Montefeltro, la storia delle Marche su due ruote

Montefeltro

Il Montefeltro è una storica regione situata nell’entroterra delle Marche, all’interno dell’attuale provincia di Pesaro-Urbino.

L’antico Ducato Montefeltro è un territorio che vanta grandi paesaggi naturali, dove le montagne si alternano a colline e valli boscose. Qui l’occhio è catturato da rocche e castelli, che ricordano un passato fatto di feudi e signorotti locali, ma non solo.

Una zona vasta, che sfiora l’Emilia-Romagna e la Repubblica di San Marino, dove riscoprire l’Italia più storica e tradizionale.

Il tutto, all’insegna di un’eleganza che ha pochi eguali, per chi vuole sempre di più dai suoi giri in moto.

Tutto quello che c’è da sapere sul Montefeltro

La terra dei borghi di montagna

Il territorio del Montefeltro ospita numerosi borghi montani. Il più affascinante è Carpegna, a due passi dal Parco naturale regionale di Sasso Simone e Simoncello.

Nel suo borgo, è caratterizzato dalla presenza del Palazzo dei Principi, la cui costruzione risale alla seconda metà del XVII secolo. Qui, durante la Seconda guerra mondiale, furono “riparati” molti capolavori dell’arte italiana, tra cui i dipinti di Tiziano, Caravaggio, Raffaello, Tintoretto, Piero della Francesca, Beato Angelico e Donatello. Due gli edifici religiosi degni di nota: la Chiesa di San Sisto e la Chiesa di San Nicolò.

frontino
Il centro storico di Frontino con la sua torre ricoperta dalle piante

Non lontano da Carpegna, Frontino è un’altra destinazione da non perdere nel Montefeltro. Il delizioso borgo della provincia di Pesaro-Urbino è inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia. Nelle immediate vicinanze del Parco naturale regionale di Sasso Simone e Simoncello, Frontino regala suggestivi panorami intorno a sé. Il momento migliore per visitarlo è proprio in occasione delle ultime ore di luce del giorno, per assistere a uno spettacolare tramonto.

Salendo più a nord si incontra Macerata Feltria, ribattezzato l’angolo di paradiso nel Montefeltro dal sito ufficiale de I Borghi più belli d’Italia. Insieme ad altri piccoli paesi delle altre province marchigiane, Macerata Feltria è considerato tra i borghi marchigiani più belli. Da visitare il Palazzo del Podestà, che al suo interno ospita il Museo Civico Archeologico e Paleontologico. Macerata Feltria è inoltre famosa per essere uno stabilimento termale, dunque il consiglio è di fermarsi qui per godersi un po’ di assoluto relax alle terme.

La storica regione del Montefeltro ospita al suo interno anche la città di San Marino, il principale centro abitato della Repubblica di San Marino. Qui si respira un’atmosfera medievale, antica, quasi magica. Fra le attrazioni Piazza della Liberta e il Palazzo Pubblico, il Duomo e le Tre Torri di San Marino raggiungibili tramite il Passo delle streghe.

Cosa vedere nei dintorni

Pur non facendone parte a livello geografico, si consigliano di visitare altre due località di pregevole interesse storico-culturale che si trovano nelle immediate vicinanze della regione storica del Montefeltro: Corinaldo e Urbino.

corinaldo
Corinaldo, la città di Santa Maria Goretti e dell’antica tradizione del “pozzo della polenta”

La prima è in provincia di Ancona, e nei primi anni Duemila ha vinto il prestigioso riconoscimento di borgo più bello d’Italia. Urbino è invece la città natale di Raffaello e il suo centro storico è stato nominato Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.

Montefeltro in moto

Mappa

Percorso

L’itinerario nel Montefeltro parte da Corinaldo (Ancona) e arriva a Città di San Marino, nell’omonima Repubblica. L’itinerario che, di fatto, si conclude all’estero, attraversa alcuni deliziosi borghi del Montefeltro come Macerata Feltria e San Leo, per un totale di 141 km e una durata di poco più di 3 ore (escludendo fermate per visite, foto, pranzi o pause).

Da Corinaldo si guida in direzione nord, raggiungendo prima Fossombrone (città ricca di storia immersa nella valle del Metauro), poi Acqualagna (nota per essere la Capitale del Tartufo) e quindi Urbino.

Si prosegue poi nel cuore della regione storica del Montefeltro, prima a Macerata Feltria, quindi a San Leo, dove si entra nella regione Emilia Romagna (entroterra della provincia di Rimini). Tappa finale presso la città di San Marino.

Consigli utili per il motociclista

Periodo migliore per visitare il Montefeltro

Il momento migliore per affrontare l’itinerario suggerito alla scoperta del Montefeltro in moto è l’estate, quando bellissime giornate di sole restituiscono un quadro idilliaco agli occhi dei visitatori.

Clima

Prendendo come riferimento la città di San Marino, in estate la media della temperatura massima si attesta tra i 22 e i 24 gradi, mentre in primavera e in autunno si va dai 13 gradi di aprile ai 20 di settembre. L’inverno è piuttosto rigido, con minime ampiamente sotto lo zero.

Percorso e limiti di velocità

La migliore moto per l’itinerario del Montefeltro è quella classica da turismo, in modo da godersi al meglio le splendide strade tra le colline della storica regione dell’entroterra marchigiano. Per quanto riguarda i limiti di velocità, eccetto il tratto da Fossombrone ad Urbino (statale 73-bis, dove ci sono diversi tratti con limite fissato a 90 km/h), l’itinerario si estende su strade provinciali in cui non si possono superare i 70 km/h.

Nota finale per il dislivello: nelle Marche, si parte dai 200 metri di Corinaldo per raggiungere i 350 metri della città di Urbino. Nella seconda parte del percorso si toccano invece i 589 metri di altitudine di San Leo e i 750 metri di altezza della città di San Marino, il punto più alto dell’intero itinerario.

TrueRiders

MONTEFELTRO

  • Lunghezza (km): 141
  • Durata: 3 ore
  • Partenza: Corinaldo
  • Arrivo: Città di San Marino
  • Chiusura invernale: No
  • Principali località attraversate: Fossombrone, Acqualagna, Urbino, Macerata Feltria, San Leo