TrueRiders

Le Madonie in moto, itinerario tra il mare e l’entroterra siculo

intro-madonie

Zona montana che raggiunge quasi i 2.000 metri di altezza, le Madonie rappresentano uno dei più bei scenari naturalistici della provincia di Palermo. Oggi vogliamo portarvi a scoprire le Madonie in moto.

Un itinerario da fine settimana, si potrebbe definire, lungo 143 chilometri e dalla percorrenza circolare, che ha Cefalù come punto di partenza e arrivo, seguendo un percorso antiorario, che passa per Castelbuono, Geraci Siculo, Polizzi Generosa, Piano Battaglia e Collesano, prima di ritornare a Cefalù.

Pronti a partire per Li Marunìi, come vengono chiamati i monti da queste parti? Andiamo!

 

1° tappa – Da Cefalù a Geraci Siculo

cefalu tappa1 - Le Madonie in moto, itinerario tra il mare e l'entroterra siculo

Splendido borgo influenzato dalla cultura arabo-normanna, Cefalù non è solo una delle località più belle della provincia di Palermo, ma uno dei Borghi più belli d’Italia. La sua Cattedrale è riconosciuta dal 2015 come Patrimonio dell’Umanità UNESCO, e sono altrettanto importanti i monumenti civili e religiosi, così come le celebrazioni di culto, che vi si possono scoprire lungo tutto l’arco dell’anno.

Dedichiamo un tempo ragionevole a visitare Cefalù, prima di partire alla volta delle Madonie. Uscendo dalla città, seguiamo la SS113 per circa otto chilometri, fino al bivio con la SS286, che ci porta nell’entroterra siciliano dopo un breve tragitto a ridosso della costa. Proseguiamo per 14 chilometri, in direzione di Castelbuono, e vediamo che man mano l’altitudine aumenta. Già qui, infatti, ci troviamo a oltre 400 metri sul livello del mare, e il paesaggio assume un profilo più montagnoso e deciso.

Da Castelbuono a Geraci Siculo la distanza è di poco superiore ai 23 chilometri, da percorrere interamente sulla SS286. Le numerose curve ci fanno salire di molto, e una volta giunti a Geraci Siculo, l’altimetro segnerà ben 1.077 metri sul livello del mare. Vi sembrerà quasi di essere sulle Dolomiti, solo un migliaio di chilometri più a sud!

 

2° tappa – Da Geraci Siculo a Piano Battaglia




Castelsardo


Geraci Siculo è un comune dall’impianto fortemente medievale, con monumenti splendidamente conservati e di grande valore urbanistico-naturale, pienamente inserito nel territorio del Parco delle Madonie. Ne approfittiamo per visitarlo, prima di ripartire in direzione sud-ovest.

Seguiamo per circa 20 chilometri la SS286, fino quasi a Miranti, dove ci spostiamo deviando sulla SS120 (continuando, invece, si potrebbe raggiungere in una decina di chilometri Gangi, dichiarato il Borgo dei Borghi nel 2014), per raggiungere poi i comuni di Petralia Soprana (1.147 metri sul livello del mare) e Petralia Sottana (1.039 metri). Lasciamo la SS120 poco dopo Castellana Sicula, e ci immettiamo sulla SS643 per arrivare, in pochi chilometri, a Polizzi Generosa (da visitare l’antico Eremo di San Gandolfo).

Da qui, attraverso la SP119 prima, e via SP54 poi, raggiungiamo in circa 15 chilometri la località di Piano Battaglia, che è tra le più alte di tutte le Madonie, ultima tappa prima del ritorno a Cefalù.

 

3° tappa – Da Piano Battaglia a Cefalù



Piano Battaglia (Madonie, Sicilia)

Con i suoi 1.572 metri Piano Battaglia, frazione di Petralia Sottana, è una rinomata località per gli sport invernali. Si trova a una altitudine tale che moltissimi palermitani la scelgono come una sorta di “Cortina siciliana”, anche e soprattutto per la presenza di impianti di risalita e rifugi, tra i quali vale la pena citare il Rifugio Giuliano Marini, dedicato a un socio CAI scomparso sul Monte Bianco nel 1934.

Da qui godiamo uno straordinario quadro d’insieme sulle Madonie e le sue vette, che si spingono fino ai 1.979 metri del Pizzo Carbonara e i 1.865 metri del Monte Mufara. Ripartiamo verso nord, scendendo per circa 24 chilometri prima sulla SP54 e successivamente sulla SP9, che ci conducono a Collesano, la sede storica della Targa Florio, una delle più antiche corse automobilistiche al mondo, nata come gara competitiva nel 1906 e ora divenuta un rally.

Collesano rappresenta il termine del percorso nelle Madonie, dato che ci prepariamo a scendere fino al livello del mare. Dopo Collesano, scendiamo sulla SP9/SP113 in direzione di Campofelice di Roccella (13 chilometri) e da qui seguiamo la SS113 che ci conduce, in ulteriori 14 chilometri, direttamente a Cefalù, a completamento del nostro itinerario in moto sulle Madonie.