TrueRiders

In moto tra le gole più belle d’Europa

Le Gole del Verdon: itinerari in moto tra le gole più belle d'Europa

Picchi suggestivi, maestose pareti rocciose e percorsi dalla guida divertente: le nostre proposte per un viaggio in moto tra le gole più belle d’Europa

Qui a TrueRiders non ci siamo mai nascosti, palesando a più riprese il nostro amore per gole e forre, scenari naturali capaci come pochi altri di far felici i mototuristi a suon di curve, strade sinuose e vedute spettacolari. Molti dunque i percorsi che vedono canyon e affini protagonisti, tanto che scegliere tra le tante possibili destinazioni può rivelarsi difficilissimo e lo diventa ancora di più se si decide di travalicare i confini nazionali. Per venire incontro agli amanti del genere, tra novità e conferme, ecco allora una raccolta – senza pretesa di esaustività –  di suggerimenti di viaggio in moto tra le gole più belle d’Europa.

Davanti a statistiche su profondità e larghezza che si rincorrono (spesso anche smentendosi a vicenda) e a classifiche di “bellezza” che assegnano ora a questa ora a quell’altra gola la “palma” di più spettacolare d’Europa, un’unica certezza: nessuno di questi itinerari deluderà quanti da un tour su due ruote si aspettano innanzitutto un’immersione nella natura più selvaggia e incontaminata.

Francia e dintorni: viaggio in moto tra le gole più belle d’Europa

In moto tra le gole più belle d'Europa: le gole del Duratón, in Spagna
Le gole del Duratón, in Spagna

Partire dalla Francia è quasi d’obbligo, dato che proprio Oltralpe si trova il Grand Canyon più frequentato dai mototuristi di tutta Europa che, insieme a mostri sacri come il Passo dello Stelvio, ne parlano molto spesso come una delle mete da solcare su due ruote almeno una volta nella vita: il riferimento è ovviamente alle gole delle Gole del Verdon,  gole strette e profonde (dai 250 fino ai 700 metri) create dallo scorrere del fiume Verdon, da cui prendono il nome. Lo scenario perfetto, insomma, per concludere o impreziosire un itinerario tra Costa Azzurra e Provenza. Da ammirare, rigorosamente in territorio francese, anche la bellezza delle Gole dell’Ardèche, nel Rodano-Alpi: sono circa 30 i chilometri tutta adrenalina e panorami mozzafiato che vi aspettano tra le località di Vallon Pont d’Arc e Saint Martin d’Ardèche.

Se la Francia domina la scena, anche la Spagna si difende in materia grazie alle gole profonde scavate nel calcare dalle acque del fiume Duratón: l’occasione è ghiotta in questo caso per un viaggio nell’entroterra del Paese, che – lontano dalle destinazioni iberiche più tradizionali e consuete –  si spinga fino ai picchi della Sierra de Gredos, catena montuosa situata tra le province di Ávila, Cáceres, Madrid e Toledo.

Senza allontanarsi eccessivamente dai confini nazionali, da non sottovalutare è poi l’intera penisola balcanica, a cominciare dal Parco Nazionale di Paklenica, deviazione e/o meta più che raccomandata a quanti hanno intenzione di scegliere la Croazia, e l’incontro dalle suggestioni quasi uniche tra mare e montagna che i paesaggi croati sanno offrire, come prossima destinazione su due ruote. Spetta però al Montenegro e alla gola attraversata dal fiume Tara il primato di canyon più lungo non solo di tutti i Balcani, ma dell’Europa intera: autentico paradiso per gli appassionati di rafting, nonché patrimonio dell’umanità Unesco, è tra le attrattive principali del Parco Nazionale Durmitor. Un’autentica meraviglia della natura che vi consigliamo di attraversare in moto, senza trascurare il fascino del vicino fiume Piva e dei 1200 metri di profondità raggiunti dal canyon entro cui scorre per ampi e suggestivi tratti.

Proposte di viaggio in moto tra le gole più belle d’Italia

In moto tra le gole più belle d'Europa: la Strada della Forra
Le imponenti “pareti rocciose” della Strada della Forra

Va detto che opportunità di divertimento tra le curve naturali e gli squarci paesaggistici tipici di gole e forre non mancano neppure in Italia. Cominciamo allora dalle regioni settentrionali, dove presa d’assalto sin dai primi tepori primaverili è la Strada della Forra, un percorso sì di pochi chilometri ma all’insegna di vedute spettacolari sul Lago di Garda e volte letteralmente scavate nella roccia. Da fare assolutamente – su due ruote – almeno una volta nel corso della propria “carriera” da biker!

Non si preoccupino però gli amanti delle due ruote del Centro-Sud, perché anche in questo caso le occasioni di itinerari in moto tra alcune delle gole più belle di tutta Europa non mancano, come ad esempio sanno bene i motociclisti di Marche, Umbria e dintorni che si sono già cimentati con la Gola del Furlo: qui, la nostra proposta di itinerario da Urbino ad Ancona che la vede assoluta protagonista. Procedendo verso Sud segnaliamo quindi il Cilento e le gole del Calore e, ancora, il Parco nazionale del Pollino e le Gole del Raganello, per approdare poi in Sicilia dove lasciarsi travolgere dalla bellezza delle Gole dell’Alcantara nel corso di un itinerario alla scoperta del messinese.

È però in Sardegna che, a detta di molti turisti motorizzati e non, si trova uno dei canyon, se non il canyon, più affascinante d’Italia: stiamo parlando della Gola di Gorropu, profonda gola scavata dall’azione erosiva del Rio Flumineddu tra i comuni di Orgosolo e Urzulei, in provincia di Nuoro. Un’immersione nella natura del Supramonte non può quindi non prevedere – per chi è disposto anche a parcheggiare temporaneamente la moto – una visita alla gola, con percorsi e attività più o meno difficili da praticare a seconda della propria esperienza e attitudine all’escursionismo. In ogni caso, rigorosamente consigliata la stagione estiva, quando condizioni di luce e meteo sono di solito ottimali per godere a pieno del valore naturalistico e geologico del sito.

Che siate esterofili o preferiate invece dare la precedenza alle meraviglie italiane, un viaggio in moto tra le gole più belle d’Europa (o d’Italia) è insomma un’eventualità da considerare attentamente in vista della “stagione motociclistica” presto in arrivo. E qualunque sia la prima gola che non vedete l’ora di solcare… vi auguriamo buon viaggio e buon divertimento!