Passo dei Carpinelli

Il Passo dei Carpinelli sorge a 842 metri d’altitudine, sul confine fra la Garfagnana e la Lunigiana lungo l’ex SS445. L’altezza non è delle più eccezionali ma il paesaggio che propone lo è assolutamente. 

Il valico è infatti sovrastato dal Monte Argegna, a 1019 metri sul livello del mare, con una veduta sull’intero arco delle Alpi Apuane.

In un paesaggio quasi da cartolina il valico toscano (detto in dialetto “Cason”) si mostra con dei lineamenti semplici ma delicati. Un passo incastonato in un panorama solitario ma affascinante, circondato da rigogliose selve di castagno, abeti, cerri, ontani e carpani.

Oggi è una delle mete più rinomate nei pressi di Lucca per gli amanti di gite e itinerari escursionistici adatti a tutti. Suggestivi paesaggi e percorsi non troppo impegnativi l’hanno reso un luogo molto frequentato per la villeggiatura estiva. Una sorta di riscoperta naturale avvenuta negli ultimi anni che fa del Passo dei Carpinelli una delle destinazioni predilette per il turismo slow, tra escursioni di trekking e in mountain bike, senza farsi disdegnare dagli amanti dei motori a due o a quattro ruote.

Un territorio bello e interessante nella sua semplicità ma anche ricco di storia e cultura che oggi si fonde con i tanti e ricchi itinerari di trekking, tutti interessanti e da provare.

In moto tra Garfagnana e Lunigiana

La Garfagnana è tante cose, tanti paesaggi e tanti percorsi da scoprire. Non è solo Via Francigena o Alpi Apuane, ma è anche pianori, sentieri, laghi, fiumi, fortezze millenarie e caratteristici borghi medievali che si incastonano in cornici naturali bellissime. Suggestive attrattive paesaggistiche sconosciute ai più che gratificano l’occhio e l’anima. Tra questi piccoli e meno conosciuti itinerari troviamo anche il Passo dei Carpinelli, località poco sopra Minucciano attraversando Albiano e Sermezzana.

Ogni escursionista sarà sicuramente ripagato dalla “scalata”. Silenzio e pace assoluta regnano lungo il Passo dei Carpinelli, quelli che sa regalare la montagna e la natura più semplice. Bellezze naturali autentiche che si mescolano a due siti antichi. Arrivati in alto non si possono perdere.

Primo tra tutti il suo bianco Santuario della Madonna della Guardia che spicca in solitaria sull’ampio altopiano del Monte Argegna, situato ad una manciata di metri poco sopra il passo. Costruito verso la fine dell’Ottocento a suffragio di protezione delle terre di Garfagnana e Lunigiana, nella piccola chiesa si venera oggi come allora la statua della Madonna della Guardia. Dietro il Santuario, infatti, c’è la grande campana degli alpini che si ritrovano sul monte l’ultima domenica di agosto per la tradizionale festa della Madonna.

Proseguendo verso il comune di Giuncugnano ancora tracce di un passato lontano ma indelebile. I resti dell’antico Hospitale di San Nicolao di Tea, un rifugio di epoca medievale costruito per dare assistenza ai viandanti e ai pellegrini che percorrevano la via Francigena.

Passo dei Carpinelli, in sella tra storia e natura

A cavallo tra Garfagnana e la Lunigiana si nascondono degli itinerari in moto ricchi di adrenalina. Diverse sono, infatti, le strade serpeggianti che invitano ogni motociclista a percorrerle in un tracciato tra boschi e pianori. L’itinerario che proponiamo è davvero ricco, oltre che lungo, e ci porta in alcune delle zone più spettacolari della Toscana per arrivare proprio al Passo dei Carpinelli.

Partiamo da Lucca, una delle città più rinomate della regione. Passiamo per il Ponte del Diavolo a Borgo a Mozzano, i Bagni di Lucca, località termale tra le più rinomate della Toscana e l’imperdibile San Gemignano. Ci avviciniamo così verso l’Orrido di Botri, il famoso canyon a forma di mezzaluna. Impossibile non fermarsi.

Altra sosta poco più avanti la merita il paesino di Barga, inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia. Di nuovo in sella per attraversare Castelnuovo Garfagnana, e cominciamo a salire verso Sillico e poi una impennata di curve e tornanti verso San Pellegrino in Alpe. Ci immettiamo così nel Parco dell’Orecchiella, un’area naturale ricca di boschi di castagno, abeti e faggi tra i quali si aggirano cervi, mufloni, capriolo, volpi e tassi. Se si è fortunati e non si fa troppo rumore con la propria moto si riesce a vedere sicuramente qualche esemplare.

Torniamo leggermente indietro vero Castelnuovo di Garfagnana, andando in direzione Isola Santa avendo come meta Passo della Formica, altra sosta in una location montana amata dai motociclisti. Non manca molto al nostro traguardo. Passiamo per Careggine, Vagli, Campocatino e qui, per chi ha tempo, fermata all’Eremo di San Viano. Ci lasciamo alle spalle anche il lago di Gramolazzo, un’altra manciata di chilometri e siamo al Passo dei Carpinelli. Spegnamo i motori, ci rilassiamo e ci dedichiamo alla visita al Santuario di Nostra Signora della Guardia.

Da qui possiamo scegliere se proseguire in direzione del Passo del Cerreto (circa 20-25 km) oppure deviare verso Sarzana e ritornare a Lucca seguendo la direttrice tirrenica. In quest’ultimo caso attraverseremo Massa, Forte dei Marmi, Lido di Camaiore e Viareggio, località tra le più amate della Versilia.

Mappa itinerario

TrueRiders