TrueRiders

Il Colle della Scala, itinerario in moto sulle Alpi Cozie


Non solo la Gioconda: stando ai nostri amati itinerari di montagna, un motivo di discussione con i francesi potrebbe anche essere il Colle della Scala, un valico alpino che in passato rientrava nei nostri confini.

Ovviamente non vogliamo fare nessuna polemica, ma un po’ di spirito patriottico sale soprattutto da parte di chi conosce bene e ha avuto modo di percorrere le tortuose strade di questo passo situato nelle Alpi Cozie, sbocco naturale tra la Val di Susa e la Val de Clarèe. Nominalmente il Colle della Scala ricade oggi nell’area amministrativa della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, regione della Francia meridionale, ma noi continuiamo a sentirlo ancora nostro.

Perciò non potevamo fare a meno di organizzare un itinerario in moto di confine, partendo dalla nota Bardonecchia con passaggio lungo la D1 in territorio francese verso la città di Nèvache, e discesa finale con un nuovo attraversamento di confine verso il Sestriere. In tutto sono una sessantina di km in poco più di un ora e mezza.

Il Colle della Scala – Da Bardonecchia verso Nevachè

Per diversi secoli questo tratto era uno dei collegamenti privilegiati tra il Piemonte e la Francia, oggi invece è soprattutto il lato turistico a farne la caratteristica principale. Il Colle della Scala infatti collega diversi centri particolarmente apprezzati per quanto riguarda il turismo invernale, su tutti spicca Bardonecchia rinomata per quanto riguarda gli sport invernali partendo dalla quale ci avviamo sulla SP216 verso la frazione di Melezet prima e poi nei pressi del Pian del Colle.

A questo punto siamo prossimi all’attraversamento del confine nazionale tra Italia e Francia: la SP216 diventa ora la Strada D1 e prosegue con la salita del valico subito dopo lo svincolo con la Valle Stretta. La rotta verso Navachè è caratterizzata da una serie di curve e tornanti a pendenza piuttosto impegnativa e con la vista della cima della Guglia Rossa a fare da contorno prima di una rapida discesa che ci porta nella Valle del Clarèe.

Il ritorno in Italia – Colle della Scala al contrario o verso il Sestriere?

Nevachè è una tranquilla cittadina arroccata tra i due abitati della Ville Basse e Ville Haute e presenta diverse strutture interessanti da visitare, come la Chiesa di Saint Marcellin risalente alla fine del Quattrocento. A questo punto però dobbiamo decidere se per tornare in Italia conviene rifare il Colle della Scala al contrario, provando l’alternanza di salita e discesa in quest’ordine, oppure provare un altro piccolo itinerario verso una delle altre note località invernali italiane come il Sestriere.

Nel caso sceglieste questo percorso dovrete allora procedere verso est per oltre 16 km. Qui vi aspetta lo svincolo con la N94 sulla quale risalire verso Montgenèvre e poi Claviere superata la quale c’è il confine Francia/Italia. La strada diventa ora la SS24 e circa 16 km ci separano dall’arrivo nel Sestriere con un passaggio sui torrenti Ripa e Piccola Monginevro, mentre il panorama è contornato dalla vetta imponente del Mont Chaberton.

Video