passo gavia
Passo Gavia

Passo Gavia, un nome una garanzia per una delle esperienze motociclistiche più belle che offrono le Alpi. Questo itinerario lungo il Passo del Gavia non può dunque che seguire questo percorso così suggestivo, nel bellissimo Parco dello Stelvio.

Un itinerario di 75 chilometri che da Ponte di Legno ci accompagna verso Livigno, uno dei comuni più alti d’Italia al confine con la Svizzera.

Tutto quello che c’è da sapere sul Passo Gavia

Mappa

Passo Gavia apertura

A causa della quota altimetrica rilevante (2.621 m.s.l.m.) il Passo Gavia ha un’apertura limitata al solo periodo tardo-primaverile ed estivo. In particolare la SS300 è, in ogni periodo dell’anno, vietata a veicoli oltre le 3,5 tonnellate e con altezza superiore ai 2,8 metri.

Durante l’inverno, il Gavia viene investito da fortissime precipitazioni nevose, nell’ordine di vari metri, che rendono la sua transitabilità pressoché impossibile. Ecco perché il valico rimane aperto solamente da giugno a settembre.

Apertura 2019

L’apertura del Passo Gavia 2019 è stata molto più in ritardo di quanto inizialmente previsto. Le fortissime nevicate di maggio hanno portato l’accumulo nevoso in quota a oltre dieci metri, con la decisione di cambiare il percorso della 16° tappa del Giro d’Italia.

La strada, che era in parte praticabile, rischiava però di vedere la presenza di pericolose valanghe e slavine con il rischio per l’incolumità dei ciclisti e non solo. Con l’arrivo del caldo a giugno il percorso è stato liberato e reso agibile ed è ora possibile percorrerlo senza rischi fino a fine estate.

Altimetria

Il percorso del Passo Gavia ha una lunghezza complessiva, nel tratto Bivio Tonale – vetta di 16,7 chilometri. Il dislivello complessivo è di 1.322 metri (1364 m.s.l.m. al Bivio Tonale, 2618 in quota), mentre la pendenza media è del 7,9%.

I tratti con pendenza maggiore sono tre: due in corrispondenza del terzo tornante e uno tra il settimo e l’ottavo tornante. Qui la pendenza è rispettivamente del 12, 12,6 e 12%, mentre quella più alta in assoluto raggiunge a 1763 metri il 16% (km 8,000).

Webcam

Ammirare la montagna in ogni momento dell’anno è il sogno di tanti turisti, soprattutto quelli su due ruote. Il Gavia è peraltro una meta decisamente suggestiva, con le sue altissime vette e la strada tortuosa.

Per essere sicuri di scoprirlo anche se non fisicamente sul posto, ecco la webcam Passo Gavia posizionata a 2.652 metri in corrispondenza del Rifugio Bonetta.

Passo Gavia in moto

Dopo aver visitato Ponte di Legno, in piena Val Camonica e nel punto più alto della provincia di Brescia, partiamo in direzione nord. Percorriamo la SP29, quasi 17 chilometri di percorso che, passando per Precasiglio e Pezzo, salgono da 1.257 metri fino ai 2.621 metri del Passo Gavia.

Si tratta di un passo a percorribilità ridotta, visto che già rimane chiuso da ottobre a maggio a causa delle forti precipitazioni nevose invernali. Nonostante ciò, è uno dei luoghi più amati da ciclisti e motociclisti, grazie al percorso suggestivo e pieno di curve, con pochissime macchine in circolazione.

Una volta superata la vetta l’altitudine diminuisce, ma ci aspetta un bellissimo tratto di 26 chilometri, lungo la natura del Parco Nazionale dello Stelvio. Proseguiamo sulla SP29 fermandoci per una sosta relax a Santa Caterina Valfurva, altra località sciistica e turistica molto nota per chi frequenta questi luoghi.

Passo Gavia moto
Uno scorcio sulla strada del Passo Gavia in estate

Scendendo ancora e superando Sant’Antonio e Uzza, ci ritroviamo a Bormio. Antica città romana, famosissima per la presenza degli stabilimenti balneari dei Bagni Nuovi e dei Bagni Vecchi, Bormio è attraversata dal torrente Frodolfo.

Proprio sul Frodolfo si apre il bellissimo Ponte di Combo, costruito forse nel 1300 e unica porta d’accesso in passato alla città provenendo dal Gavia. Lasciamo Bormio e ci spostiamo sulla Strada del Passo dello Stelvio, la SS38, per poi deviare sulla SP29 e, infine, sulla SS301.

Il percorso, passando per Valdidentro e Trepalle ci porta a Livigno, al termine di un percorso di 33 chilometri. Il nostro itinerario in moto sul Passo di Gavia si conclude qui. Per chi volesse si può proseguire sulle sponde del Lago di Livigno e, superando il confine, verso le montagne della Svizzera.

TrueRiders