TrueRiders
Passo Gobbera

Passo Gobbera è un valico alpino del Trentino Alto Adige orientale, che mette in comunicazione il comune di Canal San Bovo, del quale fa parte, e Imér.

Ponendosi tra la valle del Vanoi e la valle del Primiero, il passo è suggestivo da percorrere in moto, fino a salire sul suo punto più alto a 989 metri sul livello del mare, offrendo la veduta di un bellissimo panorama sulle valli del Trentino.

Passo Gobbera prima della costruzione della galleria nel monte Totoga era l’unica via di comunicazione tra la valle del Vanoi e quella del Primiero.

Questa zona è caratterizzata da ampie superfici di pascoli interrotte solo da piccoli gruppi di case, da ammirare soprattutto se si sale in moto da Canal San Bovo. Su Passo Gobbera sorge infatti anche un piccolo centro abitato impreziosito dalla chiesa del ‘600 dedicata a san Gottardo, ristrutturata del 2010.

L’itinerario

Mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Trento
  • Arrivo: Mezzano
  • Lunghezza: 105 km
  • Arrivo: 2 ore e 25 minuti
  • Tappe: Levico Terme, Borgo Valsugana, Passo Gobbera

Il nostro itinerario in moto che attraversa le valli del Trentino Alto Adige parte dalla famosa e importante città di Trento fino a raggiungere Mezzano.

Trento offre delle straordinarie bellezze architettoniche e naturali, come Piazza Duomo, la Basilica di San Vigilio, il MART (Museo di Arte moderna e contemporanea di Rovereto e Trento) e l’Alpe di Trento (Monte Bondone). Da qui ci si mette in viaggio verso Levico Terme attraversando la Valsugana, luogo incantevole sia nella stagione estiva che in quella invernale.

Si costeggia in moto il Lago di Levico, una delle più rinomate Terme ottocentesche, infatti insieme al Lago di Caldonazzo è uno tra i più caldi del sud Europa; bandiera blu per le acque, profondo 38 metri, ricorda molto per la sua conformazione un fiordo norvegese ed è circondato da boschi dove fare delle piacevoli passeggiate.

Passo Gobbera vista aerea
Una veduta dall’alto del Passo Gobbera

Proseguendo in sella il nostro itinerario continua sulla SS47 fino a raggiugere Borgo Valsugana, il paese che s’affaccia sul Brenta e che offre al visitatore scorci deliziosi, portici e architetture di pregio: l’imponente Castel Telvana sovrasta il centro e tutte da ammirare sono le varie chiese, mentre per gli amanti dell’arte c‘è il percorso Arte Natura che conduce ad ArteSella, biennale internazionale d’arte.

Percorrendo la SP78 e 79 si giunge a Passo Gobbera fino a 989 metri d’altezza: oltre alla chiesa di san Gottardo da qui è possibile raggiungere la chiesetta di San Silvestro in circa 30 minuti a piedi, passando per un comodo sentiero.

La sosta permette di osservare una grande varietà di flora e la calchèra, una fornace anticamente utilizzata per la produzione della calce, situata nelle vicinanze del passo.

Dopo aver superato Imér si raggiunge in poco tempo la nostra destinazione, uno dei “borghi più belli d’Italia”, Mezzano. Località storica e tipica del Primiero offre una vista spettacolare sulle cime delle Dolomiti ed è un pittoresco paesino dal quale raggiungere a piedi anche la località San Giovanni con la sua chiesetta alpina e la val de Stua, dove ammirare un meraviglioso anfiteatro delle Pale di San Martino, circondato dalle montagne.

Claudia Giammatteo