TrueRiders
Passo Pura

Il Passo Pura si trova nella regione italiana del nord est Friuli Venezia Giulia e appartiene alla catena delle Alpi Giulie.

La strada del valico è denominata Via San Valentino e sono disponibili due percorsi per raggiungere la vetta: partendo da Ampezzo la salita è infatti lunga 12 chilometri, altrimenti ne bastano 7.

Nel passo sono presenti diversi tornanti da percorrere in moto, che portano ad una pendio boscoso, fino a raggiungere il grande prato del passo.

Passo Pura in moto. L’itinerario

Mappa

Informazioni utili

  • Partenza: Lozzo di Cadore
  • Arrivo: Ampezzo
  • Lunghezza: 56 km
  • Arrivo: 1 ora e 30 minuti
  • Tappe: Sauris, Velt, Passo del Pura

Il nostro itinerario in moto è breve ma davvero suggestivo: si parte in sella da Lozzo di Cadore, nell’alta valle del Piave; il paese è noto per gli antichi mulini e per la Roggia dei Mulini, uno tra i più importanti siti di archeologia industriale di tutto il territorio cadorino, in quanto si trovano qui gran parte delle attività preindustriali legate allo sfruttamento della forza idraulica ed il loro modificarsi nel tempo.

Un consiglio è poi quello di passare per il bellissimo sentiero botanico intitolato a “Tita Poa” che percorre il bosco sovrastante e la strada che conduce a “Pian dei Buoi”: si trova a circa 1800 metri di quota e si raggiunge a piedi dalle Marmarole e con una carrozzabile asfaltata in 20 minuti di moto.

Proseguendo sulla SP619 si va in direzione Sauris e curva dopo curva, tra uno scenario alpino fatto di pascoli, boschi e rocce erose si valica la Sella di Razzo e imboccando la SP73 la Sella di Rioda.

Passo Pura, Sauris
Passo Pura, il Lago di Sauris

Il paese di Sauris è immerso nella natura delle Alpi Carniche. Situato in una conca è il più alto del Friuli ed è composto da tre frazioni (Sauris di Sotto, Sauris di Sopra e Lateis) e dalle località La Maina e Velt; il lago artificiale regala momenti di pace e silenzio, prima di ripartire immersi nella natura selvaggia.

Finalmente ci si avventura nel Passo di Pura, strada alternativa alla SP73 percorsa fino ad ora. Stretto e tortuoso questo percorso regala delle vedute meravigliose sulla Valle del Tagliamento e la possibilità di fermarsi in un ristorante per degustare i piatti della tradizione locale, come i funghi, i salumi e la birra artigianale.

L’arrivo è previsto ad Ampezzo, il comune con le caratteristiche case ad archi e le chiese graziose che impreziosiscono il centro con il Duomo di San Daniele Profeta, che custodisce importanti dipinti di Nicola Grassi e un bellissimo altare barocco.

Claudia Giammatteo