TrueRiders

Itinerario in Alaska: in moto tra ghiacci e cercatori d’oro!

alaska

È l’inverno che tutti noi immaginiamo. Siamo infatti in una delle regioni più simboliche: l’Alaska, terra di abbondanti nevicate, ghiaccio, bellezze naturali. Le temperature rigidissime e la presenza di poche strade trafficabili non ci impediscono un bel viaggio in moto tra i ghiacci, dalla costa sud all’entroterra!

Acquistato dalla Russia nel 1867, il 49mo stato americano inizialmente veniva visto come una terra inospitale, ma poi venne rivalutato anche grazie alla scoperta di giacimenti auriferi e petroliferi. La terra della corsa all’oro è stata spesso al centro di racconti su viaggi al limite delle possibilità umane.

Oggi è possibile ripercorrere quelle vie in sella alla nostra moto: questo itinerario tra i ghiacci parte da Seward, città della costa meridionale sul golfo dell’Alaska, passa per la città principale della regione, Anchorage e la tappa intermedia a Cantwell, terminando infine a Fairbanks, località dell’entroterra fondata da un emigrante italiano. Preparate l’attrezzatura da neve, si parte per un viaggio di quasi 500 miglia!

 

Prima tappa – Da Seward ad Anchorage

 

seward

Seward è una piccola città della penisola di Kenai, area situata sulla costa sud. Oltre che per l’acquario Alaska SeaLife Center, molto bello da visitare, è famosa per la presenza dell’unico carcere di massima sicurezza dello Stato. Magari evitiamo una visita al penitenziario e ci mettiamo subito in moto verso la meta finale di questa tappa, Anchorage.

Questo primo tratto dura all’incirca 205 km e richiede l’attraversamento degli splendidi paesaggi offerti dalla Foresta Nazionale di Chugach completamente innevata,  proseguendo in direzione nord sulla State Highway 9 per 63 km e mezzo. Qui bisogna prestare attenzione alla rotonda di Old Seward e svoltare a sinistra sulla O’Malley Road e proseguire sulla Walter J.Hickel Parkway per 13 km, entrando così ad Anchorage.

 

Seconda tappa- Da Anchorage a Cantwell



anchorage alaska

La città più grande e popolata di tutta l’Alaska ci accoglie con il suo paesaggio spettacolare: Anchorage è stata più volte definita come il più vivibile centro di tutti gli Stati Uniti d’America, favorita  anche dalla presenza del Parco Naturale Nazionale che permette l’osservazione del ricco patrimonio di fauna selvaggia della zona. Ne possiamo ovviamente approfittare anche per fare rifornimenti in vista del tratto successivo che ci porterà a Cantwell, località intermedia dove ci fermeremo dopo oltre quattro ore e mezza di viaggio.

Usciamo quindi da Anchorage prendendo l’I-A-1 N e proseguendo in direzione dell’uscita St.Old Glenn Highway (dopo 10,7 km) e superando poi Palmer (al 29mo km) dove entriamo sull’I-A-1 W. Dobbiamo ora seguire la direzione della Denali Highway verso Caldwell, sempre dritti per 287 km tra ghiaccio, neve e la vista spettacolare della riserva nazionale del Denali Park. Attenzione ai caribou che possono attraversarci la strada!

 

Terza tappa – Da Cantwell a Fairbanks



fairbanks

La lunghezza del tragitto precedente c’impone una sosta gradita a Cantwell, città del distretto di Denali situata tra i vicini Jack River e Cantwell Creek, corsi d’acqua che arricchiscono il patrimonio naturalistico di questa località che al tempo stesso è un importante snodo di collegamento del centro Alaska. Possiamo ora rimetterci in sella versa la tappa finale del nostro itinerario tra i ghiacci: Fairbanks, distante ancora 244 km. Dalla Denali Highway dobbiamo procedere in direzione sudovest verso la Hud Road e proseguire su di essa per quasi tutto quest’ultimo tratto, superando diverse piccole località affiancati dai crepacci, svoltando poi sulla Peger Road al 236mo km.

La città di Fairbanks ci attende: lo sapevate che venne fondata dall’emigrante italiano Felice Pedroni, originario di Fanallo, in seguito alla scoperta di un giacimento d’oro in un torrente (tutt’oggi noto come Pedro Creek) nel 1902? Inoltre qui nel periodo tra maggio e luglio è possibile osservare il sole di mezzanotte, stemperando un po’ il clima di una città che ha fatto registrate temperature negative da record (−62 °C)!