TrueRiders

Panoramica Zegna, in moto tra le strade del Piemonte

panoramica zegna_524240236

La Panoramica Zegna in moto è uno dei più bei percorsi stradali del Piemonte, la cui realizzazione, a metà Novecento, fu finanziata da Ermenegildo Zegna, noto imprenditore del tessile e della moda.

Panoramica Zegna storia

Costruita precisamente negli anni ’30, e inaugurata nel 1938, la ex Strada statale 232, ora SP232, ha una lunghezza di circa 44 chilometri, e si dirama nella provincia di Biella, più precisamente tra i comuni di Villanova Biellese e Bocchetto di Sessera, superando un dislivello di 1.141 metri, dai 232 di Villanova Biellese ai 1.373 di Bocchetto di Sessera.

Durante questo bellissimo itinerario in moto in Piemonte si incontrano diversi comuni e frazioni e, soprattutto nei mesi meno caldi, si può assistere a un rapido cambio di condizioni ambientali e di panorami, dal verde del fondovalle fino al bianco dei monti innevati. Ed è proprio in inverno che questa strada da il suo meglio, con gli scenari imbiancati che somigliano a una fiaba.

Per chi, oltre alla motocicletta, è amante delle escursioni, imperdibile una salita alla Rocca d’Argimonia, che segna il confine ideale tra Valle Sessera e Valle Strona di Mosso, e alla quasi omonima Oasi Zegna, area naturalistica di oltre 100 chilometri quadrati, un vero e proprio laboratorio ambientale e sportivo adatto a tutti i tipi di turismo, non per ultimo quello su due ruote.

Itinerario

Mappa

Il percorso alla scoperta della Panoramica Zegna prende il via da Villanova Biellese. Ci troviamo nel cuore del Piemonte, non lontano dalla Riserva naturale orientata delle Baragge e da Buronzo, dove è situato il tracciato di prova della FCA – Fiat Chrysler Automobiles.

Lasciata Villanova sulla SP230, deviamo in Località Donna sulla SP232 e iniziamo la “rincorsa” alla Panoramica Zegna, o meglio sarebbe dire all’Oasi Zegna, che si trova in una zona verde davvero molto bella da scoprire, anche in sella.

Si prosegue così fino al Bocchetto di Sessera, dal quale poi la SP115 ridiscende in direzione di Rosazza, dove è possibile raggiungere il Santuario di Oropa, uno dei Sacri Monti Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Video

TrueRiders