per zone stupende, sempre in compagnia della nostra moto.

Monte Terminillo in moto

Mappa

Percorso

Il nostro tour inizia dal Monte Terminillo, un vero gigante degli Appennini, la cui vetta più alta raggiunge i 2200 metri di altitudine. Il Terminillo è la terza vetta più alta del Lazio, si trova in provincia di Rieti ed è un vero simbolo di questa zona.

Questo tratto si rivelerà perfetto da percorrere in moto, poco antropizzato e sfruttato a livello turistico, ci regalerà curve da affrontare in tutta tranquillità apprezzando a pieno la morfologia di questa zona.

Dal Terminillo, fatta scorta di curve e di montagna, ci spostiamo attraverso la SS4bis e la SP 22. Affrontiamo un tratto di circa cinquanta chilometri che, rimanendo in provincia di Rieti, ci porta fino a Rocca Vittiana, piccolo borgo costruito intorno al Lago del Salto.

Monte Terminillo
La Vetta Elefante, uno dei punti più alti del Monte Terminillo

Questo splendido bacino artificiale, famoso per la sua diga e le sue acque limpide, è nato ai piedi del Monte Navegna (1508 m.s.l.m), meta che saprà rivelarsi un’altra occasione per mettere alla prova la nostra abilità alla guida.

Rocca Vittiana è un borgo visitabile solo a piedi, quindi per scoprire questo luogo dovremmo lasciare temporaneamente la nostra moto e inoltrarci nelle vie di questo splendido borgo costruito su uno sperone roccioso rivolto verso il lago.

Castel di Tora
Il borgo di Castel di Tora, sulle rive del Lago del Turano

Rimontati in sella alle nostre moto affrontiamo il secondo tratto dell’itinerario per scoprire le zone intorno a Roma. Da Rocca Vittiana facciamo un breve spostamento di mezz’ora per arrivare sulle sponde del Lago del Turano, e precisamente dopo 20 chilometri ci troviamo a Castel di Tora, piccolo comune sempre in provincia di Rieti, entrato di diritto nel club dei Borghi più belli d’Italia.

Il borgo, oltre ad offrire splendidi scorci sul lago, ci offre la possibilità di scoprire la zona della Valle del Turano, tutelata dalla presenza della Riserva Naturale dei Monti Navegna e Cervia, un’occasione perfetta per scoprire flora e fauna del Lazio.

Un consiglio spassionato: questo borgo è perfetto per una sosta strategica, un bel pranzo sulle rive del lago per scoprire i tanti prodotti tipici della zona!

Anticoli Corrado
Uno scorcio del borgo antico di Anticoli Corrado

Riposati e perfettamente ricaricati siamo pronti a risalire in sella alle nostre moto per la terza tappa del nostro tour del Monte Terminillo.

Attraverso la SP34, raggiungiamo in circa 30 chilometri Anticoli Corrado, attraversando in lungo la Riserva Naturale dei Monti Navegna e Cervia, un tratto che è una gioia per gli occhi e per lo spirito.

Anticoli Corrado è un piccolo comune in provincia di Roma che svetta sulla valle dell’Aniene, costruito su un piccolo monte, con le sue viuzze e le piccole case in pietra, è l’ideale per una passeggiata.

Proseguendo lungo la SP33 ci avviciniamo sempre di più a Roma e arriviamo a Genazzano, comune immerso nella vallata del Sacco, dominato dai vicini Monti Prenestini e che sorge su uno sperone di tufo che gli conferisce un area maestosa.

Genazzano è caratterizzato dalla presenza di due corsi d’acqua che la attraversano; carichi di acqua, impetuosi, scendono dai più alti monti alle spalle della cittadina conferendo dinamicità a tutta la zona.

Genazzano, Castello Colonna
Il Castello Colonna, uno dei simboli di Genazzano

Ripartiamo da Genazzano, immergendoci nelle ultime propaggini delle montagne che circondano la Capitale in direzione di Velletri. Il più meridionale dei comuni dei Castelli Romani ha una antichissima storia alle spalle: secondo fonti accreditate, avrebbe dato i natali ad Augusto, il primo imperatore di Roma.

Prima di arrivare nel centro veliterno, percorriamo la Provinciale 600 che tocca anche Valmontone (lungo l’Autostrada A1), Artena (da scoprire il suo bel centro storico, visitabile solo a piedi) e Lariano, dove si può acquistare il tradizionale pane da farina integrale.

TrueRiders