TrueRiders

Lago d’Idro in moto, viaggio tra le Alpi di Lombardia e Trentino

shutterstock 493534426 740x554 - Lago d’Idro in moto, viaggio tra le Alpi di Lombardia e Trentino

Cerchi un itinerario lontano dalle orde dei turisti? TrueRiders ti propone un giro in moto tra la natura bresciana

Il lago d’Idro è una delle piccole perle del nord Italia. Posto in un punto strategico, tra il lago di Garda e il lago d’Iseo, si pone come meta e punto di passaggio tra questi due grandi e famosi invasi del bel Paese. A cavallo tra le province di Trento e Brescia non ha nulla da invidiare ai cugini più famosi e celebri: circondato da fitti boschi, sentieri tutti da esplorare, montagne verdeggianti che permettono una vista dall’alto straordinaria, acque cristalline dall’alta qualità.

Un piccola goccia di paradiso a due passi dalle Dolomiti ma con temperature miti e piacevoli, d’estate questo bacino glaciale si riempie di turisti che adorano la sua balneabilità e amano gli sport acquatici. Ma intorno al lago d’Idro c’è tutto un mondo ed un ecosistema stupendo da scovare e scoprire. Perché non farlo in moto per una gita fuori porta?

TrueRiders vi consiglia un itinerario a portata di tutti, esplorando questo specchio d’acqua incastonato in una posizione privilegiata, all’insegna di un piacevole giro in moto poco impegnativo da fare con gli amici.

Lago d’Idro: come arrivare

shutterstock 648079969 768x515 - Lago d’Idro in moto, viaggio tra le Alpi di Lombardia e Trentino
Un panorama serale sul Lago d’Idro, una perla “semisconosciuta” della provincia di Brescia

Tra i laghi bresciani, il lago d’Idro è sicuramente quello più snobbato dal grande flusso turistico. E proprio per questo noi ne vogliamo approfittare per proporvi un itinerario e una destinazione lontani dalla grande folla, dal caos e dalle orde di turisti ma che sia a stretto contatto con la natura alla riscoperta di un paesaggio quasi intatto, dove tra le curve e i tornanti dei monti boscosi che circondano il lago è bello scovare i piccoli paesini caratteristici e molto accoglienti oppure mettere le due ruote in standby e farsi catturare dalle tante attrattive culturali e paesaggistiche che questo piccolo paradico offre. Ma andiamo per gradi, come raggiungiamo il lago d’Idro? Vediamolo insieme.

Assolutamente facile da raggiungere, il lago d’Idro è a “portata di mano” da qualsiasi parte si arrivi. L’autostrada A4 Milano – Venezia ci porta dritti al casello di Brescia Est per poi seguire le indicazioni verso il Lago di Garda. Attenzione! Non lasciatevi trarre in inganno e non pensate, all’ultimo momento di boicottare l’itinerario deviando per Garda. Ci sarà tempo e modo per ammirare anche quello, magari in momenti più tranquilli dell’anno dove non c’è molto afflusso di turisti. E poi ancora seguire le indicazioni per Madonna di Campiglio, fino a Iseo. Ci sarete quasi perché questa località segna l’inizio del lago a Sud.

In alternativa se percorrete l’autostrada del Brennero A22 uscirete al casello di Mori e proseguire sulla SS240 per Riva del Garda, poi seguirete le indicazioni per Val Di Ledro e Storo. Qui attenzione perché dovrete immettervi sulla strada che torna verso sud SS237 fino a Ponte Caffaro, l’inizio del Lago d’Idro a Nord.

Lago d’Idro: un itinerario variegato

shutterstock 159099995 768x512 - Lago d’Idro in moto, viaggio tra le Alpi di Lombardia e Trentino
Il panorama dal basso della Rocca d’Anfo, sul Lago d’Idro

Sarà davvero bello percorrere in moto la strada che per circa 12 km costeggia il lago. Vi sembrerà davvero di essere un piccolo puntino in una meravigliosa cartolina. Il verde dei monti, l’azzurro del lago e quella lieve brezza che vi riga il viso vi faranno sentire al top. Un giro sulle due ruote per il solo piacere di girare e scoprire le meraviglie che la natura ci riserva.

E poi basta chiedere per immettersi sulle strade che portano verso i paesini con forti tradizioni del folklore popolare, come Bagolino e Bondone, solo per citarne alcuni. E le bellissime costruzioni, senza dubbio non potrete andar via senza vedere almeno dall’esterno la Rocca d’Anfo, una mastodontica fortezza napoleonica, tra le più grandi fortezze militari europee.

Oltre ai giri in sella, nei dintorni del lago d’Idro, potrete pensare anche di parcheggiare la vostra moto ed immergervi nei percorsi naturalistici proposti con piacevoli passeggiate e percorsi di trekking con viste panoramiche sul lago d’Idro. Una continua scoperta tra il verde delle querce e dei castagni, le malghe dove si produce il formaggio bagoss, ma anche le trincee delle due guerre mondiali e le antiche fucine per la lavorazione del ferro.

E se proprio non riuscite a concedervi al relax più assoluto potrete pensare di lasciarvi trarre in tentazione dalle moltissime attività sportive tipiche del lago d’Idro: arrampicate, ferrate, canoa, windsurf, parapendio, free climbing, motocross. Ce n’è davvero per tutti i gusti insomma. Basta solo scegliere!