TrueRiders

In moto sul Passo dello Spluga, tra Italia e Svizzera

spluga 353521919 740x494 - In moto sul Passo dello Spluga, tra Italia e Svizzera

Uno dei collegamenti fondamentali tra Italia e Svizzera, il Passo dello Spluga si caratterizza per la sua agevole percorribilità, ma anche per la bellezza dei panorami.

In questo luogo, uno dei più lontani dal mare di tutta la penisola italiana (oltre 240 chilometri dalla spiaggia più vicina), sin dalla Preistoria si collegava il nord e il sud d’Europa, attraverso un percorso che, almeno oggi, è lungo 39 chilometri, e che si imbocca da ambedue i lati, ovvero dalla Valle Spluga (in provincia di Sondrio) o dal Distretto di Hinterrhein.

Il nostro percorso parte da Montespluga, nei pressi dell’omonimo lago alpino, situato a una altitudine di 1.908 metri. Con le sue poche decine di abitanti, che appartengono ufficialmente al comune di Madesimo, Montespluga è l’ultimo avamposto italiano prima della “scalata” al passo dello Spluga, che segna il confine italo-svizzero.

La strada, la SS36 del Lago di Como e dello Spluga, è generalmente chiusa da novembre a maggio, a causa delle forti nevicate sulla zona, ma in ogni caso si tratta di una salita che, nei mesi estivi, ovvero quando è percorribile, non riserva particolari difficoltà.

Costruita tra il 1821 e il 1823, quando ancora le capacità tecniche erano “rudimentali”, il Passo dello Spluga presenta moltissimi tornanti e deviazioni, che permettono di affrontare agevolmente il percorso sulle Dolomiti lombardo-svizzere, con una pendenza che, nel punto massimo, raggiunge il 10%.

Una volta oltrepassato il confine, si entra nel territorio di Splugen, il “corrispettivo” elvetico di Madesimo, e in particolare si può fare una sosta alla bella ed accogliente Berghaus Splügenpass, una sorta di “autogrill di montagna”, o per meglio dire un rifugio che si trova intorno ai numerosi torrenti della zona, come il Lengeggbach.

Da qui parte la discesa verso il territorio svizzero “vero e proprio”, proseguendo sulla strada segnata dal confine italiano, che è piacevolmente costeggiata dallo scorrere del torrente Huschrenbach. Dopo circa 20 chilometri, si arriva finalmente a Splugen, sulla quale insiste la Strada 13, una delle principali rotte di collegamento interno in Svizzera.

Sebbene il nostro “tour del Passo dello Spluga” sia terminato, la zona ci permette moltissime escursioni di montagna e non solo, dal Guggernull al Piz Curvér, passando per le bellzze di Davos e Chur, in direzione nord, oppure di Bellinzona, Lugano e Locarno in direzione sud, in prossimità con il confine segnato dal Lago Maggiore o dal Lago di Lugano.