TrueRiders

Passo della Pradarena in moto, tra Toscana ed Emilia Romagna

Passo della Pradarena in moto

A oltre 1.500 metri d’altezza, uno dei più interessanti percorsi a due ruote dell’Appennino Tosco-Emiliano è rappresentato dal Passo della Pradarena in moto.

Alto ben 1.579 metri, il Passo della (o di) Pradarena si situa tra due monti piuttosto alti, il Cavalbianco e l’Asinara, che superano rispettivamente i 1.800 e i 1.700 metri sul livello del mare. Tramite il Passo della Pradarena si può passare dall’Emilia Romagna alla Toscana e viceversa, e precisamente tra i comuni di Sillano e Ligonchio (ora frazione del comune di Ventasso), toccando la Garfagnana e le pianure reggine.

Spesso scelto da ciclisti e motociclisti per una bella escursione nel pieno della natura appenninica, il Passo della Pradarena è sicuramente adatto per andarci in moto, anche per la presenza di un moderno rifugio, che permette una sosta rilassante.

Informazioni utili

  • Lunghezza: 46 chilometri
  • Durata: 1 ora
  • Partenza: Castelnuovo di Garfagnana
  • Arrivo: Ligonchio
  • Principali località attraversate: Silano, Passo di Pradarena

Passo della Pradarena in moto. L’itinerario

Il nostro percorso parte da Castelnuovo di Garfagnana, nel pieno di questa suggestiva zona dell’Alta Toscana e nei pressi del Lago di Pontecosi. Presa la SP43, proseguiamo poi sulla SRT 445 per 12 chilometri, per poi imboccare sulla SP14 e, dopo alcuni chilometri, sulla SP12 per altri 12 chilometri.

Arriviamo così ai 1.500 metri del Passo della Pradarena, sulla vetta di un percorso che era conosciuto già in epoca romana, fungendo da importante collegamento tra le pianure dell’Emilia Romagna e le vallate della Garfagnana, ma anche da punto di sosta, com’è testimoniato da alcuni ritrovamenti archeologici che lasciano presupporre l’esistenza di rifugi e ricoveri per i viandanti.

Oltrepassato il confine regionale tra Toscana ed Emilia Romagna, il nome della strada cambia in SP18 (ci troviamo precisamente nella provincia di Reggio nell’Emilia), e il percorso inizia a scendere, arrivando dapprima ad Ospitaletto (1.167 metri sul livello del mare) e, dopo pochi chilometri, a Ligonchio (949 metri sul livello del mare).