TrueRiders

Passo Sella, in moto tra le vallate dolomitiche

Passo Sella

Il Passo Sella è un valico del Trentino Alto Adige amatissimo dai motociclisti, e peraltro per buonissime ragioni.

Il Sellajoch, questo il suo nome tedesco, mette in comunicazione le province di Trento e Bolzano, unendo le splendide Val di Fassa e Val Gardena.

Passo Sella: numeri e curiosità

Il Passo Sella, attraversato dalla SS242 della Val Gardena e Passo Sella, si inerpica lungo le sponde delle Dolomiti fino ai 2.240 metri di altitudine. Un livello ragguardevole, non certo da record, al quale fa da contraltare la pendenza piuttosto impegnativa, con un massimo dell’11%.

Il valico è detto è detto Jouf de Sela in ladino fassano e Jëuf de Sela in e del ladino gardenese. L’influenza ladina, in questo territorio, è infatti estesa anche alla toponomastica di luoghi e strade.

L’importanza del Sella non è legata solo al mondo motociclistico, ma si estende anche alle due ruote ciclistiche. Qui, infatti, è passato per molte volte il Giro d’Italia, e vi si tiene la manifestazione Sellaronda Bike Day.

Dal 2017, nel periodo estivo, la circolazione sul Passo Sella è limitata a un numero prestabilito di mezzi a motore. La decisione, che ricade nell’iniziativa Green Days, vuole promuovere la mobilità sostenibile soprattutto in alta quota.

Mappa

Informazioni utili

  • Lunghezza: 32 chilometri
  • Durata: 1 ora
  • Partenza: Canazei
  • Arrivo: Corvara in Badia:
  • Principali località attraversate: Passo Sella, Passo Gardena

Il percorso in moto sul ripercorre, in buonissima parte, quello del Sellaronda. Iniziamo da Canazei, splendida località sciistica posta sulla SS48, che seguiamo per 5-6 chilometri fino all’intersezione con la SS242 (la SR48, invece, porta verso il Passo Pordoi).

La salita al Sella, ricca di splendidi tornanti, si estende sulle basi delle Torri Sella, ed è foriera di panorami da sogno.

Proseguiamo dunque verso nord collegandoci alla SS243, che ci porta verso il Passo Gardena e Corvara in Badia, meta finale dell’itinerario.

Stefano Maria Meconi