TrueRiders

Passo Pordoi in moto, itinerario in moto sulla “Cima Coppi”

Pordoi in moto

2.239 metri e un profilo davvero inconfondibile. L’esperienza del Passo Pordoi in moto regala sicuramente incredibili emozioni, soprattutto perché si trova in corrispondenza di alcuni luoghi davvero molto belli, nel pieno delle Dolomiti e non lontano dal Sellaronda, il tour per eccellenza dei passi delle Alpi.

Il modo migliore per scoprire il Passo Pordoi in moto è, peraltro, anche l’unico. Si parte da Arabba, in provincia di Belluno, e si arriva dopo circa 22 chilometri di curve e tornanti a Canazei, provincia di Trento. Dunque un passo “extraregionale” che, nonostante la sua lunghezza abbastanza breve, 12 chilometri appena, si appropria di alcuni degli scenari più belli delle Alpi.

Complice anche la pendenza abbastanza agevole, che varia da un minimo del 5,3% fino a un massimo del 9%, il Passo Pordoi in moto non riserva particolari sorprese, se non appunto quelle già citate della bellezza dei suoi panorami.

Che sia d’inverno o d’estate, il Passo Pordoi in moto (che resta aperto a tempo indeterminato, salvo che le condizioni meteo non impediscano il traffico agevole) è davvero foriero di scenari da sogno. Peraltro, scesi dalle moto una volta arrivati sul punto più alto, ci si presenterà una scena davvero variegata.

Da una parte, infatti, si trova l’Ossario nel quale sono conservati i resti di quasi diecimila caduti durante la Prima guerra mondiale; dall’altra, vediamo l’impianto di risalita che, dai 2.239 metri del Passo, ci porta fino al Sass Pordoi, 2.950 metri e una temperatura fresca anche ad agosto, per chi vuole sfuggire dai calori della stagione estiva.

Sicuramente da ammirare è anche il Monumento a Fausto Coppi, e qui non può mancare un accenno alla storia del ciclismo: è dal 1965, infatti, che si da il nome di Cima Coppi alla vetta più alta del Giro d’Italia, compito spettato al Pordoi, in questo mezzo secolo, ben dodici volte (lo stesso Coppi vi vinse ben 5 volte, dal 1947 al 1949, nel 1952 e nel 1954).

Una volta concessici una pausa (fotografica, anche!), possiamo riprendere il nostro giro sul Passo Pordoi in moto verso il Trentino Alto Adige, e precisamente a Canazei, che raggiungiamo dopo dieci chilometri e un dislivello, a scendere, di quasi 800 metri (Canazei si trova infatti a 1.450 metri sul livello del mare).