TrueRiders

Monti Simbruini in moto, itinerario tra Subiaco e il Monte Livata

Monti Simbruini 740x481 - Monti Simbruini in moto, itinerario tra Subiaco e il Monte Livata

Un giro a due ruote tra le Alpi Romane: ebbrezza ed adrenalina tra strade tortuose che segano in due monti e valli. Pronti ad attraversare il paradiso dei motociclisti?

30.000 ettari di territorio protetto, cime che arrivano fino a 2.000 metri, immensi altopiani, acque sorgive ed un patrimonio culturale, storico e naturale senza eguali. Parliamo dei Monti Simbruini, il parco naturale più grande del Lazio, a due passi dalla capitale, tra le province di Roma e Frosinone, fino al confine con l’Abruzzo.

Un’area protetta che fin dall’antichità si è distinta per le sue grandi risorse di acqua che hanno permesso la realizzazione di grandiosi acquedotti. L’acqua rappresenta certamente la risorsa sulla quale queste zone da sempre hanno puntato ed il nome stesso del parco deriva proprio da questo. In latino, infatti, sub imbribus significa sotto la pioggia ad indicare proprio la grande quantità d’acqua tipica di questi monti e le condizioni climatiche ed idrologiche di tutta la grande area.

Ma i Monti Simbruini non sono solo acqua, ma tanto altro. Scopriamolo insieme a TruRiders, scopriamolo insieme sulle due ruote, per un itinerario all’insegna dell’adrenalina e del divertimento puro.

Informazioni utili

Scarica

Monti Simbruini in moto - Informazioni utili

Distanza 68 chilometri
PercorrenzaAlcune ore
PartenzaTrevi nel Lazio
ArrivoTrevi nel Lazio
Principali località attraversateAltipiani di Arcinazzo, Affile, Subiaco (Sacro Speco), Vallepietra
Periodo consigliatoTutto l'anno

Monti Simbruini: il paradiso dei motociclisti

Monti Simbruini in motoIl nostro itinerario interesserà l’intero territorio del Lazio per una gita fuori porta all’interno di un paesaggio suggestivo che ancora pochi conoscono. Sarà un mototur che vi coinvolgerà e vi stupirà non soltanto per la bellezza del paesaggio ma anche e soprattutto per la grande ebbrezza da vivere in moto. Attraverseremo il cuore dell’intero parco tra alte montagne ed infiniti altopiani, tra salite e discese che vi chiameranno a virate sensazionali.

Le strade che percorreremo con questo itinerario sembrano essere disegnate appositamente per essere percorse in moto. Strade tortuose, tipiche della montagna, che si addentrano tra faggi e abeti, per poi tagliare in due valli ed altopiani che si perdono a vista d’occhio.

Insomma un itinerario a due ruote di tutto rispetto per un territorio che noi di TrueRiders consideriamo il paradiso dei motociclisti tra l’imponenza delle vette e la meraviglia dei panorami che hanno fatto si che questo immenso parco prendesse il nome di “Alpi romane”.

Monti Simbruini in moto: tra le curve del Lazio

Il nostro moto tour tra i Monti Simbruini ha inizio a Subiaco, un suggestivo ed antico borgo medievale della città metropolitana di Roma Capitale, definito città della stampa e di San Benedetto.

Subiaco infatti ha legato la sua storia ai monasteri benedettini e alla stampa, proprio all’interno di uno dei monasteri, nel 1465, nacque la prima tipografia italiana. Sarete accolti dal Ponte Medievale di San Francesco, costruito nel 1358, passando così direttamente sul fiume Aniene.

Si entra così direttamente in paese e qui il consiglio è di spegnere i motori ed addentrarsi un po’ tra i vicoli medievali di questo caratteristico borgo alla volta dell’antico Monastero di San Benedetto.

Da Subiaco seguiamo la strada provinciale SR411 in direzione di Trevi nel Lazio. Il tratto è breve, solo 24 km, ma il percorso sarà da favola. Tempo di percorrenza circa 35 min per godere di un paesaggio stupendo e divertirsi in sella alla propria moto. Arriviamo nel cuore di un’ampia vallata, piccola e doverosa sosta a Trevi nel Lazio.

Piccolo ma caratteristico paese della provincia di Frosinone che conserva ancora segni evidenti e peculiari del periodo romano. A sorvegliare l’intero borgo il Castello Caetani e tutto il nucleo abitato è ancora protetto dalla cinta muraria romana e medioevale che si notano fin da lontano per via delle diverse torri, quadrate e circolari.

subiaco - Monti Simbruini in moto, itinerario tra Subiaco e il Monte Livata

Pausa pranzo in una trattoria tipica della zona per riposare e solleticare il palato e si riparte. Ci lasciamo alle spalle Trevi nel Lazio per entrare nel cuore montano dei Monti Sibillini. La guida in sella alla moto diventa sempre più entusiasmante, vi attendono un vortice di emozioni: inizia da qui il divertimento puro tra tornanti, gomiti e curve che solo la montagna sa offrire.

Prossima tappa Vallepietra, un paesino arroccato sulle montagne, appunto, che ci fa deviare un po’ il percorso ma che merita assolutamente di essere visitato, non solo per le sue bellezze ma anche per l’adrenalina che la strada offre, l’ideale per i veri enduristi. Vi attenderà un vero e proprio paradiso naturale. Un giro tra le viuzze del paese e poi un’imperdibile visita al santuario della S.S. Trinità di Vallepietra incastonato in una paesaggio da favola: alle pendici del monte Autore e a ridosso della Tagliata, uno strapiombo di roccia.

Ultima tappa per il nostro itinerario di oggi Monte Livata per una boccata d’aria ad alta quota, luogo per eccellenza di attrazione turistica di tutto il Lazio, sia in inverno per via delle pista da sci che d’estate con la possibilità di praticare sport e effettuare escursioni e trekking.