TrueRiders

Passo del Maniva in moto, valicando le Prealpi Bresciane

Moto itinerario Passo Maniva

Con i suoi 1.664 metri il Passo del Maniva è una delle strade più interessanti delle Prealpi Bresciane e Gardesane.

Uno splendido percorso della Lombardia in moto che attraversa le località di Collio, Bienno, Anfo e Bagolino lungo la SS345 delle Tre Valli.

Il Passo del Maniva, al di là delle semplici considerazioni motoristiche o strutturali, è una strada ricchissima di panorami e di luoghi dove fermarsi ad ammirare lo spettacolo della natura lombarda, e soprattutto la sua centralità rispetto al territorio della bresciana lo rende facilmente visitabile, da solo o in abbinamento con altri percorsi.

Tra questi, troviamo il Passo di Crocedomini (SP669-SP345), raggiungibile da Breno e tramite la Strada delle Tre Valli, oppure dal Passo di Baremone (o Passo del Marè), un altro interessante percorso che sale fino a 1.450 con una pendenza molto significativa, il 16%, su un percorso peraltro breve, 11 chilometri in tutto.

Mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Riva del Garda
  • Arrivo: Giogo del Maniva
  • Lunghezza: 76,4 chilometri
  • Durata: 2 ore

Passo del Maniva in moto. L’itinerario

Passo del Maniva
Passo del Maniva, la chiesetta sulla cima

La centralità del Passo del Maniva rispetto all’Alta Lombardia lo rende una destinazione adattissima per quanti vogliano godersi un giro lungo le Alpi lombarde, anche e soprattutto nella bella stagione.

In questo percorso partiamo da Riva del Garda, la punta settentrionale (in Trentino Alto Adige) del Lago di Garda e, toccando il Lago d’Idro, arriviamo fino al Giogo del Maniva.

Lasciamo Riva del Garda e. seguendo la SS240, incontriamo dopo pochissimi chilometri lo splendido scenario del piccolo Lago di Ledro, dove si trova il Museo delle palafitte, che getta luce sugli insediamenti preistorici dei territori del Nord Italia, patrimonio dell’Umanità UNESCO.

All’ombra del Monte Cadria, che ci guarda dall’alto dei suoi 2.254 metri, nel pieno delle Prealpi Gardesane, il nostro percorso prosegue attraverso la zona di Ledro e Tiarno, costeggia il Lago d’Ampola e arriva fino a Storo, dove lasciamo la SS240 per proseguire lungo la SP69.

Siamo a circa metà del percorso, e soprattutto ci avviciniamo fortemente al Lago d’Idro, il quale merita una sosta già solo per ammirare la bellissima Rocca d’Anfo, a picco sulle sponde. Pochi chilometri lungo la SP669 ci portano a Bagolino, da dove parte la salita vera e propria al Passo del Maniva.

Il percorso è particolarmente tortuoso, immerso tra fittissimi boschi di alte conifere, che di tanto in tanto si aprono in bellissimi spazi panoramici verso la vallata sottostante. Giunti sul Giogo del Maniva, si può proseguire se proseguire verso il Crocedomini, che dista circa 16 chilometri, o seguire la direttrice nord-ovest, che ci porta dritti al Lago d’Iseo.