TrueRiders

Itinerario in moto sul Colle del Fauniera, le Cozie su due ruote

colle-fauniera

Alla scoperta di un valico alpino storico, stavolta nelle Cozie: salite e discese nel Colle del Fauniera, uno dei passi di montagna più adatti per un giro in moto.

Le valli piemontesi non ci deludono mai, e tra eventi famosi, curve e imprese ciclistiche l’itinerario in moto di oggi ne ha di storie da raccontare. Questo percorso di montagna conosciuto come il Colle del Fauniera infatti rappresenta la via di comunicazione principale tra la Valle Grana e il Vallone d’Arma ed è in prossimità di luoghi famosi come il Santuario di San Magno. Ma è anche legato a una battaglia violenta di tre secoli fa (tanto da venire ribattezzato) e in tempi più recenti per motivi decisamente diversi anche alle imprese ciclistiche di Marco Pantani.

Per quanto ci riguarda amici di Trueriders approcceremo l’itinerario in moto verso il Colle del Fauniera partendo da Demonte e quindi nel senso opposto di quella che è considerata una delle discese più impegnative di tutte le Alpi. Sarà quindi una salita in moto fino a Castelmagno, punto di arrivo di un percorso inferiore ai 35 km ma particolarmente tecnico.

 

In moto sul Colle del Fauniera: quando la discesa diventa salita


Colle del Fauniera (Foto copyright: Panda Project)

Abbiamo svelato in sostanza quali sono l’arrivo e la partenza di questa nuova avventura su due ruote, ci sembra quindi giusto raccontare anche gli episodi più famosi del Colle del Fauniera ai quali facevamo riferimento in precedenza. Il primo riguarda il nome stesso di questo valico, in precedenza noto come Colle dei Morti a causa di una sanguinosa battaglia avvenuta nel Settecento tra le truppe franco-ispaniche e quelle piemontesi. L’altra vicenda invece è collegata alla storia del Giro d’Italia: nonostante l’intensità del percorso raramente il Colle del Fauniera è stato scelto come tappa, anche solo di passaggio.

Ma gli appassionati di ciclismo ricorderanno sicuramente l’impresa compiuta da Marco Pantani che si prese la maglia rosa proprio su queste strade, nel tour “maledetto” del 1999, durante la tappa Bra – Borgo San Dalmazzo vinta da Paolo Savoldelli che invece costruì il suo successo proprio sulla discesa del Colle del Fauniera. Al Pirata è stata dedicata anche una statua: terminato ora il momento amarcord veniamo dunque alla rotta da tenere in questo itinerario nella valle cunense.

In moto può essere altrettanto interessante procedere nel senso opposto rispetto a quello convenzionale del ciclismo, interpretando quindi una salita sul colle. La partenza perciò è a Demonte, città fortificata durante i turbolenti episodi settecenteschi, dalla quale procediamo verso ovest prendendo la Via Val d’Arma. Km dopo km vi accorgerete della pendenza sempre più crescente di questa strada, in particolar modo una volta superato San Giacomo con quattro curve a gomito da brivido. L’arrivo a Castelmagno di media avviene dopo circa un ora e mezza, tanto per farci un idea dell’intensità di questo itinerario verso il Colle del Fauniera.

Video

Video