TrueRiders

In moto sull’Altopiano di Asiago, tra Trentino Alto Adige e Veneto

Altopiano Asiago

L’Altopiano di Asiago in moto: una proposta di viaggio davvero interessante, tra il Trentino Alto Adige e il Veneto.

Senza limitarci a questa zona, abbastanza ampia ma comunque facilmente percorribile in una giornata, oggi andiamo a scoprire un interessante itinerario che, partendo da Trento, passa per la Valsugana, scende per la zona del Grappa e, toccato il Vicentino, risale verso l’Altopiano di Asiago e, passando per Folgaria, conclude il suo percorso a Rovereto.

227 chilometri di laghi e passi di alta montagna, picchi e pianure, fiumi e laghi, all’insegna della bellezza unica che solo queste zone sanno offrire. Pronto a partire?

Mappa

Altopiano d’Asiago in moto – Informazioni utili

  • Lunghezza: 227 chilometri
  • Durata: 5 ore
  • Partenza: Trento
  • Arrivo: Rovereto
  • Principali località attraversate: Levico Terme, Bassano del Grappa, Schio, Asiago, Folgaria

Altopiano d’Asiago in moto – L’itinerario

Ci lasciamo alle spalle Trento, con la sua bellezza tipicamente trentina, e ci immergiamo nel pieno delle Dolomiti trentine, percorrendo per circa 5 chilometri le strade urbane che ci portano alla confluenza con la SS47.

Da qui, seguiamo proprio il bell’itinerario della SS47 per circa 30 chilometri, sfiorando il Lago di Levico e la località di Ischia (sì, proprio lei… solo in salsa montana), bagnata dalle acque del bel Lago di Caldonazzo, per poi percorrere gli ultimi tre chilometri sulla SP109, che ci conduce direttamente nel centro storico di Borgo Valsugana, che è uno dei più importanti in questa bella zona, detta appunto Valsugana.

 

La zona della Valsugana è attraversata, in larga parte, dallo scorrere del fiume Brenta, che ci accompagna in buona parte del viaggio verso la prossima destinazione, Bassano del Grappa.

I 52 chilometri che ci separano da Bassano sono dunque, in larga parte (almeno fino a Primolano), una sorta di divisione tra la Valle del Brenta e la Valsugana; usciti da Borgo Valsugana, seguiamo la SP109 per 3 chilometri, e successivamente prendiamo la SS47, in direzione sud.

Dopo Martincelli, entriamo in territorio veneto, e subito dopo incontriamo Cismon del Grappa, dove inizia la zona “del Grappa”, alla quale è chiaramente ispirata la bevanda alcolica che è una delle principali ricchezze di queste zone del Veneto settentrionale.

Da Bassano del Grappa, dove visitiamo lo storico Ponte degli Alpini, interamente realizzato in legno e coperto per proteggere il passaggio dalle intemperie, intraprendiamo il percorso in pianura che ci separa (38 chilometri circa) da Schio, e che passa per la località di Thiene, oltrepassando, nel suo scorrere, l’Autostrada A31; questo tratto di strada corre interamente sulla SP111, ed è dunque piuttosto facile da seguire.

Una volta giunti a Schio, ci facciamo coccolare – per una pausa rigenerante – dalla splendida gastronomia della città, ai piedi del Monte Pasubio, per poi ripartire in direzione di Asiago, dove inizierà la nostra “scalata” all’Altopiano dei Sette Comuni.

Il percorso tra queste due località è di circa 37 chilometri, da percorrere inizialmente sulla SS350, in direzione Piovene Rocchette, da dove poi ci immettiamo sulla SP349 che, lasciando la Pianura Padana, si immette nella zona prealpina, passando per Cesuna e Roana e toccando, in 29 chilometri, la splendida Asiago, che ci accoglie dall’alto dei suoi 1.001 metri sul livello del mare.

Dopo aver visitato (ed esplorato) le zone circostanti, riprendiamo il viaggio verso nord-ovest, e percorriamo nuovamente la SP349, che ci accompagnerà, in 64 chilometri, alla destinazione finale. In questo ultimo tratto rientriamo, verso Malga Laghetto, nella zona del Trentino, dove incontriamo Magrè e Folgaria, in seguito, fino ad arrivare, poco dopo, a Rovereto.