TrueRiders

Lago di Como in moto, due ruote in Lombardia

Menaggio

Il Lago di Como in moto, un giro a due ruote sul terzo lago più grande d’Italia.

Innanzitutto, qualche nota esplicativa: il Lago di Como, nella sua parte sudorientale, è conosciuto come Lago di Lecco, ed è peraltro quello decantato da Alessandro Manzoni nei primi paragrafi dei Promessi Sposi (la vicenda di Renzo e Lucia, infatti, è ambientata proprio tra Lecco e Milano).

Il perimetro naturale del lago è di 190 chilometri, e si estende tra le province di Como e Lecco, entrambe in Lombardia, con i due capoluoghi di provincia che costituiscono anche i siti turistici più visitati, insieme a Bellagio, che si trova a metà strada tra le due città.

Il nostro itinerario parte e arriva a Como, percorrendo il lago in senso orario, toccando prima l’estremità settentrionale di Gravedona, poi il lecchese, risalendo verso Bellagio e finalmente scendendo su Como, per un chilometraggio complessivo di 167 chilometri.

Informazioni utili

  • Lunghezza: 166 chilometri
  • Durata: 4 ore e 20 minuti
  • Partenza: Como
  • Arrivo: Como
  • Principali località attraversate: Menaggio, Gravedona, Dervio, Mandello del Lario, Lecco, Bellagio

Lago di Como in moto. L’itinerario

Bellagio
Romantica e rilassata, l’atmosfera di Bellagio incanta

Come già accennato, partiamo dal centro di Como, e uscendo, evitiamo il percorso della E35, che altrimenti ci porterebbe verso Chiasso e la Svizzera, e proseguiamo verso nord-est.

Nel nostro percorso, andiamo prima a toccare la rinomata località turistica di Cernobbio (dove si tiene ogni anno il Forum Ambrosetti), e proseguiamo successivamente sulla Strada Statale 340, costeggiando il lago per 36 chilometri, in direzione di Menaggio.

Altra località dal particolare appeal turistico, Menaggio si trova incastonata tra il lago, nel suo punto più ampio (direttamente parallelo a Varenna), e i monti delle Valli del Lario e Ceresio, la cui comunità montana fa capo alla nostra prossima tappa, Gravedona.

Proseguendo sulla SS340dir, ammiriamo un tratto del Lago di Como pressoché incontaminato, dove la natura da davvero spettacolo, e in circa 18 chilometri raggiungiamo Gravedona, o meglio sarebbe Gravedona ed Uniti, il comune nato nel 2011 dalla fusione di Gravedona, Consiglio di Rumo e Germasino.

Sorico, poco più a nord di Gravedona, è il punto più settentrionale del Lago di Como, ed è unito da un breve fiumiciattolo al Lago di Mezzola; da qui, il viaggio torna a seguire un percorso da nord a sud, e precisamente seguiamo la SS36, che in parte tocca l’entroterra, mentre per alcuni tratti corre parallela al lungolago.

Da Varenna in poi, passando per la SP72, la strada è invece tutta “a lungolago”, fino alla nostra tappa intermedia più importante, quella di Lecco, la splendida città che sorge sul ramo est del Lago di Como, e che è una delle destinazioni lacustri più frequentate della Lombardia, alla pari del Lago di Garda.

Proseguiamo dunque verso la SS583, in direzione di Bellagio, dove il lago, che nasce da un antico fiordo, si divide nei due “rami”.

Da qui, scendiamo finalmente in direzione di Como, ma senza disdegnare una zona naturale di particolare bellezza; il percorso è sempre quello della SS583, ma stavolta verso sud, e tocca alcune piacevoli destinazioni come Lezzeno e Brunate, prima di giungere, al termine di un tour di 170 chilometri, a destinazione!