TrueRiders

Le Gole del Verdon in moto, un itinerario nella natura provenzale

verdon

Oggi ci discostiamo dai classici “itinerari di montagna”, e puntiamo dritti verso in Francia, verso la Provenza, e in particolare in un luogo suggestivo e ricco di strade adatte ai viaggi in moto: le Gole del Verdon.

Nate dall’azione erosiva protrattasi per milioni e milioni di anni, le Gole del Verdon si trovano nella Francia meridionale, a poca distanza dalla grande Marsiglia, e non lontano dal confine italo-francese di Menton/Ventimiglia.

Si tratta di una zona protetta, che rientra nel territorio del Parco naturale regionale del Verdon, e che prende il nome dal fiume omonimo, il Verdon appunto, che ha un corso di 175 chilometri, dal Colle d’Allos alla Durance. Buona parte di questo territorio è composta da canyon naturali, alcuni alti centinaia di metri, che sono attraversati da strade e sentieri estremamente panoramici, impervi e ricchi di curve.

Per scoprirle al meglio, ti proponiamo un percorso suggestivo di circa 120 chilometri, che parte da Rougon e, percorrendo per buona parte il corso del Verdon, arriva fino alla Durance, uno degli affluenti del fiume Rodano, il quale a sua volta raggiunge il Mar Mediterraneo in corrispondenza della Camargue.

Da Rougon, si percorre la D952 in direzione ovest-nord-ovest, toccando, in un ricco percorso a tornanti, la parte più alta del Parc du Verdon, per poi riscendere verso Les Salles-sur-Verdon, dove il fiume si amplia a formare un primo, suggestivo lago.




gole del verdon

La D957 scende poi verso Vérignon, per poi risalire, come D49, a Bauduen, e continua per alcuni chilometri fino a Saint-Laurent-du-Verdon, un luogo immerso nella natura e nella bellezza delle gole del Verdon, che si vale una sosta riposante, prima di riprendere il percorso. In questo primo tratto di itinerario, infatti, abbiamo già percorso 73 chilometri.

Da Saint-Laurent-du-Verdon, prendiamo la D311, uscendo dal comune e affacciandoci sul “tratto sud” del fiume Verdon, che tocca prima il Museo della Preistoria delle Gole del Verdon, un luogo molto interessante nel quale sono conservate tracce degli insediamenti paleolitici in zona, e poi prosegue, come D82 e D315, verso Esparron-de-Verdon, dove il fiume si apre nel suggestivo Lac d’Esparron.

L’ultimo tratto dell’itinerario, di circa 76 chilometri, segue l’assottigliarsi del Verdon, che da fiume di montagna diventa una sorta di grosso torrente, con le gole sempre ben evidenti, ma meno imponenti. Da Esparron-de-Verdon, tocchiamo Gréoux-les-Bains, località termale piuttosto piacevole, e Peyrolles-en-Provence, ultima tappa prima di giungere a Saint-Paul-lès-Durance, dove finalmente termina il percorso del Verdon, che si unisce al Durance in un piccolo bacino lacustre, e che segna idealmente l’accesso alla cittadina di Saint-Paul.

162 chilometri in tutto, e una giornata tra tornanti e curve, in una natura, quelle delle Gole del Verdon, tra le più belle e rigogliose dell’intera Francia meridionale. Una “deviazione sul tema”, potremmo dire, ma che certamente ha molte frecce al suo arco!