Viaggia con TrueRiders!

Scopri i tour 2020 che abbiamo selezionato e organizzato su misura per te

Chiudi

Valico di Chiunzi, in moto sulle “montagne” della Costiera Amalfitana

Valico di Chiunzi
Valico di Chiunzi, in moto sulla Costiera Amalfitana

Il Valico di Chiunzi si trova nella splendida, e famosa in tutto il mondo, penisola sorrentina. Il passo collega infatti l’agro nocerino-sarnese con la Costiera Amalfitana, attraverso i comuni di Sant’Egidio del Monte Albino e Tramonti.

Una volta attraversato il valico si entra nel territorio di questo comune, dopo aver percorso le strade provinciali 2/a San Lorenzo-Corvara-Chiunzi e la 2/b Chiunzi-Polvica-Maiori e il comune di Sant’Egidio del Monte Albino.

Tutto quello che c’è da sapere sul Valico di Chiunzi

Il Valico di Chiunzi costituiva in tempi remoti un’importante via di collegamento tra l’entroterra ed il mare, anche se la strada era poco più che una mulattiera. A quel tempo era nota come la “Via delle tramontane”.

La criticità del tracciato è testimoniata dal presidio della Torre normanna, ancora oggi ben conservata, usata probabilmente per motivi militari e fiscali, cioè come dogana e per avvistamenti.

Valico di Chiunzi in moto

Mappa

Percorso

La Costiera Amalfitana non ha bisogno certo di presentazioni. Il nostro itinerario che passa per il Valico di Chiunzi regala panorami unici su questo gioiello italiano, che tutto il mondo invidia ed ammira.

La partenza avviene a Vietri sul Mare, la prima città della costiera, famosa per la lavorazione della ceramica, dove ammirare quindi le botteghe tipiche. Si parte in direzione Cetara e dopo una sosta panoramica ad una delle sue bellissime spiagge, come quella “della Marina” con la grande torre, si giunge a Maiori e Minori. La strada è in alcuni punti stretta e quindi è necessario procedere con cautela quando la visibilità si riduce.

Prima sosta a Maiori, dove gli appassionati di trekking trovano un vero paradiso nel Sentiero dei Limoni, immerso nella natura. Una delle attrazioni maggiori è poi il Castello di San Nicola de Thoro-Plano, in cima alla collina, da dove godere di un panorama mozzafiato sulla città.

Si procede verso Amalfi, ma un chilometro prima si sale per Ravello, quindi Tramonti, fino a giungere al Valico di Chiunzi, dov’è d’obbligo una sosta fotografica e rigenerante.

Da qui si riprende verso Amalfi, la città principale della costiera che è anche quella più turistica, quindi molto affollata in quasi tutte le stagioni. Patrimonio dell’umanità UNESCO è da visitare assolutamente con il suo Duomo e il panorama più unico che raro.

Consigli utili

Miglior periodo per andare

Trattandosi di una località “marittima” (pur in senso lato) il Valico di Chiunzi è accessibile durante tutto l’anno. Ovviamente i periodi migliori per visitarlo sono quelli primaverili e tardo-estivi, evitando i mesi di luglio e agosto.

Durante l’alta stagione infatti la percorribilità delle strade della Costiera Amalfitana è scarsa, e si rischierebbe di ritrovarsi in coda per molto tempo. Una pessima idea per chi, invece, vuole godersi in tutta serenità le curve di Amalfi e dintorni.

Claudia Giammatteo