TrueRiders

Musei in moto, un nuovo itinerario in Emilia Romagna

shutterstock 654692530 740x494 - Musei in moto, un nuovo itinerario in Emilia Romagna

Un true rider è colui che fa del due ruote il suo stile di vita, ma anche colui che apprezza la bellezza delle moto d’epoca. Vogliamo coniugare la tua intenzione di organizzare un itinerario in moto alla scoperta del territorio e della nascita delle due ruote.

Per chi fosse un vero appassionato del collezionismo motociclistico c’è una regione del nord Italia, e più precisamente l’Emilia Romagna, che offre tre musei sulle motociclette storiche per un nuovo e divertente itinerario in moto.

 

Piccolo Museo della moto – Emilio Bariaschi

Il nostro itinerario in moto parte dall’Emilia, e precisamente a Guastalla (RE). Il museo, nato per volere di Emilio Bariaschi, appassionato di moto e motociclista in prima persona, ha come obiettivo quello di rappresentare il fenomeno della motorizzazione di massa dal secondo dopoguerra fino al boom economico (1945-1965). Il percorso si suddivide in quattro padiglioni; ad accompagnarti nel tuo viaggio ci sarà una guida tecnica e, grazie ad un video proiettore, potrai essere spettatore delle più famose competizioni motociclistiche dell’epoca. Per info: Piccolo Museo della Moto

Il Museo delle moto e dei ciclomotori DEMM

Ci spostiamo verso Bologna, e precisamente a Porretta Terme, cittadina che diede i natali alla DEMM (Daldi e Matteucci Milano), società nata nel 1928, nota per la produzione della moto Siluro, il cui esemplare è conservato all’interno del museo e che in passato ha permesso alla stessa DEMM di emergere duranti i campionati della montagna nei primi anni Sessanta. Il museo è nato nel 2005 ad opera di Giuliano e Mosè Mazzini che hanno voluto riportare in auge il nome e le vittorie di una grande azienda motociclistica. L’ingresso è su prenotazione. Per maggiori info: Museo DEMM

Museo Nazionale del motociclo

Il nostro itinerario termina sul mare, per l’esattezza a Rimini, sede del Museo Nazionale del Motociclo, sede di ben 200 pezzi che hanno caratterizzato la nascita e lo sviluppo del motociclismo. Il museo conserva pezzi di moto d’epoca storici di produzione nazionale, come la Frera e la Stucchi, ed internazionale, quale la Werner, moto pioniera di nascita francese, le moto inglesi come la Norton e la Scott e le americane come la Harley Davidson e la Indian. Inoltre, il museo vanta una collezione di sidecar italiani e stranieri per gli appassionati del trasporto formato famiglia. Per info: Museo del Motociclo

 

E tu, conosci altri musei di moto d’epoca nelle vicinanze? Condividili con noi e proseguiamo il nostro itinerario in moto insieme!