TrueRiders

Itinerario in moto nella Val d’Orcia, tra vigneti e borghi toscani

orcia

Cipressi, salumi e vini tra i quali il Brunello di Montalcino: il luogo in comune è la Val d’Orcia, meta del nuovo itinerario in moto di oggi!

E siamo di nuovo tra le valli della Toscana: stavolta siamo dalle parti intorno il Monte Amiata, precisamente tra la province di Siena (in misura prevalente) e Grosseto. La Val d’Orcia in moto è una esperienza tutta da vivere e che non può di certo mancare nel curriculum di un Trueriders degno di questo nome.

Inoltre avremo il plus piuttosto piacevole di poter assaporare le specialità culinarie e, immancabili, enogastronomiche della zona: ecco perchè in questo nuovo itinerario in moto tra le lande della Toscana faremo tappa nelle località dove si producono le migliori specialità, come Monteriggioni, Montalcino e Pienza, e lo concluderemo in due città decisamente rilevanti dal punto di vista letterario e artistico come Radicofani e Castel del Piano. Pronti per questa discesa “salutare” tra le valli della Toscana?

 

In moto nella Val d’Orcia – Tra borghi medievali, vini e salumi

valdorcia
I suggestivi scenari di Pienza, nel pieno della natura toscana

Complessivamente questa nuova avventura su due ruote prevede un chilometraggio superiore ai 150 km, e tra soste e strade di campagna sarebbe ideale avere a disposizione una giornata intera per goderci tutte le bellezze enogastronomiche e culturali della Val d’Orcia. Tra le tappe selezionate la città più a nord è quella di Monteriggioni, situata in piena Montagnola Senese, ma oltre la geografia in questo caso sono rilevanti due aspetti di questo borgo toscano, uno culturale l’altro decisamente più gustoso.

Il primo infatti si riferisce alla citazione diretta che la città ha nel XXXI canto dell’Inferno della Divina Commedia, mentre la seconda riguarda i salumi di Cinta senese, una particolare razza suina DOP allevata e macellata sin dai tempi degli Antichi Romani, anche e soprattutto nei dintorni di Monteriggioni. A questo punto dopo una buona scorta di salami possiamo cominciare il nostro itinerario in moto nella Val d’Orcia: la strada di riferimento iniziale è la SR2, più conosciuta Via Cassia Nord. Procedendo a sud passiamo anche nei pressi di Siena, e dopo quasi 60 km siamo a Montalcino, città inevitabilmente associata a uno dei migliori vini rossi italiani di sempre, ovvero il Brunello.

Non mancano però anche luoghi d’interesse da visitare, su tutti la Fortezza e il Duomo locale, splendidi esempi di costruzioni medievali. Da Montalcino il nostro viaggio nella Val d’Orcia prosegue sulle strade provinciali 14 e 146, destinazione Pienza. Dopo poco più di una ventina di km entriamo nel borgo toscano, luogo di produzione di un ottimo pecorino, particolare perché stagionato in botti di legno, e che di certo arricchirà la nostra collezione di prodotti durante questo viaggio nella Val d’Orcia, che andrà concludendosi in due città altrettanto importanti del punto di vista storico e enogastronomico: la prima è Castel del Piano, nella provincia di Grosseto, raggiungibile da Pienza tramite un lungo tratto sulla Strada Provinciale del Monte Amiata, nota come città dell’olio e del vino, e ricca di palazzi rinascimentali dove fare una visita.

L’altra invece è Radicofani, distante una quarantina di km da Castel del Piano sulla Strada statale 478 e nota come storica roccaforte signorile di Ghino di Tacco.