Nord Sardegna in moto

nord sardegna

Il Nord Sardegna alterna lungo le sue strade paesaggi di mare e panorami mozzafiato. Da scoprire a nuoto e da percorrere in moto, tra curve e sentieri che cingono le spiagge e cavalcano i promontori.

Per farlo al meglio andremo a percorrere un itinerario le cui estremità corrispondono alle località turistiche più conosciute e apprezzate della regione: Stintino e Porto Cervo.

Un percorso di circa 200 chilometri, non particolarmente impegnativo, con quattro tappe fondamentali: Castelsardo, Santa Teresa di Gallura, la Maddalena e appunto Porto Cervo.

Nord Sardegna in moto

Mappa

Percorso

Situata di fronte all’Asinara, zona protetta dal Parco Nazionale, Stintino è lo spartiacque tra Mar Tirreno e Mar Mediterraneo. Una zona ricchissima di spiagge bianchissime, emblema del Nord Sardegna marittimo.

Da qui parte il nostro viaggio: percorrendo la SS200 dell’Anglona ci spostiamo verso sud, per poi deviare verso Porto Torres. Da qui è possibile inoltre imbarcarsi alla volta dell’iconica Corsica.

Proseguendo, in circa 30 chilometri si arriva a Castelsardo, uno dei borghi più belli d’Italia, diviso tra il mare e la collina.

Dopo aver sostato nel borgo, per ammirarne le bellezze, ci dirigiamo verso il punto più settentrionale del nostro itinerario: Santa Teresa di Gallura, che è anche una delle due estremità delle Bocche di Bonifacio, lo stretto che separa Sardegna e Corsica (Francia).

Il percorso è di circa 73 chilometri, tutti da percorrere sulla Strada Provinciale 90 in direzione nord. L’itinerario si avvicina maggiormente all’entroterra, attraversando alcuni piccoli comuni come Valledoria e Badesi, e ricongiungendosi alla costa in corrispondenza di Vignola Mare, a pochi chilometri da Santa Teresa di Gallura.

Abbiamo visitato la bellissima Santa Teresa di Gallura, scoperto il suo borgo coloratissimo, l’imponente profilo della Torre spagnola e le acque cristalline di Santa Teresa e Capo Testa. Ora il nostro percorso nel Nord Sardegna ci porta, in 25 chilometri, nell’Arcipelago della Maddalena.

Lasciamo Santa Teresa Gallura e prendiamo la Strada Statale 133 di Palau proprio in direzione Palau. Nel piccolo borgo potremo lasciare la moto e, dopo un piccolo trasbordo in traghetto, giungere su quest’isola-parco naturale dalla bellezza suggestiva. Scendiamo dalla moto, e gustiamoci qualche ora “a piedi” (o a nuoto, perché no!).

Il nostro viaggio sardo giunge verso la conclusione. Dopo essere tornati sulla “terraferma”, riprendiamo la nostra moto da Palau, e ci dirigiamo verso Porto Cervo, la capitale della Sardegna “chic”. Per farlo, però, ci dirigiamo verso l’entroterra, con una deviazione particolare.

Prendiamo la Strada Statale 125 Orientale Sarda, e a metà circa del percorso ci ritroviamo ad Arzachena, nell’entroterra. Qui, tra le bellissime testimonianze storiche ed archeologiche, ne approfittiamo per gustare un buon bicchiere di Vermentino di Gallura DOCG, tra i vini sardi migliori.

Ripieghiamo verso nord, sulla Strada Provinciale 59, che in circa venti chilometri, dopo aver superato Santa Teresina, Abbiadori e Golfo Pevero, ci porterà dritti a Porto Cervo. Sentiamoci VIP per un po’, perché il nostro viaggio finisce sì, ma culmina qui!

TrueRiders