TrueRiders
shutterstock 511644913 1000x500 - Perugia – Città di Castello, in moto tra borghi e natura dell’Umbria

Perugia – Città di Castello, in moto tra borghi e natura dell’Umbria

Viaggio a due ruote nell’Umbria minore alla scoperta di tesori tutti da ammirare, tra bellezze architettoniche e suggestivi panorami con un’immancabile sosta a Gubbio

L’itinerario di oggi, cari bikers, è all’insegna dell’esplorazione e della riscoperta dei tanti e piccoli borghi dell’Umbria disseminati in un paesaggio naturalistico unico: l’Alta Valle del Tevere. Viaggeremo in sella alla scoperta di un’Umbria minore ma non per questo meno carica di fascino. Vedremo come tra le campagne del centro Italia sono nascosti dei grandi tesori tutti da scoprire e ammirare con un ventaglio di possibilità che riesce a soddisfare tutti i gusti: dall’arte contemporanea alle testimonianze di un passato storico-artistico spesso intatto, dalle bellezze architettoniche agli splendidi panorami naturali, c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Tra il verde inteso e luminoso delle sinuose colline umbre e quello delle dolci pianure ci faremo guidare da un territorio davvero ottimale per un giro in moto. Non mancheranno infatti i tratti interessanti e, motociclisticamente parlando, divertenti con curve e piccole ripide che fanno salire l’adrenalina.

Piccola controllata di routine prima di salire in sella, casco in testa e si parte da Perugia, percorrendo la E45 in direzione Cesena, verso le colline, verso un motoitinerario immerso nella natura e alla scoperta dei suggestivi borghi dell’Umbria fino a Città di Castello.

Gubbio: una sosta imperdibile

Gubbio - Perugia – Città di Castello, in moto tra borghi e natura dell’Umbria
Piccola sosta a Gubbio, gioiello dell’Umbria

Decidiamo di percorrere la E45 per diversi motivi: in primis per le caratteristiche della strada che dopo Valfabbrica è in grado di dare grandi emozioni ai bikers tant’è che tra i motociclisti locali questo è un tratto molto famoso: le curve, tornanti, le belle virate e un buon asfalto fanno si che la guida sia di tutto rispetto e all’insegna del divertimento. Ricordate però di essere sempre attenti e guidare pensando alla sicurezza propria e degli altri, perché il piacere sulle due ruote non si misura con la velocità. Altra motivo la possibilità di fare più soste durate il tragitto alla scoperta di piccoli ma incantevoli borghi.

Primo tra tutti Gubbio, famosa in tutto il mondo per la sua bellezza architettonica e per lo stretto legame che San Francesco ebbe con la città. Un giro quindi in centro è sicuramente d’obbligo partendo dal bellissimo e monumentale Duomo, tesoro d’arte del Cinquecento, per poi passare per la scenografica Piazza Grande che ospita il Palazzo dei Consoli. Senza allontanarsi troppo, giusto di fronte al Duomo il Palazzo Ducale e poco più avanti la Basilica di Sant’Ubaldo. Una piccola bomboniera che racchiude i suoi tesori l’uno accanto all’altro.

A metà mattina, ogni bikers che si rispetti ha bisogno di un piccolo spuntino per ricaricarsi prima di montare di nuovo in sella. TrueRiders vi consiglia un assaggio da street foot con la caratteristica crescia al panaro, una sorta di focaccia salata da gustare con gli affettai locali e con il friccò di agnello, anatra, pollo e coniglio; oppure il brustengo, del pane fritto guarnito con prosciutto o salsiccia. È a dir poco impensabile ripartire senza aver assaggiato almeno una di questa tipicità.

Una volta rifocillati, proseguiamo il nostro giro in moto e da Gubbio ci dirigiamo verso Città di Castello.

Verso di Città di Castello tra curve e controcurve

Città di Castello - Perugia – Città di Castello, in moto tra borghi e natura dell’Umbria
Città di Castello, la patria di Alberto Burri

Continua il viaggio in sella nell’Umbria minore ancora una volta lungo una strada divertentissima per tutti i bikers. Si passa per Scheggia e Apecchio e via via il percorso si fa sempre più interessante, la strada inizia a salire gradatamente concedendo ai motociclisti un susseguirsi di tornanti, curve e controcurve, gomiti e salite avvolti da un panorama splendido. Ad accompagnarvi anche un manto stradale perfetto, cosa di non poco conto.

Piccola sosta panoramica nei pressi di Fraccano se vi va di ammirare tutto ciò che vi siete lasciati alle spalle. Il passo è davvero breve, davanti a voi si aprirà la bellissima Città di Castello, la patria di Alberto Burri, riconoscibilissima dal gruppo di campanili che si vedono già da lontano.

Città di Castello, o se preferite Tifernum Tiberinum con il suo nome latino, è uno dei borghi più belli e suggestivi dell’Umbria. Ad accogliervi una centro che è considerato una meta turistica molto interessante, quindi spegnete nuovamente i motori e via con il tour turistico.

Partiamo da Piazza Matteotti, il “centro del centro” della città. Solo qui abbiamo una serie di palazzi antichi e favolosi: il Palazzo del Podestà, il Palazzo Bondi-Mancini, Palazzo Vitelli-Bufalini, Palazzo Cappelletti e Palazzo Bufalini. Immancabile una camminata fin su in cima per ammirare dall’alto il centro storico, sarà davvero una visione incomparabile.

A questo punto, dopo arte e cultura, è ora di sederci a tavola e deliziarci con le prelibatezze tipiche di Città di Castello: immancabile la baggiana, una minestra di fave, pomodori e basilico, che si può essere accompagnata dalla tigella, una sorta di piccola piadina che si è soliti mangiare con prosciutto, mortadella e formaggi. Un pranzo semplice, genuino e che non appesantisce troppo. Il tempo è tiranno quindi non possiamo trastullarci molto.

Dopo pranzo un po’ di spazio all’arte contemporanea e al grande artista del Novecento Alberto Burri che ha legato il suo nome alla Città di castello. Presso Palazzo Albizzini e gli Ex Essiccatoi del Tabacco è possibile ammirare la raccolta completa delle opere dell’artista, uno dei maggiori esponenti dell’arte informale italiana.

Il nostro viaggio per oggi finisce qui. A questo punto potrete imboccare nuovamente la E45 che vi porterà dritti a Perugia, oppure se volete provare un altro percorso, anche più breve, immettetevi sulla SS3bis e in 45 minuti circa sarete di nuovo nella città di partenza.

Restate sempre connessi, seguite sempre TrueRiders per degli itinerari in moto sempre nuovi e appassionanti!