TrueRiders

La Polonia su due ruote, in moto da Cracovia a Varsavia

Cracovia

Terra poco conosciuta sotto il profilo turistico, ma dalle bellissime città e dalle atmosfere uniche, la Polonia è davvero interessante da scoprire in sella alla moto.

Quello che vi proponiamo oggi è un itinerario decisamente insolito, per la location (o meglio sarebbe dire, le location) che tocca, città dalla splendida storia culturale e per la nazione scelta, ma siamo sicuri che sarà fonte di ispirazione, per andare a scoprire un paese, la Polonia appunto, che ha davvero molto da offrire.

 

1° tappa – Da Cracovia a Katowice



Katowice

Nonostante al giorno d’oggi la capitale della Polonia sia Varsavia, è Cracovia la città più importante del paese, al livello storico e culturale, in misura tale che il suo nome completo in polacco includa anche la dicitura “Reale Capitale”.

Dopo averne visitato lo splendido centro storico, patrimonio dell’Umanità UNESCO, e il castello di Wawel, dove è conservata la Dama con l’Ermellino di Leonardo da Vinci, possiamo partire per il nostro viaggio nella splendida terra di Polonia.

Lasciamo il centro città, e ci spostiamo in direzione della DK7 Opolska, seguendo le indicazioni per Katowice, la nostra prossima tappa. Invece di prendere l’autostrada, che comporterebbe il pagamento del pedaggio, ci spostiamo sulla Strada regionale 94, altrimenti detta DK94, che percorriamo per 60 chilometri fino all’uscita Centrum di Katowice; per arrivare nel centro cittadino, seguiamo su 3 Maja e, in 14 chilometri, e mezz’ora circa di percorso, siamo giunti nella seconda città del tour.

 

2° tappa – Da Katowice a Czestochowa



Czestochowa

Principale centro abitato dell’Alta Slesia, regione storica della Polonia, Katowice è una città molto importante, sul cui territorio si mescolano sapientemente antico e moderno, in un connubio estremamente gradevole e che merita di essere visitato, prima di ripartire in direzione della vicina Czestochowa.

Dal centro cittadino, seguiamo le indicazioni per la Strada Europea E75, altrimenti detta DK1 nella toponomastica polacca; dopo un tratto interno di circa 27 chilometri, come detto, ci spostiamo sulla DK1 per 45 chilometri, uscendo infine a Piotra Bardowskiego e, in meno di 4 chilometri, giungendo al centro di Czestochowa in circa un’ora e un quarto, traffico permettendo.

 

3° tappa – Da Czestochowa a Lodz



Lodz

Ampio centro urbano, Czestochowa è famosa in tutta la Polonia – e nell’Europa cattolica – poiché sul vicino Jasna Gora (Monte Chiaro) sorge l’antico Santuario di Czestochowa, nel quale è conservata l’icona della Madonna di Czestochowa, o Madonna Nera, che secondo la leggenda fu dipinta da San Luca Evangelista.

Questo santuario, visitato ogni anno da milioni di persone, è una meta che non possiamo davvero perdere nel nostro tour, e ne approfittiamo per visitarlo prima di partire per questa terza tappa del viaggio, che da Czestochowa ci porterà verso Lodz, una delle “capitali culturali” della Polonia centrale.

Lasciata Czestochowa, seguiamo le indicazioni per immetterci nuovamente sulla DK1 (E75), e senza particolari difficoltà proseguiamo, nella bella natura polacca – tra boschi e piccoli borghi – fino all’uscita Bełchatów della DK1, dalla quale poi ci immettiamo sulla Wojska Polskiego e Ludowa e, dopo un tratto di 40 chilometri sulla DK12/DK8, giungiamo a destinazione, nella splendida Lodz.

 

4° tappa – Da Lodz a Varsavia



Varsavia

Nell’ampio panorama multiculturale polacco, Lodz ha sempre rappresentato una città di riferimento; prima dell’invasione tedesca e dell’Olocausto, infatti, a Lodz oltre il 30% della popolazione era di religione ebraica, e questo grande patrimonio culturale, pur con le distruzioni belliche, è ancora oggi molto forte.

Dopo una bella passeggiata sulla centralissima Piotrkowska (ben 7 chilometri di lunghezza complessiva), e una visita ai vari monumenti cittadini (comprese le numerose statue sparse per il centro storico), possiamo ripartire verso Varsavia, capitale della Polonia e meta finale del nostro viaggio.

Si tratta di un ultimo tratto (tappa) di 137 chilometri, che percorre il larghissima parte la DK14 (da Lodz a Lowicz) e, successivamente, la DK92, oltrepassando le cittadine di Sochaczew e Blonie, per immettersi sulla DW719/DW631 che ci permettono di raggiungere Varsavia in meno di tre ore.